L'auto più sicura ha 19 sistemi salvavita, ma nessuna norma per farlo

La Commissione Europea propone l'introduzione di 19 salvavita da imporre nella dotazione di serie, critica ETSC:l'elenco non è completo e va integrato

31 gennaio 2017 - 11:00

Sulle strade europee muoiono ogni anno 26.000 persone e coloro che riportano lesioni permanenti ammontano all'impressionante cifra di 135.000 feriti. Con il nobile intento di mettere un freno a queste stragi, incrementando il livello di sicurezza stradale, la Commissione Europea ha identificato 19 distinte tecnologie da proporre come dotazione obbligatoria per le auto nuove prodotte a partire dal prossimo anno. La proposta è stata accolta positivamente dal Consiglio Europeo per la Sicurezza dei Trasporti (ETSC) ma non sono mancate critiche per gravi lacune nella lista dei dispositivi salvavita.

MENO INCIDENTI MA AUMENTANO QUELLI MORTALI L'introduzione di dispositivi tecnologici di sicurezza attiva può ridurre in maniera drastica l'incidenza degli incidenti stradali e con essa il numero di pedoni, automobilisti e passeggeri coinvolti e a rischio di lesioni (Leggi qui la recrudescenza degli incidenti stradali). La progressiva introduzione obbligatoria negli anni passati di sistemi quali l'ABS o gli airbag ha contribuito ad arginare gli incidenti letali, ma stiamo assistendo ad un incremento dei sinistri a livello globale e la normativa europea non viene aggiornata ormai dal 2009.

SOLUZIONI GIÀ' PRONTE, INUTILE PROCRASTINARE Finalmente qualcosa ai piani alti della Commissione Europea si è mosso ed è giunta la proposta di rendere obbligatori 19 dispositivi che dovranno far parte della dotazione di serie delle nuove auto a partire dal 2018 e scadenzate negli anni a venire. In apertura accennavamo alle critiche mosse alla proposta dall'ETSC, queste riguardano sia alcune “dimenticanze” da parte di chi ha stilato la lista, sia il calendario proposto dalla Commissione per l'introduzione dei dispositivi, molti di questi sono già sul mercato e pienamente sviluppati e non sono comprensibili scadenze lunghe (Leggi qui l'opinione di ETSC sulla guida autonoma).

NESSUNO HA PENSATO A NUOVI CRASH TEST O ALL'ALCOLOCK L'ETSC ha lodato la proposta di rendere obbligatoria l'introduzione di dispositivi quali la Frenata Automatica d'Emergenza o l'Intelligence Speed Assistance, grazie al quale calibrare automaticamente la velocità in funzione delle mappe cartografiche e della segnaletica stradale, cosi come l'estensione a tutti i posti passeggeri del cicalino e degli avvisi per le cinture di sicurezza slacciate. Secondo l'ente per la sicurezza mancano invece importanti sistemi come l'Alcolock, il quale impedisce l'avvio dell'auto se il guidatore ha bevuto oltre i limiti (Scopri qui l'etilometro di bordo Honda), mancano regole per la progettazione di nuovi camion con strutture anti-incastro al frontale e soprattutto mancano nuove norme che aggiornino i crash test con prove più incisive per la sicurezza dei pedoni (Qui trovi tutti video degli ultimi crash test Euro NCAP).

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Multe stradali ai minorenni

Multe stradali ai minorenni: chi paga le sanzioni?

Auto bloccata in un passaggio a livello

Auto bloccata in un passaggio a livello: cosa fare

Guidare in montagna: i consigli per un weekend in sicurezza