L’auto del futuro? il 41% degli italiani la vuole ibrida

Un'indagine rivela come gli italiani immaginano l'auto del futuro. Il 41% la vuole ibrida, il 60% punta sulla connettività

10 aprile 2019 - 16:22

Come sarà l’auto del futuro? Facile rispondere a questa domanda: sarà elettrica, iperconnessa e a guida autonoma. Ma come vogliono gli italiani l’auto del futuro? Rispondere a questo quesito ha delle incognite in più. La famosa società di consulenza Deloitte, e più precisamente la propria divisione “automotive”, ha realizzato un’indagine per capirne di più. Lo studio si è basato sui dati raccolti intervistando oltre 20.000 automobilisti provenienti da 17 Paesi di tutto il mondo. Italiani inclusi.

PRIMI PER L’ELETTRIFICAZIONE

Il primo dato che balza all’occhio riguarda l’apprezzamento degli italiani verso le auto ibride o elettriche. Ben il 41% degli intervistati del nostro Paese spera che in futuro le auto sia elettrificate. Da questo punto di vista, siamo i primi in Europa. Solo Cina e Giappone, rispettivamente con un 46% e un 44%, hanno una preferenza più spiccata verso questo tipo di alimentazione. Gli Usa, al contrario, non vanno oltre un modesto 22%.

IL DOMANI SARÀ CONNESSO

Parlando invece di tecnologie inerenti l’infotainment, lo studio ha voluto capire come si distribuisce geograficamente la propensione a pagare un sovrapprezzo per avere accesso a una maggiore connettività a bordo. Anche da questo punto di vista, gli italiani hanno mostrato di essere tra i maggiori estimatori delle auto connesse (60% delle preferenze). Si sono piazzati prima di Stati Uniti (47%), Regno Unito (45%), Francia (36%) e Germania (35%). Addirittura, nel 72% dei casi si sono detti propensi a pagare di più per avere maggiore connettività a bordo. Curioso notare che, sempre parlando di automobilisti del Belpaese, questi siano i meno preoccupati di dover fornire i propri dati personali ai dispositivi connessi presenti a bordo delle auto. E lo stesso vale per il rischio di hackeraggio.

LA GUIDA AUTONOMA CONTINUA A FAR PAURA

Ormai è assodato: le auto a guida autonoma sono viste con diffidenza. Le iniziative per combatterla non mancano. I dati raccolti dall’indagine in oggetto hanno mostrato che il 29% degli italiani continua a ritenere le auto che si guidano da sole non sicure. L’opinione nasce, nel 53% degli intervistati, a seguito delle notizie degli incidenti in cui le auto a guida autonoma sono state coinvolte. Per questo motivo, il 63% dei “nostri” intervistati ritiene necessario un controllo serrato da parte di governi e istituzioni. Restando in tema guida autonoma, la fiducia nei veicoli prodotti da Case automobilistiche tradizionali è calata dal 51% al 36%, mentre quella verso le auto prodotte da aziende che operano nel campo della tecnologia è salita leggermente passando dal 26% al 30%.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

I 20 Paesi più pronti alla guida autonoma, l’Italia non c’è

Toyota lavora alle mappe HD per la guida autonoma dallo spazio

Toyota Hilux 2019: il Safety Sense arriva anche sul pick-up