Ricarica Tesla gratis: scende a 6 mesi l'accesso ai Supercharger in Italia

La ricarica con le colonnine rapide Supercharger ora ha una scadenza temporale, dopo avrà un costo anche per i clienti premium delle Tesla Model X e S

13 novembre 2018 - 21:00

Potrebbe essere finitita un'era per i proprietari Tesla in Italia. L'azienda americana, infatti, ha comunicato che d'ora in poi l'accesso gratuito alla sua rete di ricarica Supercharer non sarà più incluso per i nuovi clienti. Questi significa che dallo scorso 2 novembre tutte le Tesla Model S e Model X immatricolate nel nostro paese non avranno più diritto all'accesso gratuito all'infrastruttura di ricarica. Del resto va detto che le ricariche gratuite erano già state ridotte a 400kWh annuali. Si trattava comunque di un piccolo tesoretto con il quale, a seconda dello stile di guida, era comunque possibile percorrere circa 1.600km. L'azienda di Elon Musk è alle prese con ambiziosi progetti espansivi; dal truck futuristico, alla Roadster passando per il crossover compatto Model Y.

ADDIO RICARICHE GRATIS Tesla decide la stretta sull'utilizzo dei suoi Supercharer. Il colosso dell'auto elettrica ha deciso che i suoi distributori per la ricarica delle auto elettriche d'ora in poi, e salvo ripensamenti, non saranno più accessibili gratuitamente per i nuovi clienti. Questo provvedimento riguarda che tutte le Tesla Model S e Model X vendute nel nostro paese a partire dallo scorso 2 novembre. Si tratta di un passo indietro clamoroso anche perchè molti clienti, almeno in passato, si sono avvicinati all'azienda potendo beneficiare delle famose ricariche illimitate. I Tesla Supercharger, presenti anche in Italia, sono una infrastruttura molto preziosa, e permettono di caricare completamente la batteria di una Model S in 60 minuti. L'auto è così capace di percorrere 500km (reali) utilizzando solo l'energia delle sue batterie. Le colonnine di ricarica rapida torneranno dunque a essere a pagamento per i nuovi clienti. Chi ha comprato una vettura del brand prima di novembre, o già possiede, continuerà a beneficiare del piano di ricarica attivo fino allo scorso mese.

UNA NUOVA RIMODULAZIONE Mentre cresce l'attesa per la nuova berlina Model 3 i clienti del brand devono prendere atto di questo nuovo passo indietro dell'azienda (Leggi 5 curiosità sulla nuova Tesla Model 3). Va detto che molti clienti del marchio hanno potuto ricaricare gratuitamente le proprie vetture presso i Supercharger. Questo “vitalizio” è rimasto in vigore solo pr i più risalenti mentre sono in molti ad essere incorsi in limitazioni. In un secondo momento era stato imposto un limite a 400kWh annuali. Si trattava comunque di un piccolo gruzzolo grazie al quale, a seconda dello stile di guida del drive, si potevano percorrere circa 1.600 km. A partire da questo mese viene meno anche questo ultimo vantaggio. Va detto, però, che acquistando una nuova vettura con un codice referral, tuttavia, si potrà beneficiare di ricariche gratuite per sei mesi, al termine dei quali l'accesso ai punti di ricarica della Tesla diventerà a pagamento. Presso i Supercharger italiani il costo per kWh è di 25 centesimi di euro: la ricarica completa di una vettura, a seconda della capienza della sua batteria, può arrivare a costare fino a 25 euro.

IN ARRIVO LA MODEL Y Tesla è al lavoro per l'esordio del suo nuovo crossover Model Y. In attesa che trapelino nuovi dettagli sul Truck elettrico e sulla sportiva Roadster il marchio Usa è al lavoro nel campo dei crossover. Il brand americano ha saputo espandere la gamma, affiancando alla berlina Model S) il SUV Model X e la compatta Model 3. La casa automobilistica, con sede negli Stati Uniti, non si ferma qui. Nel comunicare i risultati finanziari registrati nel terzo trimestre del 2018 Tesla ha confermato che il prototipo Tesla Model Y è stato approvato per la produzione. La nuova Model Y sarà un crossover completamente elettrico che è già molto popolare. Model Y sarà probabilmente rivelata al pubblico nel marzo 2019 forse al Salone di Ginevra. Secondo diverse fonti, la società guarda al 2020 come data di produzione. Dalle poche informazioni fino ad ora disponibili, ci si aspetta che Model Y si collochi tra Model 3 e Model S (Leggi tutti i dettagli sulla futura Tesla Model Y).

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Le migliori Case che sanno vendere meglio le auto nel 2019

Conversione patente estera

Conversione patente estera conseguita prima dei 18 anni: ok dal MIT

Gomme invernali obbligatorie: le ordinanze neve 2019 – 2020