L3Pilot, parte il più grande test europeo tra 13 Case sulla guida autonoma

La sperimentazione sulla guida autonoma inizia finalmente anche in Europa, un grande progetto unisce costruttori e ricercatori da 11 diversi Paesi

20 settembre 2017 - 9:00

Anche l'Europa entra in modo strutturato e coordinato nella sperimentazione sulla guida autonoma; con un consistente ritardo rispetto agli USA che con spirito pionieristico hanno dato il via all'epopea driverless, è stato avviato L3Pilot, il primo progetto di ricerca al quale parteciperanno, consorziati, sia enti pubblici che aziende private. La compagine privata del progetto annovera 13 tra i nomi più autorevoli dell'industria automobilistica internazionale. Finanziato in parte con fondi UE il progetto avrà una durata di 4 anni e coinvolgerà 11 nazioni europee.

L'EUROPA APRE, FINALMENTE, ALLA GUIDA AUTONOMA Fino ad oggi quando si è parlato di auto senza conducente il riferimento per i test stradali o per gli hub tecnologici di ricerca è sempre stata, salvo poche eccezioni, la Silicon Valley in California. Finalmente anche il Vecchio Continente entra in scena con la fondazione e l'avvio del progetto L3Pilot per il quale è stato previsto un investimento complessivo di 68 milioni di euro per i 4 anni di durata dei lavori. Quella che si propone come una delle più imponenti sperimentazioni del driverless su larga scala sarà finanziata per 36 milioni di euro con fondi europei e, per la restante parte, da finanziatori privati. I partecipanti al progetto sono istituti di ricerca, università, piccole e medie imprese e 13 distinte case costruttrici; il coordinamento dei lavori stato affidato a Volkswagen (Il Governo tedesco vaglia le norme per la sperimentazione driverless, leggi qui).

PRIMATO MONDIALE PER LA SPERIMENTAZIONE PRATICA Uno degli scopi principali di L3Pilot è la raccolta dati sulla sperimentazione stradale, e in condizioni reali, effettuata con veicoli driverless. Saranno avviati per le strade di 11 Paesi della UE 100 veicoli a guida autonoma, affidati a 1.000 drivers, per mettere alla prova i sistemi e le tecnologie grazie alle quali le vetture potranno marciare autonomamente. I mezzi utilizzati per la sperimentazione saranno equipaggiate con sistemi di guida autonoma di livello 3 e 4; (Conosci i livelli della guida autonoma? Scoprili qui); saranno compiuti test e un'ampia gamma di applicazioni, dal parcheggio al sorpasso, fino alle più impegnative prove della guida nel traffico urbano, imprevedibile e congestionato. Come specifica Volkswagen nel suo comunicato ufficiale, L3Pilot è il primo progetto al Mondo a implementare e testare in modo completo le funzioni della guida autonoma a livello pratico.

EVOLUZIONE NORMATIVA E NON SOLO TECNOLOGICA Il progetto di ricerca non riguarda soltanto l'aspetto relativo allo sviluppo tecnologico, sarà analizzato anche il quadro normativo sia per i costruttori che immetteranno sul mercato le auto a guida autonoma, sia per chi le utilizzerà; saranno affrontati nello specifico i temi della responsabilità da prodotto e gli adattamenti necessari alle norme che regolano la circolazione nei Paesi europei. Le Case costruttrici che hanno aderito all'iniziativa, oltre alla coordinatrice Vokswagen, sono Audi AG, BMW, Fiat (Centro Ricerche SCPA), Daimler AG, Ford, Honda R&D Europe, Jaguar Land Rover, Opel, PSA, Renault, Toyota Motor Europe e Volvo (Rimani aggiornato con le ultime novità sulla guida autonoma, leggi qui).

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Consiglio acquisto utilitaria: budget fino a 10.000 euro

Ciclisti più spericolati degli automobilisti? Uno studio spiega perché

Cassazione: omicidio stradale, l’imprudenza altrui non è un’attenuante