Jaguar “Road Rover”, in arrivo i Suv addomesticati e a batterie

Meno fuoristrada, più città: Jaguar Land Rover pensa alle Road Rover, Suv più "morbidi" e adatti a tutti. Presentazione nel 2019, lancio nel 2020

25 settembre 2017 - 18:11

Il passato spesso ritorna (ma a volte non era mai andato via) e quello che accade alle persone riguarda anche l'industria, con l'automotive che non è certo immune da questo fenomeno. Due esempi fra i tanti possibili: i nomi delle auto ( e delle motociclette) che ricompaiono dopo decenni e i motivi stilistici come il celeberrimo trilobo Alfa Romeo (leggi il test drive della Giulietta Alfa Romeo a Balocco) recuperato dopo decenni. In questo eterno ritorno si inserisce anche Jaguar Land Rover che, secondo indiscrezioni, starebbe lavorando ad una gamma di vetture meno spiccatamente fuoristradistiche: il nome “Road Rover”, da confermare, non è una novità dato che risale agli anni '50.

GUARDA CHI SI RIVEDE Le notizie sono frammentarie e non è facile costruire una storia organica. Il Sole 24Ore riporta dei rumors secondo i quali il gruppo Jaguar Land Rover userebbe per una gamma di nuove automobili il nome Road Rover, un recupero simile a quello dell'altro prototipo Velar (leggi della nuova Range Rover Velar), che competerà con la Porsche Macan (leggi il primo contatto con il Suv medio di Porsche) e l'Audi Q5. Il nome deriva da un paio di prototipi degli anni '50 mai giunti in produzione ma comunque caratterizzato da un DNA meno fuoristradistico delle classiche Land Rover.

Qualcuno, viste le forme della carrozzeria, le considera addirittura le progenitrici concettuali della prima Range Rover, quella uscita nel 1970.

ELETTRICHE E MORBIDE Il primo modello Road Rover potrebbe essere a trazione elettrica con caratteristiche più stradali che da “off-road” e avrebbe interni e finiture così pregiate da mettersi in concorrenza, anche nel prezzo, che potrebbe arrivare a 90 mila sterline, con l'ammiraglia di Mercedes, la Classe S (guarda gli interni della Mercedes Classe S Model Year 2018). Si parla inoltre di un'autonomia di 500 km e di un tempo sullo scatto da 0 a 100 km/h inferiore ai 5 secondi. Anche se non si sa molto altro sulle auto, sembra definita la tempistica: presentazione nel 2019 al Salone di Los Angeles e lancio nel 2020. Le Road Rover potrebbero avere anche varianti più offroad, per accontentare chi cerca veicoli capaci di cavarsela anche quando l'asfalto finisce.

Autocar (alla quale si deve l'immagine della copertina) specifica meglio: Road Rover, che sappiamo essere un nome già impiegato negli anni '50, era un prototipo concepito come come un ponte tra le vetture Rover e le Land Rover primigenie. Questo concetto è stato ripreso negli anni '60 per un concept di station wagon a tre porte, chiamato di nuovo Road Rover, che è stato la base per la prima Range Rover.

DETTAGLI CON IL CONTAGOCCE Ulteriori dettagli sui piani di Jaguar Land Rover non sono facili da reperire perché il progetto è circondato dal più stretto riserbo, con misure precauzionali tali da permettere di arrivare a “soli” 2 anni dal lancio con poche o nulle fughe di notizie. Il direttore di design di Land Rover, Gerry McGovern, è ben conosciuto per riuscire ad identificare il potenziale per nuovi modelli, da lui definito “lo spazio bianco” intorno a quelli esistenti, e questo è testimoniato dal successo della Range Rover Evoque e dall'interesse che ha suscitato la Range Rover Velar. Il noto magazine inglese suggerisce inoltre che la prima Road Rover è in fase di sviluppo in parallelo con la nuova generazione della XJ. La piattaforma di questi veicoli è un'architettura in alluminio di nuova concezione che può ospitare sia batterie sia motori a combustione e ci si aspetta che la prima Road Rover abbia sospensioni regolabili in altezza per coniugare l'handling su strada e le capacità off-road.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

SicurAUTO.it al convegno sulla sicurezza delle batterie al Litio

Frenata automatica: ancora molti limiti nei test AAA da 50 km/h

Ztl Roma orari mappa permessi

Ztl Roma oggi in centro: mappa e come funziona