Goodyear lancia Eagle F1 Asymmetric 3: frenata sul bagnato più sicura

Eagle F1 Asymmetric è pronto al lancio dopo 330 mila km di test. Ecco quanto è migliorata su asciutto e bagnato la nuova gomma Goodyear

28 gennaio 2016 - 10:56

Con la stagione fredda ancora nel vivo della sua forza, molti costruttori di pneumatici guardano avanti e iniziano a presentare prodotti che meno hanno a che fare con gli invernali o con gli “all season” (ovvero, le gomme per tutte le stagioni). In questo valzer di novità e in questo periodo di fermento la Goodyear si è inserita per presentare il suo nuovo pneumatico estivo ad alte prestazioni. Si tratta dell'Eagle F1 Asymmetric 3, ultimo arrivato nella gamma Eagle e studiato per offrire ai clienti uno spazio di frenata ancora più ridotto su strade asciutte e bagnate, rispetto alla vecchia generazione, e un'aderenza migliore. Ecco tutte le caratteristiche del nuovo pneumatico Goodyear.

CRESCE CON I SEGMENTI C, D, E Il nuovo Eagle F1 Asymmetric 3 si inserisce nel segmento degli pneumatici UHP (Ultra High Performance) che, secondo recenti analisi di mercato, è in forte crescita, soprattutto in Europa, dove si pensa che il mercato possa riservare nei prossimi anni molta attenzione alle automobili di segmento C, D ed E (vetture medie, di rappresentanza, grandi e di lusso), con un incremento di vendite pari a oltre 9 milioni di unità. L'interesse di chi progetta e produce gli pneumatici, oltre a disporre di un listino completo, è anche quello di aggredire la maggior richiesta di mercato; in questa logica moltissimi Costruttori di auto si serviranno sempre di più di gomme ad alte prestazioni. Goodyear Eagle F1 Asymmetric 3 si inserisce in questo contesto, infatti è stato studiato per essere montato su berline e vetture sportive e il lavoro svolto dai tecnici e dai tester Goodyear, prima del lancio, ha visto 36.000 ore di lavoro degli ingegneri, 5.000 test (1.200 test su strada e 3.800 in 5 location sparse in altrettanti Paesi) per un totale di 330.000 km percorsi.

LE CARATTERISTICHE Alla Goodyear (leggi qui le caratteristiche dell'UltraGrip Performance e del nuovo 4Seasons) hanno puntato forte sulla necessità di ridurre lo spazio di frenata, per questo motivo hanno dotato in fase di progettazione l'Eagle F1 Asymmetric 3 della tecnologia Active Braking, studiata per aumentare la superficie di contatto e il grip durante la frenata, riducendo così lo spazio di frenata sia su fondo bagnato che asciutto. A contribuire a queste performance è la nuova mescola Grip Booster, realizzata con resine adesive che aumentano l'aderenza con la superficie stradale e la nuova struttura rinforzata, che viene proposta per trasmettere al guidatore una miglior maneggevolezza e velocità di risposta in curva, oltre a consentire un consumo omogeneo del battistrada e contribuire al risparmio di carburante. Chiaramente, aspettando di provare l'Eagle F1 Asymmetric 3, non possiamo far altro che riportare quanto dichiarato da Goodyear nel comunicato ufficiale, secondo il quale i risultati del test comparativo richiesto al TÜV Süd hanno rivelato che, rispetto alla media dei tre principali concorrenti, Goodyear Eagle F1 Asymmetric 3 ha uno spazio di frenata inferiore di 2,6 metri sulle strade bagnate e di 1,3 metri sull'asciutto, nonché un comportamento sul bagnato migliore del 4%.

41 MISURE ENTRO PRIMAVERA Il nuovo Goodyear Eagle F1 Asymmetric 3 sarà disponibile da subito, infatti il Costruttore ha spiegato che la commercializzazione sarà immediata (quindi da questo mese), ed entro la fine di marzo tutte le misure in listino saranno acquistabili. A tal proposito va ricordato che il nuovo pneumatico estivo ad altre prestazioni di Goodyear (che in Asia ha lanciato pneumatici costruiti con la lolla del riso; leggi qui i particolari!) dispone di 41 misure in un “range” che va da 17″ a 20″. Queste le parole di Matteo Castelli, direttore marketing Consumer di Goodyear Dunlop Italia, in merito al lancio dell'Eagle F1 Asymmetric 3: “siamo orgogliosi di presentare agli automobilisti Goodyear Eagle F1 Asymmetric 3, il nuovo pneumatico ad altissime prestazioni, che il test del TÜV ha confermato essere ai vertici della categoria per i risultati di frenata, soprattutto nelle situazioni più impegnative come la pioggia. Poter contare sulle migliori prestazioni in fase di frenata rappresenta l'esigenza principale per gli automobilisti e si rivela un elemento particolarmente critico per i guidatori di auto potenti e sportive.”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Gli italiani fanno meno km degli altri automobilisti in Europa

Metano auto

Metano auto: aumento del contributo gestione bombole dal 1° ottobre

Come guadagnare un reddito extra dal proprio garage