GM: una batteria per ogni auto. 29 modelli elettrici entro il 2020

General Motors ha strappato la piazza a VW (ferma a 20) annunciando una gamma di 29 auto elettriche a partire dal 2017

11 febbraio 2016 - 17:15

Si tratta di una vera e propria strategia di attacco, quella che GM, anche attraverso Opel, intende mandare in porto entro il 2020. Annunciando entro la fine del decennio l'arrivo di ben 29 modelli nuovi e avanzando nel suo percorso di elettrificazione, grazie anche a nuove soluzioni (ne è l'esempio la nuova Ampera-e), l'obiettivo è quello di proporre un'intera gamma elettrica. Ecco i futuri piani di GM.

TUTTO HA INIZIO CON L'AMPERA-E – Il segno della svolta lo darà nel 2017 il debutto dell'Ampera-e, la nuova vettura elettrica 5 porte e 5 posti che, secondo quanto detto da Opel, a piena carica avrà un'autonomia superiore a quella della maggior parte delle vetture elettriche sul mercato e sarà inoltre offerta a un prezzo accessibile. Condivide la piattaforma costruttiva con la “gemella” Bolt, che offre un'autonomia pari a 320 chilometri e viene costruita nello stabilimento specializzato di Hamtramck, nei pressi di Detroit. Porta con sé l'esperienza che Opel ha fatto con la “vecchia” Ampera e contribuirà ad ampliare l'offerta di gamma del Marchio tedesco, grazie a nuovi soluzioni che “strizzano l'occhio” a un totale processo di elettrificazione. I futuri 29 modelli potrebbero infatti avere in dotazione anche le caratteristiche elettriche dell'Ampera-e, che n Europa ha già delle concorrenti, come la Bmw i3 e la Volkswagen e-Golf.  

BATTERIE POCO INGOMBRANTI – Si parlava di soluzioni migliori, ebbene, la nuova Ampera-e dispone di una batteria ultrapiatta che viene montata sotto il pianale e permette di creare una vettura dalle dimensioni compatte, con un abitacolo spazioso e un volume di carico paragonabile a quello di una compatta. Questo nuovo modello elettrico disporrà poi dell'ultima tecnologia presentata sui modelli di nuova generazione Opel, per cui avrà l'Opel OnStar, il servizio di connettività e assistenza personale, e delle tecnologie di infotainment IntelliLink di ultima generazione. Questo processo di elettrificazione sembra coinvolgere sempre più General Motors (leggi qui i particolari della partnership con LG), fino a indurla a riflettere su diverse soluzioni e aperture di mercato. E' notizia recente che il sistema di alimentazione ibrida ad autonomia estesa di General Motors potrebbe essere messo, dalla stessa,  sul mercato ed offerto come “pacchetto” anche ad altri Costruttori. A dare la notizia è stato Automotive News, secondo il quale questa mossa sarebbe utile a GM per ammortizzare i costi di eventuali sviluppi.

MOBILITA' DEL FUTURO – Per comprendere bene quanto sia serio questo programma di elettrificazione, è possibile riprendere le parole di Mary Barra, Chairman e CEO di GM, poco prima di annunciare l'arrivo di Ampera-e al CAR Symposium di Bochum in Germania: “GM e Opel sono sempre state convinte del ruolo fondamentale che le auto elettriche avranno nella mobilità del futuro (leggi qui i dettagli dell'accordo di collaborazione con la Honda). La tecnologia di Ampera-e rivoluziona le regole e costituisce un passo significativo verso la realizzazione di questa idea. La nostra nuova auto elettrica sottolinea ulteriormente la capacità di Opel di rendere accessibili soluzioni ingegneristiche innovative.” Karl-Thomas Neumann, CEO di Opel Group, ha aggiunto: “i veicoli elettrici possono contribuire in modo significativo alla mitigazione del cambiamento climatico e alla riduzione delle emissioni. La nuova Opel Ampera-e aprirà la strada alla mobilità elettrica abbattendo le barriere del prezzo elevato e della bassa autonomia.”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Uber perde il 30% dei ricavi 2020, ma incassa il doppio con le consegne

Traffico auto: in Italia si passano 38 ore fermi ad aspettare

Garanzia auto nuova o usata

Incidenti con auto usate di oltre 10 anni: il triplo rispetto a un’auto nuova