Ford scambia auto e bici e insegna ad evitare gli incidenti in città [VIDEO]

Automobilisti e ciclisti sempre ai ferri corti, 9 su 10 ignorano l'effetto dei comportamenti scorretti in bici e al volante

25 maggio 2018 - 10:42

La convivenza tra automobilisti e ciclisti corre sul filo del rasoio e screzi e incomprensioni non di rado sfociano in incidenti che, secondo la Commissione europea, coinvolgono i ciclisti in 1 caso su 12. La voglia di andare in bici e slegarsi dall'uso dell'auto prende sempre più piede in molte città europee ma la qualità delle infrastrutture (piste ciclabili, segnaletica orizzontale, semafori) non cresce di pari passo. Così Ford dopo aver lanciato per la prima volta le funzioni di riconoscimento di ciclisti e pedoni sulla nuova Ford Focus ha pensato di risolvere il problema a monte: scambiare di posto gli automobilisti e i ciclisti mettendoli nei panni dell'altro per un giorno. Ecco com'è andata.

FATTI PIU' LA' L'esperimento Ford Share the Road (letteralmente Condividi la Strada) ha dimostrato come nella maggior parte dei casi sia gli automobilisti che i ciclisti ignorano l'importanza del fair play anche quando guidano e pedalano nel rispetto del Codice della Strada. “Mi accade spesso di scegliere come mezzo di trasporto non solo l'automobile, ma anche la bicicletta, pertanto, ho vissuto in prima persona molte delle frustrazioni e dei pericoli che automobilisti e ciclisti incontrano regolarmente sulle nostre strade”, ha commentato Steven Armstrong, President e CEO, Ford of Europe, Middle East & Africa. “L'integrazione tra le sempre più diverse modalità di trasporto è la chiave per rendere le nostre città più sicure e più semplici da vivere, per tutti, oggi e in futuro”. Quale modo migliore per mettere di fronte alla realtà non vista ciclisti e automobilisti se non calandoli nel ruolo dell'altro? Intanto puoi leggere i nostri consigli su come andare in bici rispettando le regole e gli altri.

UN VISORE SIMULA GLI ERRORI E I COMPORTEMANTI SCORRETTI Così Ford ha creato un'esperienza di realtà virtuale (VR Experience) chiamata  WheelSwap, un visore inserito anche nel programma di corsi Driving Skills for Life orientati ai giovani, che è partito da Torino per l'edizione 2018. Il visore consente agli automobilisti e ai ciclisti di mettersi gli uni nei panni degli altri e comprendere direttamente, quanto alcuni comportamenti siano potenzialmente fatali per gli altri utenti della strada. Dallo studio è emerso che, dopo aver vissuto il VR Experience, quasi tutti i partecipanti hanno affermato di essere seriamente intenzionati a cambiare il proprio comportamento. Gli automobilisti ritrovandosi, seppur virtualmente, nei panni di un ciclista possono comprendere quanto siano rischiosi alcuni dei loro comportamenti: sorpassi troppo ravvicinati (in Italia si è parlato ), mancato uso delle frecce di direzione (leggi qui i 10 errori da non fare durante un sorpasso) prima delle svolte o l'apertura delle portiere senza controllare l'eventuale arrivo di biciclette. L'altra versione consente, viceversa, ai ciclisti di provare l'esperienza su strada dal punto di vista degli automobilisti, comprendendo a loro volta la pericolosità di alcuni dei loro comportamenti più frequenti: passaggi con il semaforo rosso, l'imbocco di strade controsenso o cambiamenti improvvisi di direzione. Nel video qui sotto puoi vedere una parte dell'esperimento attraverso il visore VR WheelSwap Ford.

9 SU 10 NON SI ACCORGONO DI QUELLO CHE FANNO Alla prima fase del test, hanno partecipato oltre 1200 persone, provenienti da 5 paesi europei, e il 70% di coloro che hanno provato il VR Experience WheelSwap ha sviluppato, fin da subito, maggiore empatia, rispetto agli altri. Inoltre, il 91% dei partecipanti, ha espresso l'intenzione di cambiare le proprie abitudini stradali. “Non esiste un modo più efficace per comprendere il punto di vista di altre persone se non quello di calarsi nei loro panni, o in questo caso, nei loro pedali. L'empatia è un sentimento molto potente”, ha spiegato il medico comportamentista Dan Berry che ha seguito l'esperimento.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Frenata automatica: ancora molti limiti nei test AAA da 50 km/h

Ztl Roma orari mappa permessi

Ztl Roma oggi in centro: mappa e come funziona

Misure antismog Emilia-Romagna

Emilia-Romagna: stop diesel Euro 3 dall’1 ottobre 2022 (ed Euro 4 nel 2023)