Ford e Vodafone addestrano le auto connesse ad aiutare i soccorsi

In caso d'incidente le auto connesse sapranno dove spostarsi per dare la precedenza ai soccorsi: i test Ford in Germania

15 ottobre 2018 - 17:00

I vantaggi offerti dalle auto connesse sono davvero tanti. Ford e Vodafone sono al lavoro per implementarli. L'idea è sfruttare la connessione dati per condividere tra i veicoli quante più informazioni possibili. In caso di incidenti stradali il sistema di bordo Sync sarà in grado di indicare agli automobilisti come comportarsi. In partcolare indicherà loro l'esatta posizione di mezzi di soccorso. Si tratta di una funzione molto utile in caso di code; alle auto sarà indicato come posizionarsi ai lati della carreggiata per consentire il passaggio dei mezzi di soccorso.

IL PROGETTO KOMOD Ford è al lavoro in Germania sulle nuove tecnologie per l'auto connessa. Nel dettaglio, in collaborazione con Vodafone, sta sviluppando un sistema di connessione tra i veicoli in grado di avvisare gli automobilisti in caso di incidente. Il dispositivo eCall Plus, che sfrutterà il sistema di infotainment Sync, permetterà di dare loro indicazioni su dove posizionarsi per agevolare il passaggio dei veicoli di soccorso in arrivo (Leggi la precedenza ai soccorsi salva vite). Questa tecnologia è stata progettata per aiutare gli automobilisti a creare il cosiddetto corridoio di emergenza. Obbligatorio in Germania ed in altri Stati Ue facilita il passaggio ai vigili del fuoco, alle ambulanze ed ai veicoli della polizia che possono così raggiungere più rapidamente le loro destinazioni. Il nuovo dispositivo è stato sviluppato nell'ambito di KoMoD (Kooperative Mobilität im digitalen Testfeld Düsseldorf) un progetto da 15 milioni di euro che si occupa dello sviluppo di soluzioni innovative e connesse per la mobilità del domani. A riguardo, Gunnar Herrmann, CEO di Ford Germania ha dichiarato “Lo sviluppo di tecnologie nell'ambito della guida connessa e automatizzata è la nostra porta verso il futuro. Ford ha lunga esperienza nello sviluppo e nella sperimentazione di sistemi che interagiscano con le infrastrutture e gli altri veicoli, contribuendo a creare una maggiore sicurezza ed efficienza stradale in tutto il mondo. Insieme a Vodafone e in collaborazione con le altre società coinvolte, lavoreremo sui percorsi di prova, qui a Düsseldorf, per promuovere e approfondire il tema della guida connessa tra i veicoli”.

CHIAMATA SOS La collaborazione tra Ford e Vodafone si estende alla chiamata d'emergenza eCall. Già disponibile sulla nuova Focus consente, in caso di incidente, avvisare i servizi di soccorso sia automaticamente sia premendo manualmente il pulsante SOS presente all'interno dell'automobile. Si tratta di una tecnologia salvavita che molti costrittori stanno sempre più perfezionando (Leggi i vantaggi di Skoda Connect). Nel futuro ci sarà posto per eCall Plus. Il nuovo dispositivo che informerà, in caso di incidente, gli automobilisti nel raggio di 500 metri. Con l'avvicinarsi dei veicoli di soccorso emetterà uo specifico alert e, attraverso il display dell'automobile, mostrerà le indicazioni necessarie per la formazione del corridoio di emergenza per agevolare il passaggio dei soccorsi. Grazie all'Emergency Vehicle Warning, sarà possibile trasmettere alle auto la posizione esatta da cui proviene la sirena dei mezzi di soccorso specificandone la distanza.

SICUREZZA DIGITALE “La rivoluzione digitale sta creando nuove forme di mobilità che possono aiutarci a salvare vite sulle nostre strade”, ha dichiarato Hannes Ametsreiter, CEO di Vodafone in Germania. “Grazie alla connessione tra le automobili, i team di soccorso possono ottenere informazioni più precise sul percorso da seguire ed essere in grado di fornire un supporto più adeguato, al momento giusto, in situazioni in cui ogni secondo è fondamentale”. Oltre al KoMoD, Ford è pronta a testare su strada ulteriori tecnologie relative alla connettività tra veicoli; come il Traffic Light Assistance System, che utilizza le informazioni sulla programmazione dei semafori per indicare al conducente la velocità di crociera da mantenere. In questo modo sarà possibile sfruttare i vantaggi della così detta 'onda verde'. Nel futuro c'è anche il Tunnel Information System, un sistema che invia ai conducenti delle auto in circolazione le informazioni rilevate dai sensori stradali. Si tratta di un dispositivo utile che metterà a disposizione dei driver i dati riguardanti i limiti di velocità ed eventuali veicoli fermi lungo il percorso.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

Consiglio acquisto auto ibride fino a 40.000 euro

I fari a LED adattivi fanno l’86% di luce in più ma negli USA sono illegali

Guida autonoma: faremo il doppio dei viaggi in auto secondo uno studio