Fiat 500L: fa il caffè ma non ha (ancora) il sistema anti-collisione

La nuova Fiat 500L, basata sul telaio della prossima Punto, farà anche il caffè. Ma per l'LSCM si dovrà attendere

Fiat 500L: fa il caffè ma non ha (ancora) il sistema anti-collisione
A cinque anni esatti dal lancio della nuova Fiat 500 (e a cinquantacinque dall'arrivo della mitica 500 che ha motorizzato l'Italia) alle Officine Grandi Riparazioni di Torino, è stata presentata la Fiat 500L una monovolume compatta che si inserisce tra il segmento B e C: sarà prodotta in Serbia dove saranno impiegati 2500 operai e sarà venduta anche negli U.S.A. nel secondo semestre del 2013.

DESIGN –

Il design è ispirato, secondo la casa torinese, ad alcuni stilemi di Le Corbusier come il seamless wiew (cioè la possibilità di avere una visione quasi a 360°) e il tetto giardino (che qui è diventato un tetto panoramico da 1,5 metri quadrati); senza scomodare il grande architetto francese a noi sembra un mix abbastanza ben riuscito di elementi stilistici della nuova 500 e della nuova Panda, mentre, la vista laterale (in particolar modo nella parte alta) ci ricorda la Mini Countryman. L’interno è spazioso e la plancia ricorda quella della nuova Panda mentre, per aumentare l’abitabilità per i passeggeri dietro, i sedili posteriori sono regolabili longitudinalmente e abbattibili separatamente. Grazie alla funzione Fold&Tumble è possibile ottenere un abbattimento completo e un vano carico totalmente piatto che permette di caricare oggetti lunghi fino a 2,40 metri. Il bagagliaio, con la sua capacità di quasi 400 litri, permette secondo Fiat, di poter trasportare fino a 5 trolley da viaggio; inoltre, grazie al ripiano Cargo Magic Space (regolabile su tre livelli) è possibile separare gli oggetti su diverse altezze. Infine gli ingombri: 414 cm di lunghezza, 178 cm di larghezza e 166 cm di altezza.

MOTORI

Due benzina (0.9 TwinAir da 105 Cv e 1,4 litri da 95 CV) e un turbodiesel (1.3 Multijet II da 85 CV). Dal prossimo anno 500L sarà anche a metano. Dal 2013 debutterà infatti la motorizzazione Natural Power sul TwinAir Turbo con l'ambizione di coniugare in un unico prodotto i vantaggi economici ed ecologici dell'alimentazione a metano con la potenza del propulsore TwinAir Turbo.

SU STRADA –

L’abbiamo provata per un breve tragitto di 50 km con il motore TwinAir da 105CV e 145Nm di coppia già conforme alla normativa Euro6. Secondo Fiat la 500L con questa motorizzazione vanta emissioni record nel segmento (ridotte solo a 112 g/km) merito della combinazione del sistema start&stop, della modalità di gestione ECO della centralina motore, del software di aiuto alla guida ecoDrive e di accorgimenti tecnici come gli scarichi in un unico pezzo con la testata e una nuova logica di funzionamento per la valvola EGR. La nuova 500L in prova si è comportata, per quanto abbiamo potuto valutare su questa breve distanza, abbastanza bene attestandosi su un consumo di 5,3 litri per 100 km (funzione ECO inserita ma Start&Stop disattivato). La regolazione del sedile è meccanica mentre la regolazione lombare è elettrica; tuttavia non siamo riusciti a trovare una posizione di guida che ci soddisfacesse completamente colpa anche del poggiapiede sinistro che, secondo noi, non è abbastanza grande da garantire un ottimo appoggio. L'abitacolo è molto ampio e luminoso, merito anche dell'ampio tetto in vetro. Anche la visibilità posteriore non è male. Alla guida il motore conferisce un certo brio alla vettura grazie anche al buon accoppiamento col cambio manuale a 6 marce che si caratterizza per innesti morbidi e frizione che richiede un giusto sforzo all'azionamento. Il pedale del freno è duro da azionare ma, dopo i primi chilometri, garantisce un ottimo feeling e una buona modulabilità. La tenuta di strada è buona (questa nuova 500L monta un classico schema MacPherson all'anteriore e un ponte torcente al posteriore) e i movimenti del corpo vettura in curva aiutano a comunicare bene al guidatore quando sta esagerando. Fiat conferma ancora una volta come la sicurezza attiva, in particolar modo quella relativa alla dinamica di guida, sia un elemento caratterizzante delle proprie vetture.

HMI E CAFFE' –

Human Media Interface così Fiat definisce il sistema multimediale Uconnect della Fiat 500L da cui è possibile gestire tutti i principali contenuti media presenti sulla vettura come radio, telefono cellulare, mediaplayer, i-Pod o smartphone; tutto rigorosamente senza fili. Manca il navigatore integrato che sarà disponibile in un prossimo futuro. L'impianto audio è in collaborazione con Beats Audio e sfrutta un avanzato algoritmo di equalizzazione: il suono è molto pulito ma i bassi a nostro parere sono "pompati" (ma forse non potrebbe essere che così, dato che tra i creatori di Beats Audio figura anche il rapper e produttore discografico Dr.Dre). Tra le chicche "scenografiche" troviamo una nuovissima macchina per caffè realizzata in collaborazione con Lavazza offerta ad un prezzo di 250 Euro con portacialde e docking station per ipod. Fiat 500L è la prima auto di serie al mondo a proporre una vera macchina da caffè espresso perfettamente integrata nella vettura con un deck progettato appositamente da Fiat. Ci auguriamo però che questo lusso non porti gli automobilisti a guidare per troppe ore di seguito. Ricordiamo che le pause durante i viaggi lunghi sono fondamentali per la sicurezza stradale.

SICUREZZA OPTIONAL?

Oltre ai sistemi obbligatori per legge (ABS con EBD e un sofisticato sistema ESC completo delle funzioni ASR, Hill Holder, MSR, DST ed ERM) arriverà, optional, anche l'LSCM (Low Speed Collision Mitigation) che, lo ricordiamo, era stato annunciato (ma ancora non è arrivato) anche sulla Panda. Noi di SicurAUTO avremmo preferito trovarlo di serie anche perchè Olivier Francois, presentatosi alla conferenza stampa con la gamba destra protetta da un tutore (come potete vedere in foto), ha raccontato di avere avuto un incidente negli Stati Uniti causato dal fatto che, ormai abituato al sistema LSCM (in pratica un AEB Cittadino), non aveva frenato fiducioso del fatto che il sistema sarebbe intervenuto al posto suo: peccato che la vettura che stava guidando ne fosse sprovvista. Non sappiamo se il manager di Fiat stesse scherzando, ma l'episodio fa pensare due cose: che i dispositivi di sicurezza attivi non devono essere intesi come elementi sostitutivi del guidatore; e che Fiat dovrebbe immediatamente proporre il dispositivo di serie data la dimostrazione pratica dell'utilità dell'LSCM. Rimedieranno presto? Speriamo.

PREZZI

La Fiat 500L sarà in vendita a partire da settembre al prezzo di 15 mila 550 Euro con 4 allestimenti diversi (Pop, Pop Star, Easy e Lounge). Sarà a listino anche un'edizione speciale Opening Edition prodotta in 2 mila esemplari con un vantaggio in termini di accessori per gli acquirenti del valore di 2 mila 500 Euro.

Pubblicato in Prove su Strada il 06 Luglio 2012 | Autore: Pietro Cristino


Commenti

alessio Magnus il giorno 06 Luglio 2012 ha scritto:

sembra una caffettiera. so che in deutchland le macchine vengono pregiettate per praticita' funzionalita' e comodita di guida. poi si prende il progetto e lo si arotondische un po per farne un design bello. Ma la funzionalita' sicurezza e praticita e comodita prevalgono sul desegn. In Italietta si fa un design oooh che belloooo e poi si scordono di praticita' e funzionalita' la comodita che la possiamo anche scordare besta che e' ooh che bello Itaglietti !

Marco Possanzini il giorno 13 Agosto 2012 ha scritto:

L'articolo di Pietro Cristino, relativo alla Fiat 500L, è come sempre eccellente sotto ogni punto di vista, da manuale. Come ogni ottimo articolo, si presta amabilmente all'elaborazione di domande, a volte di semplici curiosità. Vengo al punto, salta immediatamente all'occhio la macchina per il caffè realizzata in collaborazione con Lavazza, un optional molto particolare, oserei dire capriccioso, che presta il fianco ad una serie di domande sulla sicurezza in marcia. Questo accessorio è utilizzabile anche in marcia oppure l'automobile deve essere obbligatoriamente ferma? E' preoccupante immaginare la possibilità di azionare la macchina per il caffè espresso durante la marcia del veicolo. La preoccupazione è relativa all'eccessiva sicurezza di guida "promozionata" da Fiat, sarebbe spiacevole e pericoloso osservare al volante, mentre si marcia, l'ennesimo driver intento a parlare al cell, scrivere qualcosa su tablet o similari e non per ultimo, prepararsi un buon caffè. E' altresì preoccupante immaginare che sia il passeggero lato guida, qualora sia fisicamente presente, il delegato alla preparazione del caffè. Grazie degli ottimi articoli che come sempre elaborate, un grazie particolare all'ottimo Pietro Cristino. Colgo l'occasione per inviare a tutta la redazione i migliori auguri di buon Ferragosto.

Manutenzione Lampade Auto

Cerca Crash Test Auto

Stai per acquistare un’auto? Controlla se è davvero sicura! Clicca e scopri