Dopo l'aggiornamento le auto del gruppo VW manterranno le stesse prestazioni?

Con il richiamo Volkswagen i motori diesel potrebbero avere una potenza diversa, con conseguenze per libretto, bollo e assicurazione

30 settembre 2015 - 10:13

Come preannunciato dalla stessa Casa costruttrice, i modelli VW, Audi, Seat e Skoda coinvolti nella faccenda del software “truccato”, dovranno necessariamente subire un richiamo al fine di eliminare le irregolarità riscontrate nel corso dei recenti test effettuati negli USA. A tale proposito VW Group Italia ha indirizzato una comunicazione alla propria clientela con la quale si impegna ad intervenire tecnicamente dichiarando fra l'altro quanto segue:

Naturalmente Volkswagen intende farsi carico dei costi per l'organizzazione e l'adozione delle misure tecniche necessarie, una volta che esse siano state chiaramente individuate. Questo processo richiederà però, purtroppo, del tempo, tempo necessario per eseguire un'analisi accurata e precisa delle circostanze e per introdurre le adeguate misure tecniche correttive. Per quanto riguarda i veicoli nuovi del Gruppo Volkswagen dotati di motori Diesel EURO 6 e attualmente disponibili per la vendita nell'Unione Europea , essi soddisfano appieno i requisiti legali e gli standard ambientali vigenti. Il software sotto indagine non influenza in questo caso né il comportamento di guida, né i consumi, né le emissioni.Uno scostamento rilevabile tra i risultati di emissione allo scarico ottenuti al banco di prova e le condizioni di guida reali è stato riscontrato esclusivamente per una famiglia di motori diesel precedenti all'omologazione EU 6 e Volkswagen sta lavorando intensamente per eliminare questa deviazione attraverso l'adozione di adeguate contromisure tecniche.

VENDITE BLOCCATE – In data 26 settembre 2015  Volkswagen Group Italia ha inviato una lettera circolare a tutte le concessionarie Volkswagen, Audi, Seat e Skoda chiedendo la sospensione a titolo cautelativo delle vendite, delle immatricolazioni e delle consegne delle vetture Euro 5 equipaggiate con il motore 2.0 TDI (codice EA 189). I veicoli interessati dovrebbero essere tra 2500 e 3000 secondo fonti interne anche se non c'è ancora una stima precisa (in Europa sarebbero 40 mila). Vale la pena sottolineare che a partire dal 1 settembre del corrente anno le vetture Euro 5 non sono più immatricolabili (salvo proroghe straordinarie), pertanto si presume che gran parte delle auto incriminate, al momento dichiarate invendibili, siano delle km zero immatricolate prima della scadenza dei termini.

CARTA DI CIRCOLAZIONE DA RIFARE? – Verosimilmente, verrà effettuato un aggiornamento del software dell'ECM (centralina gestione motore), eliminando quello incriminato. Questa operazione dovrebbe far rientrare, in maniera legale, le vetture interessate nei limiti di emissioni previsti dalle normative Euro 5 (e forse anche Euro 4 visto che fonti ben informate facenti capo alla Casa Madre hanno dichiarato che il “trucchetto” veniva adottato dal 2005). Ma non si può escludere che questa  riprogrammazione della centralina oltre a modificare i valori di emissioni in sede di rilevamento “ufficiale” (la prova di consumo e di emissioni NEDC+EUDC attualmente applicata dalla UE) possa provocare, come effetto collaterale, un depotenziamento del motore con conseguente decadimento prestazionale sia in termini di potenza che di coppia erogata. In tale ipotesi, le implicazioni sono molteplici. In primo luogo – giova ricordarlo – i valori di consumo (ciclo urbano, extraurbano, combinato) riportati sulla carta di circolazione delle vetture da sottoporre a richiamo, sono quelli ottenuti in fase di omologazione sfruttando il famigerato software truccato; dunque sono da considerarsi non veritieri così come le relative emissioni che sono direttamente proporzionali ai consumi. Ne consegue che la carta di circolazione andrebbe quanto meno corretta con i nuovi valori di consumo o sostituita se cambia anche la potenza rilevata.

CAMBIERANNO ANCHE BOLLO E ASSICURAZIONE? – Come è noto, in base a quest'ultimo dato si calcola la tassazione del veicolo (il bollo) ed i premi assicurativi. Inoltre, nel caso specifico, si potrebbe ravvisare una violazione dell'articolo 129 del Codice del Consumo per non conformità del bene venduto rispetto al contratto di compra-vendita ed alle caratteristiche promesse. Ma a risanamento avvenuto presso le reti autorizzate dei marchi coinvolti, chi controllerà ,in modo neutrale, la conformità tecnica  delle vetture contromisurate? Questo ancora nessuno lo ha spiegato. Il caso in questione dimostra, in tutta evidenza, che per troppo tempo non c'è stato alcun tipo di verifica approfondita da parte degli enti governativi preposti ai controlli (solo ora il Ministero ha annunciato controlli a campione), nonostante vi fossero, da vari anni, chiari segnali di clamorose irregolarità procedurali. Continueremo a seguire gli sviluppi della intricata vicenda e torneremo presto sull'argomento.

6 commenti

davide
16:28, 13 agosto 2016

ATTENZIONE:
post aggiornamento la mia autovettura PASSAT 2.0 non ha più avuto le medesime prestazioni, subendo un calo di coppia su 4 e 5 marcia a 2200 giri
informazioni al 3401685026

Bruno
10:09, 2 settembre 2016

Gent.mo Pier Francesco,
le tue considerazioni sono corrette. La non effettuazione del richiamo è ininfluente ai fini della revisione periodica poiché in tale sede verificano solo il CO, mentre le emissioni fuori norma sulle auto del gruppo VW sono gli NOx e in certi casi la CO2.

Sergiu
21:45, 4 ottobre 2016

Ciao o fatto piu grande sbaglio ala mia passat di aggiornare la centralina motore al gruppo volkswagen, la macchina va da schifo, sono stato da loro a chedere spiegazione e ano detto che sono l'unico che mi lamento, cosa si po fare in questo caso?

Nº cellulare rimosso dalla redazione

patrik
19:15, 20 ottobre 2016

salve a tutti.anche io ho portato la mia tiguan,e dopo aggiornamento la macchina va da schifo.a perso potenza e si sono alzati i consumi.un consiglio a tutti:non fatte questo schifo di aggiornamento.

pino
17:41, 27 ottobre 2016

volevo sapere se è obbligatorio questo aggiornamento ….fatemi sapere

POTRESTI ESSERTI PERSO:

SicurAUTO.it al convegno sulla sicurezza delle batterie al Litio

Frenata automatica: ancora molti limiti nei test AAA da 50 km/h

Ztl Roma orari mappa permessi

Ztl Roma oggi in centro: mappa e come funziona