Delphi: ecco il piano che porterà la guida autonoma in Europa

Delphi sceglierà due città nelle quali avviare la sperimentazione stradale dei servizi di ride-sharing senza conducente, in lizza Londra e Lussemburgo

13 dicembre 2016 - 9:30

Entro la fine dell'anno Delphi, uno dei principali attori della sperimentazione driverless, identificherà due città, una negli USA e una in Europa, nelle quali avviare in via sperimentale un servizio di ride-sharing senza conducente. Il servizio ricalcherà per certi versi quello offerto da Uber con la differenza che il sedile guida sarà occupato non da un guidatore, ma da un supervisore umano. Entro il 2022 l'Azienda conta di poter rendere pienamente disponibile il servizio in esclusiva modalità di guida autonoma.

CORSA AL RIDE SHARING SENZA CONDUCENTE Mentre case automobilistiche e aziende hi-tech europee guardano da bordocampo la partita della guida autonoma, i pionieri americani del driverless provvedono a portare la sperimentazione dei nuovi servizi di mobilità anche nel Vecchio Continente. Delphi è una realtà giovanissima, fondata nel 2013, che si è lanciata a capofitto nello sviluppo della guida autonoma, ponendosi come obiettivo nuovi servizi di mobilità. Lo step successivo passa per la sperimentazione stradale di un servizio di ride-sharing in condizioni quanto mai realistiche, per questo la startup ha deciso di identificare due grandi città nelle quali avviare i test (Leggi il curioso incidente evitato tra l'auto Delphi e quella di Google).

LONDRA E LUSSEMBURGO IN LIZZA PER LA SPERIMENTAZIONE Delphi, da quanto riporta il magazine Autonews, starebbe valutando una rosa di quattro città ed entro la fine di dicembre sarà effettuata la scelta definitiva. Negli USA la scelta oscilla tra Boston e Pittsburgh, in Europa tra Londra e Lussemburgo; il programma prevede una fase sperimentale, della durata di 2 anni, durante la quale il servizio di ride-sharing si svolgerà sotto la continua supervisione di un controllore umano a bordo. Nel 2019 Delphi conta di continuare la sperimentazione facendo a meno dell'equipaggio per giungere nel 2022 alla versione definitiva del servizio driverless, pronto e sicuro per l'inizio dell'attività commerciale (Qui alcuni dettagli sulla tecnologia usata da Delphi).

TEAM DI SVILUPPO D'ECCELLENZA Il progetto sperimentale è stato così commentato da Glen de Vos, vice presidente della business unit di Delphi: ” La sperimentazione cittadina ci permette di fare esperienza nel mondo reale, consentendoci di capire i sistemi in un ambiente controllato”. Per potere procedere con maggiore rapidità allo sviluppo del modello definitivo Delphi ha stretto alcune partnership strategiche con eccellenze tecnologiche; nel corso dell'ultimo anno si sono unite al progetto Mobileye NV, per lo sviluppo del software di rilevamento degli ostacoli, Quanergy Sysemes per la fornitura dei sistemi Lidar, Intel per lo sviluppo dell'hardware preposto alla gestione del sistema driverless (Sapevi che Delphi sta sperimentando i sistemi a bassa tensione sulle auto elettriche?).

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

E-fuel insufficienti: copriranno il 2% delle auto ICE nel 2035

Telepass per pagare il Traghetto Stretto di Messina: come funziona?

San Gottardo: non siamo pronti agli incendi di camion elettrici