De Silva lascia: dopo Volkswagen addio alla Italdesign

Qualche mese fa aveva preso il posto di Giugiaro nell'azienda Italdesign, che fa capo a Volkswagen. L'addio per i tagli al design del dopo scandalo

9 novembre 2015 - 10:17

Walter de Silva ha fatto molto parlare di sé e delle sue decisioni negli ultimi mesi; da poche ore è tornato alla ribalta delle cronache, dopo che, nel mese di settembre appena passato, la sua figura si era fortemente rafforzata con l'assunzione del comando del design del Gruppo Volkswagen e la presidenza di Italdesign Giugiaro. Ancora una volta però, lo scandalo dieselgate muove le carte sul tavolo da gioco e Walter de Silva annuncia le sue dimissioni. Ecco cosa sta per accadere.

LIBERO DA TUTTO – Iniziamo con il dire che la notizia è un po' più che ufficiosa, ovvero, al momento a far scappare un'indiscrezione tale è stato un portavoce di Italdesign; la notizia poi è stata ripresa subito dal quotidiano Handelsblatt e dal sito specializzato Auto&Design. Chiaramente a farci dire che siamo vicini all'ufficializzazione è la voce giunta che conferma che tutto sarà dichiarato dalle parti interessate nelle prossime ore. Dunque, Walter de Silva sta per lasciare la presidenza di Italdesign Giugiaro (qui una nostra intervista al designer), l'azienda che fa capo al gruppo Volkswagen, ma anche le altre cariche in seno al gruppo Volkswagen (è a capo del design del gruppo tedesco). Le sue dimissioni sembrano imminenti e il 30 novembre viene indicato come il suo ultimo giorno di lavoro.

DIESELGATE COLPISCE ANCORA – Il quotidiano Handelsblatt non ci ha girato troppo intorno al motivo delle dimissioni di de Silva, citando come causa principale proprio lo scandalo dieselgate (che sembra non finire mai), per il quale il Gruppo tedesco ha dovuto rivedere un po' tutti gli investimenti, fino a tagliare anche il budget a tutto il comparto del design. Il sito Auto&Design non è entrato così tanto nel merito dei motivi per i quali de Silva ha deciso di lasciare i suoi incarichi, ad ogni modo è uscito così allo scoperto, anticipando l'annuncio ufficiale: “de Silva ha confermato ad Auto&Design la sua intenzione di lasciare l'attività dopo una carriera di oltre 40 anni nel car design e in anticipo sul suo 65esimo compleanno, che cade nel febbraio prossimo”. Lo stesso sito conferma che al momento il designer non avrebbe intenzione di proseguire il suo lavoro con altri marchi, forse tutto sta accadendo così troppo in fretta che de Silva non ha avuto, fino a ora, tempo necessario per guardarsi intorno.

ITALDESIGN FERITA – Certo, non è un buon momento per la Italdesign. Giorgetto Giugiaro, che nel 1968 aveva fondato l'azienda insieme a Aldo Mantovani, ha maturato in questo 2015 la decisone di lasciare la Italdesign rassegnando le dimissioni per ogni suo incarico, rinunciando anche al riconoscimento di Presidente Onorario. Chi lo conosce bene, mette la “mano sul fuoco” affermando che la decisione di Giugiaro è stata scaturita dall'uscita di Ferdinand Piech (suo grande amico, da molti anni) dopo una “lotta sanguinosa” con l'amministratore delegato Martin Winterkorn. Così, dopo la brusca uscita di scena di Giorgetto Giugiaro, l'azienda di Moncalieri ha avuto la necessità di essere guidata da una figura altrettanto carismatica ed è per questo che la decisione finale era ricaduta su Walter De Silva. Il resto è storia molto recente, che lo scandalo dieselgate sta rimodellando, relegando all'azienda italiana un futuro non certo brillante come ci si aspettava, privata non solo degli investimenti necessari, ma anche di “condottieri” carismatici, di alto valore.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Acquisto auto nuova: per il 50% degli europei con un motore a combustione

Tesla usata: quanto dura la garanzia del Costruttore?

Assemblea Ania

Assemblea Ania: RC auto in calo del 5%, ma si può fare di più