Luci di posizione: cosa sono e quando si devono usare

Quali sono le luci di posizione, cosa cambia rispetto alle altre luci e quando sono obbligatorie: ecco tutte le risposte e gli errori da non fare

29 marzo 2021 - 13:16

Non è sempre facile ricordare cosa sono le luci di posizione per tutti gli automobilisti e come usarle nel modo corretto. Il problema principale è che funzionano “all’ombra” delle luci anabbaglianti e abbaglianti, ritenute principali nella guida di tutti i giorni, ma esattamente non è così. Vediamo perché sono altrettanto importanti, quali sono, come si riconosce la spia luci di posizione, quando sono obbligatorie e tanto altro ancora.

LUCI DI POSIZIONE: SPIA E FUNZIONAMENTO

Anche se nella guida di tutti i giorni, le luci anabbaglianti e abbaglianti (inclusi i fendinebbia) sono quelle più vistose, senza luci di posizione accese, le altre non si accenderebbero neppure (a parte quando è fulminata la lampadina ma il commutatore è azionato). L’errore più frequente che si commette è confondere la spia luci di posizione con le altre luci. La spia delle luci di posizione di colore verde (immagine sotto) si accende sul cruscotto generalmente ogni volta che si aziona il commutatore fari assieme all’illuminazione della plancia. Questa spia, in assenza di quella dei fari anabbaglianti, sempre verde, indica che le luci di posizione sono accese. È l’unico modo per capirlo, a meno di scendere dall’auto o di trovarsi completamente al buio, poiché non sono abbastanza potenti. A questo punto è lecito chiedersi a cosa servono le luci di posizione, se non a illuminare. Le luci di posizione permettono di segnalare anche a lunghe distanze la presenza del veicolo anteriormente e posteriormente. Cosa fondamentale soprattutto dietro, dove non ci sono altre luci (a parte la luce targa) come davanti.

QUANDO VANNO ACCESE LE LUCI DI POSIZIONE

Se una o più lampadine delle luci di posizione sono fulminate, andrebbero sostituite al più presto e non intese solo come segnalazione accessoria. L’articolo 153 del Codice della Strada, infatti, stabilisce con precisione quando accendere le luci di posizione:

– Da mezz’ora dopo il tramonto del sole a mezz’ora prima del suo sorgere;

– Di giorno nelle gallerie;

– In caso di meteo avverso: nebbia, precipitazioni nevose, forte pioggia e in ogni altro caso di scarsa visibilità;

– Durante la marcia, oltre ad accendere le luci di posizione, le luci della targa e di ingombro (se previste) vanno accese anche le luci anabbaglianti, a meno di avere le luci di marcia diurna e nei casi in cui non sono obbligatori anche i fari anabbaglianti.

MULTA LUCI DI POSIZIONE QUANO NON REGOLARI O SPENTE

L’accensione delle luci di posizione o di marcia diurna a LED è diventata automatica sulle auto recenti, tant’è che si accendono ogni volta non appena si avvia il motore. L’obbligo è scattato dal 2011 per tutte le nuove auto immatricolate nell’Unione europea, mentre per le auto meno recenti è possibile montare luci a LED DRL aftermarket. Ma attenzione a non confonderle con le luci a LED: la loro installazione è permessa solo in caso di omologazione del faro in origine, non in sostituzione di una lampadina con filamento. La multa per luci di posizione spente o non regolari, come le luci di posizione blu, va da 42 a 173 euro (per l’applicazione degli articoli 78, 152 e/o 153 CdS).

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Guida autonoma Volvo: dal 2022 arriva il livello SAE 4

Opel Corsa F con airbag difettoso: 93 mila auto da richiamare

Targhe nere italiane

Targhe nere italiane: le trasformazioni negli anni