La fermata è vietata lungo le autostrade, anche in caso di emergenza

Autostrade e ANAS: i progetti per migliorare la sicurezza stradale

Autostrade e ANAS si impegnano a migliorare la sicurezza delle infrastrutture e implementare l’innovazione tecnologica per ridurre gli incidenti stradali

15 giugno 2022 - 10:47

Autostrade e ANAS si sono impegnate in due progetti distinti, rispettivamente con l’Università degli Studi di Brescia e Assosegnaletica con lo scopo comune di migliorare la sicurezza stradale. Autostrade e l’Università degli Studi di Brescia hanno siglato una partnership di ricerca su mobilità e infrastrutture, sicurezza stradale e trasporti. L’ANAS invece assieme ad Assosegnaletica hanno organizzato un convegno per una segnaletica stradale chiara e aggiornata per prevenire gli incidenti stradali.

IN ITALIA C’E’ ANCORA TANTO DA FARE PER LA SICUREZZA STRADALE

Stavolta vi raccontiamo una realtà che non parla di crolli, manutenzione stradale, cantieri e scarsa efficienza delle infrastrutture, anche perché la stessa Autostrade non è più quella di una volta. Sia chiaro, le iniziative di cui vi parliamo nei prossimi paragrafi sono lodevoli e speriamo troveranno una concreta applicazione nel miglioramento delle infrastrutture stradali. Ma crediamo che entrambi i gestori possano fare ancora tanto per la sicurezza stradale.

PARTNERSHIP AUTOSTRADE CON L’UNIVERSITA’ DI BRESCIA

L’accordo tra l’Università degli Studi di Brescia e il Gruppo Autostrade per l’Italia della durata di 5 anni ha come obiettivo quello di sviluppare studi e ricerche sulla mobilità e le infrastrutture, relativamente al trasporto di persone e merci, per l’ideazione e gestione di servizi di info mobilità, per la progettazione di soluzioni utili all’incremento della sicurezza stradale. La partnership prevede:

– collaborazione per specifici progetti di ricerca, consulenze tecnico-scientifiche, partecipazione congiunta a bandi e programmi di ricerca;

– svolgimento di tesi, svolgimento di esercitazioni e tirocini formativi;

– attività di formazione e apprendimento permanente, come master universitari, programmi post laurea e corsi per neolaureati;

– finanziamento di borse di dottorato e/o assegni di ricerca;

– creazione di una Road Safety Academy per l’approfondimento del tema sicurezza stradale, veicolare ed infrastrutturale e la formazione di figure professionali di riferimento;

– potenziamento delle lauree professionalizzante promosse da UniBs;

– potenziamento degli ITS (Istituti Tecnici Superiori) promossi da UniBs;

Entrambe le istituzioni, si propongono di individuare azioni comuni nella definizione di network di rapporti a livello internazionale e nell’organizzazione di eventi istituzionali di promozione della cultura scientifica, tecnologia ed imprenditoriale a livello locale.

ANAS SI IMPEGNA A REALIZZARE UNA SEGNALETICA STRADALE PIU’ SICURA

L’impegno ANAS nel miglioramento della segnaletica stradale si basa su uno studio Aci Milano: una segnaletica più chiara può ridurre gli incidenti stradali di circa il 40%. Diventa prioritario anche per permettere ai sistemi di assistenza alla guida obbligatori dal 2022 di poter funzionare correttamente. La nuova sfida – secondo ANAS – è lo sviluppo di una smart road in tutta Italia, capace di interagire con i nuovi veicoli a guida autonoma per incrementare sicurezza, comfort e sostenibilità ambientale. Il convegno formativo “Progettazione segnalamento stradale” tenuto da Assosegnaletica e ANAS ha lo scopo di aggiornare e accrescere le competenze dei tecnici coinvolti nei processi decisionali e operativi per l’installazione e la manutenzione della segnaletica stradale.  Con l’obiettivo di ridurre del 50% le vittime di incidenti stradali entro il 2030, Anas ha costruito un piano strategico su più punti:

– l’impegno per la manutenzione stradale programmata, per l’adeguamento e messa in sicurezza della rete anche attraverso pavimentazioni più performanti;

– il potenziamento dei settori Ricerca e sviluppo con il progetto Smart road, il progetto Green Lights per una illuminazione più efficiente e la realizzazione di barriere di sicurezza di ultima generazione;

– la promozione e diffusione di una cultura della sicurezza stradale.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Auto nuove: il prezzo giusto per gli italiani è sino a 30 mila euro

UNECE: nel 2023 due nuovi regolamenti per la sicurezza dei pedoni

stellantis modello distribuzione europa

Stellantis: le auto a basse emissioni più vendute in Italia nel 2022