Bonus malus ed incidente stradale: meglio pagare o fare il CID?

In caso di incidente è meglio pagare in contanti o fare il CID? Facciamo chiarezza su come evitare l'aumento bonus malus

26 marzo 2018 - 12:12

Chi conquista con tanta diligenza una classe Bonus/Malus privilegiata se la tiene stretta, così molti lettori ci chiedono come comportarsi in caso di piccoli incidenti da città per evitare l'aumento dell'assicurazione: meglio risarcire direttamente l'altro automobilista o fare la constatazione amichevole? In realtà non sono solo queste le possibili soluzioni e dopo aver chiarito in questo video se è meglio montare gomme inverali strette o larghe, nel nuovo video qui sotto di #TeLoSpiegoIo chiariamo uno dei dubbi che attanagliano i nostri lettori: cosa faccio in caso di incidente stradale? Meglio riparare l'auto all'automobilista danneggiato o lasciare che se ne occupi l'assicurazione? Vediamo cosa cambia e quanto può costare il CID a un automobilista media in 1^, 6^ e 12^ classe di merito.

SE CI SI FIDA SI PUO SCENDERE A PATTI Con le auto sempre più addobbate di sensori e telecamere integrate, non è sempre facile capire su due piedi se conviene risarcire una leggera toccatina in contanti e subito o lasciare che se ne occupino le assicurazioni con una constatazione amichevole, più nota come CID o CAI. Intanto, la regola principe in caso di incidente è mantenere la calma e seguire questi consigli, poi decidere in accordo con la controparte danneggiata quale soluzione intraprendere. La prima impressione in questi casi è quella che conta: se c'è aria fiducia si può considerare di risarcire direttamente in contanti dopo aver fatto un'attenta valutazione del costo di riparazione rivolgendosi anche al carrozziere di fiducia proprio o dell'altra parte. Se si è tra galantuomini e l'importo non è definibile su 2 piedi ma l'auto richiede una valutazione più attenta sottopelle, si può scegliere di compilare il modulo CID in prima battuta concordando con l'altro automobilista di aspettare il parere del carrozziere e strapparlo se il conto che verrà fuori dal preventivo è una spesa sostenibile. In questo modo non si accederà alla denuncia tramite assicurazioni e chi ha causato il danno risarcisce direttamente il danneggiato. C'è poi una soluzione molto simile per evitare l'aumento del malus che è una via di mezzo tra il CID e il risarcimento in contanti ed è la Stanza di compensazione.

COME FUNZIONA LA STANZA DI COMPENSAZIONE DEL CONSAP Se nel corso dell'annualità in scadenza si è stati responsabili di sinistri rientranti nell'ambito della procedura del risarcimento diretto – in sostanza quelli che non coinvolgono più di 2 auto -, si ha facoltà di riscattare, tramite di Consap (Concessionaria Servizi Assicurativi Pubblici), questi sinistri al fine di evitare l'aumento del premio conseguente all'attribuzione di una classe di merito superiore. Il contraente della polizza assicurativa del veicolo responsabile, che ritiene conveniente “rimborsare il sinistro”, potrà corrispondere il relativo importo risarcito dalla Compagnia all'automobilista danneggiato direttamente alla Stanza di compensazione, tramite bonifico sul conto corrente dedicato. Consap, a questo punto, provvederà a rilasciare l'attestazione di avvenuto pagamento con la quale il contraente della polizza potrà recarsi presso il proprio assicuratore e richiedere la riclassificazione del contratto. Se invece il risarcimento da riscattare è troppo alto non resta che fermarsi al CID. Ma quanto può costare in termini di aumento assicurativo firmare un modulo CID? Scopri nel video sotto quanto paga in più un automobilista di età media che fa un incidente senza feriti e senza taglio punti patente se è in prima, in sesta o in dodicesima classe di merito.

CONSIGLI ED ERRORI DA EVITARE Un consiglio sempre valido è quello di fotografare almeno la targa, i danni alle auto e il luogo dell'incidente. E se scegliete la strada del risarcimento bonario in contanti è preferibile farsi aiutare dal carrozziere di fiducia nella stima corretta del danno per evitare di pagare troppo o farvi rimborsare una cifra inferiore al danno reale. Se l'accordo del risarcimento in contanti c'è, ricordate di compilare e far firmare una liberatoria (potete scaricare il modulo in calce all'articolo) contenente i dati delle persone, delle auto e del luogo dell'incidente con cui il danneggiante non ha nulla altro da pretendere dal danneggiante in ragione del rimborso in contanti ricevuto, con tanto di copie dei documenti allegate. Attenzione alle truffe: se non un fantomatico danneggiato vi bussa al finestrino lamentando danni di cui non vi siete accorti, invitatelo a fermarsi più avanti e raggiungete un luogo non isolato come una stazione di carburante senza scendere dall'auto. Dopodiché chiedete aiuto alle forze dell'ordine che in caso di colpa reale verbalizzeranno semplicemente l'accaduto, ma state certi che se c'è aria di truffa il malintenzionato se la darà a gambe levate alla vista della volante.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Auto abbandonate suolo pubblico privato

Auto abbandonate: come rimuoverle dal suolo pubblico e privato

Guard rail non a norma: Comune di Roma condannato in appello

Guai in Italia per FCA: l’accusa del Fisco di aver “nascosto” 5 miliardi