Auto per disabili

MIDEA: il progetto PIARC per una mobilità inclusiva e sicura

PIARC Italia lancia MIDEA, l'app per dispositivi mobili che fornisce alle persone con disabilità informazioni aggiornate e puntuali sui luoghi con servizi accessibili

14 aprile 2022 - 8:52

MIDEA, disponibile sia per Android che per iOS, è l’applicazione che permetterà di semplificare la vita alle persone con disabilità. Potrà essere incorporata in piattaforme di mobilità per integrare le informazioni relative allo stato del traffico con quelle dei servizi dedicati alle persone con disabilità. L’obiettivo di PIARC è la creazione di una mobilità inclusiva e sicura. Per essere certi di intraprendere la giusta direzione è fondamentale raccogliere i bisogni dei futuri fruitori. Ecco il questionario e la definizione del progetto.

GUIDA E DISABILITÀ: PIARC VERSO UNA MOBILITA’ INCLUSIVA E SICURA

I limiti e gli ostacoli che le persone con disabilità (PcD) affrontano quotidianamente negli spostamenti sono innumerevoli e spesso difficilmente percepiti da chi propone sistemi di assistenza alla guida, stazioni di ristoro, segnaletica e servizi accessori. Disporre di una chiara e aggiornata situazione di tutti i punti di accesso più idonei lungo il percorso che si vuole intraprendere è una necessità non derogabile. È quindi indispensabile fornire una serie di informazioni puntuali sul percorso per creare una cartina stradale amica. A questo proposito un ruolo sempre maggiore nel mondo dei trasporti è oggi rivestito dalle nuove tecnologie di automazione. Gli ADAS (Sistemi di assistenza automatica al guidatore) e nel prossimo futuro il veicolo autonomo, potranno supplire a tutte le difficoltà presenti con le attuali soluzioni. Nel frattempo è necessario muovere un primo passo.

LA SFIDA DI PIARC: IL PROGETTO

Il progetto promosso da PIARC Italia (Associazione Mondiale della Strada) in collaborazione con ADAM, Fa.Di.A. e Fish Calabria, presuppone, attraverso i servizi offerti da MIDEA, di realizzare un’uguaglianza concreta e non solo concettuale. Un’applicazione per dispositivi mobili fornirà all’utente con disabilità informazioni aggiornate e puntuali sui luoghi con servizi accessibili e fruibili lungo il percorso stradale. Questo progetto parte dalla convinzione che tutti gli utenti stradali debbano avere la stessa accessibilità, fruizione e comprensione dei servizi offerti. L’App sarà proposta come parte integrante a tutte le piattaforme della mobilità. Coinvolgerà gestori stradali come Anas, gestori autostradali, enti locali, sia piattaforme di navigazione in ambito urbano completando l’insieme di informazioni disponibili all’utente.

MIDEA: DA DOVE NASCE IL NOME DEL NUOVO PROGETTO PIARC

L’acronimo MIDEA vede dunque al suo interno:

– l’integrazione ai Servizi per la Mobilità (MaaS) dedicati a specifiche esigenze;

– una mobilità Inclusiva accessibile a tutti gli utenti, siano essi attivi o passivi, guidatori o passeggeri;

– una mobilità Digitale che usa le reti e le connessioni digitali sia in un sistema cloud sia nelle comunicazioni veicolo e veicolo (V2V) e da veicolo a infrastruttura e altri apparati (V2I e V2X), fino alla cosiddetta Internet Of Things (IOT);

– la mobilità Equa che vuole offrire servizi e strumenti diversi e commisurati in base agli effettivi svantaggi dell’utente;

– una mobilità Autonoma che si avvale di tutti i sistemi di assistenza alla guida automatici sia a bordo del veicolo sia presenti lungo la strada in un percorso di automazione da parziale a totale.

UN SONDAGGIO ALLA BASE DEL PROGETTO

Nella prima fase di sperimentazione dell’App è stato lanciato un sondaggio volto a:

– profilare la fascia di utenza a cui il progetto è indirizzato;

– definire le percezioni e le necessità della persona con disabilità alla guida del veicolo o accompagnata.

Per far sì che l’applicazione sia chiara, centrata e facilmente fruibile viene proposto un sondaggio, compilabile direttamente dalla PcD o dal suo accompagnatore abituale. Il sondaggio raccoglierà dati sulla specifica condizione di disabilità e sulla percezione dei sistemi automatici di assistenza alla guida, le esperienze personali ed eventuali suggerimenti. Qui il link per compilare il sondaggio . I risultati saranno condivisi con tutti gli operatori del settore per perfezionare, migliorare e innovare gli attuali sistemi e impianti infrastrutturali.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

colonnine ricarica ue

Colonnine di ricarica con POS: la proposta del Parlamento UE

Blocco traffico Roma 4 dicembre 2022: orari e deroghe

Ricarica CCS vs NACS: la presa Tesla è “rischiosa” per i Costruttori