Volvo: il cobalto delle batterie diventa tracciabile

Volvo ricorre alla blockchain per garantire le materie prime delle batterie: il cobalto sarà tracciabile come le gomme fuori uso

6 novembre 2019 - 11:18

Si è sempre parlato del lato oscuro delle auto elettriche come le emissioni di CO2 durante il ciclo vita, lo smaltimento delle batterie al litio e lo sfruttamento di lavoro nelle miniere di cobalto. Un richiamo che ha mobilitato tutti i costruttori a maggiore trasparenza dalle politiche di approvvigionamento delle materie prime ai processi di produzione carbon free. Volvo Cars ad esempio ha annunciato che adotterà in tutto il mondo il primo metodo di tracciamento della provenienza del cobalto.

IL COBALTO DELLE BATTERIE COME LA PLASTICA E LA CO2

Dal PlasticLess per ripulire il mare dalla plastica all’alluminio per abbattere le emissioni di CO2 della nuova elettrica XC-40 Recharge, Volvo non è nuova ad iniziative per la salvaguardia dell’ambiente. La tracciabilità delle materie prime utilizzate nella produzione di batterie agli ioni di litio, come il cobalto, è una delle sfide più difficili per i Costruttori. Considerando gli interessi in gioco nei Paesi dove i diritti e la tutela della persona sono spesso fumosi Volvo ha deciso di attuare una blockchain su tutta la catena di approvvigionamento materiali. “Con la tecnologia blockchain possiamo fare il prossimo passo per garantire la piena tracciabilità della nostra catena di approvvigionamento e ridurre al minimo tutti i rischi correlati, in stretta collaborazione con i nostri fornitori.” Ha spiegato Martina Buchhauser, responsabile acquisti di Volvo Cars.

LE AZIENDE COINVOLTE NELLA TRACCIABILITA’ DELLE TERRE RARE

A partire da quest’anno, Volvo lavorerà in stretta collaborazione con i due fornitori globali di batterie, CATL in Cina e LG Chem in Corea del Sud. Le aziende tecnologiche Circulor e Oracle gestiscono la tecnologia blockchain attraverso la catena di approvvigionamento di CATL a seguito di un progetto pilota iniziato la scorsa estate. Mentre Responsible Sourcing Blockchain Network (RSBN), insieme agli specialisti di approvvigionamento responsabile RCS Global e IBM, sta implementando la tecnologia nella fornitura di LG Chem.

COME FUNZIONA LA BLOCKCHAIN SULLE BATTERIE

La Blockchain è un libro digitale contenente un elenco di record collegati tra loro tramite crittografia. All’interno delle catene di approvvigionamento, sono registrate le transazioni che non possono essere modificate. Il tutto è gestito con un insieme comune di regole per i dati che possono essere registrati. Ciò consente ai partecipanti di verificare e controllare le transazioni in modo indipendente. La tracciabilità delel materie prime tra Volvo, CATL ed LG Chem sarà implementata già sulle batterie dei modelli Polestar e sulla XC-40 Recharge.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Auto usate certificate: brumbrum apre la prima fabbrica della qualità

Nuova etichetta energetica Pneumatici: cosa cambia dal 2021

Città migliori al mondo per guidare

Città migliori al mondo per guidare: Torino la prima italiana