Cupra Born elettrica al top nelle prove di Green NCAP

7 ottobre 2022 - 19:00

Il quarto test del 2022 di Green NCAP, che da quest’anno segue un nuovo metodo per valutare la sostenibilità delle vetture, continua a premiare le auto elettriche. Questa volta, infatti, ad uscire in trionfo dal test è la Cupra Born electric, modello a zero emissioni che rappresenta un riferimento per il giovane marchio iberico del Gruppo Volkswagen. La nuova tornata di test di Green NCAP ha preso in esame anche altri due modelli, la Fiat 500 in versione Mild Hybrid e la Seat Ibiza 1.0 TSI. I due veicoli testati sono modelli benzina caratterizzati da consumi ridotti. Il test di Green NCAP, però, conferma la scarsa sostenibilità delle vetture ICE riservando le 5 stelle esclusivamente alla Cupra Born.

TEST GREEN NCAP: TRE INDICI PER VALUTARE LE AUTO

Il nuovo metodo di test di Green NCAP si basa su di un approccio Life Cycle Assessment. Tale sistema punta ad offrire un’analisi più ampia e completa sull’impatto ambientale delle vetture. Si tratta di un’evoluzione del sistema Tank-to-wheel (ovvero “dal serbatoio alla ruota”). Per definire la sostenibilità di una vettura, quindi, il test Green NCAP fissa tre indici:

– Clean Air

– Energy Efficiency

– Greenhouse Gas

Per la definizione del punteggio di ogni singolo indice vengono effettuate diverse analisi, con test di laboratorio e test in strada. La combinazione dei vari test determina poi i risultati completi. Il punteggio massimo è di 5 stelle su 5. Come anticipato in apertura, la nuova tornata di test Green NCAP comprende tre vetture:

– Cupra Born Electric

– Fiat 500 Mild Hybrid

– Seat Ibiza 1.0 TSI

CUPRA BORN ELECTRIC: PROMOSSA A PIENI VOTI DA GREEN NCAP

La nuova tornata di test Green NCAP ha analizzato la Cupra Born 170 kw e-Boost electric RWD automatic, modello di riferimento della gamma a zero emissioni del Gruppo Volkswagen e realizzato a partire dalla piattaforma MEB, base di partenza di diverse elettriche del gruppo tedesco. L’auto è dotata di una batteria da 58 kWh che garantisce un’autonomia di 360 chilometri. Nel test Green NCAP, per la vettura di casa Cupra si registra un ottimo risultato. La vettura ha ottenuto un indice complessivo di 9,6 su 10 che si traduce in un punteggio finale di 5 stelle su 5. Per il modello casa Cupra si registrano i seguenti punteggi:

10 su 10 per l’indice Clean Air

9,3 su 10 per l’indice Energy Efficiency

9,6 su 10 per l’indice Greenhouse Gas

Nei test effettuati da Green NCAP, la Cupra Born ha ottenuto una sola nota stonata per quanto riguarda l’indice Energy Efficiency. Nel test in ambiente freddo, infatti, l’efficienza della vettura peggiora (il punteggio complessivo in questo caso è di 8,3 su 10, comunque valido). Qualche passo falso viene registrato anche nei test Greenhouse Gas, in particolare per le analisi relative ai tratti autostradali ed agli ambienti freddi (con punteggi rispettivamente di 9,9 e 8,7 su 10). L’analisi delle emissioni effettuata da Green NCAP è di tipo Well-to-Wheel+ e tiene in considerazione anche le emissioni relative all’energia elettrica prodotta per garantire il funzionamento della vettura.

FIAT 500 MILD HYBRID: SOLO 3 STELLE

La Fiat 500 Elettrica, vero e proprio punto di riferimento della mobilità a zero emissioni, in particolare in Italia, ha ottenuto le 5 stelle Green NCAP grazie alla sua elevata sostenibilità. Per la Fiat 500 Mild Hybrid (con motore 1.0 da 70 CV e sistema Mild Hybrid a 12 V), invece, il risultato è profondamente diverso. Per la piccola di casa Fiat, infatti, ci sono solo 3 stelle su 5. Il giudizio completo è il seguente:

– 4,3 su 10 per l’indice Clean Air

– 6,3 su 10 per l’indice Energy Efficiency

– 5,2 su 10 per l’indice Greenhouse Gas

Il risultato non straordinario registrato dalla Fiat 500 Mild Hybrid è fortemente condizionato dal punteggio dell’indice Clean Air. Sia i test in laboratorio che i test in strada, infatti, fanno segnare risultati particolarmente negativi con risultati che vanno dallo 0 su 10 ad un massimo di appena 5,7 su 10.

SEAT IBIZA: LA CITY CAR A BENZINA SENZA ELETTRIFICAZIONE BOCCIATA DAL TEST GREEN NCAP

Risultati decisamente poco convincenti arrivano anche dalla Seat Ibiza, testata nella variante con motore tre cilindri 1.0 turbo. Per la piccola di casa Seat, infatti, i risultati sono decisamente ridotti. La vettura di casa Seat è sotto la sufficienza in tutti e tre gli indici di riferimento del test Green NCAP. Complessivamente, per la Ibiza si registra un punteggio di 2,5 stelle su 5. I risultati ottenuti sono:

– 5,8 su 10 per l’indice Clean Air

– 5,1 su 10 per l’indice Energy Efficiency

– 3,7 su 10 per l’indice Greenhouse Gas

In questo caso, il dato peggiore arriva dall’indice Greenhouse Gas con appena 3,7 punti. Nel risultato del test pesa l’impatto delle emissioni di CO2 mentre non si registra alcuna criticità per quanto riguarda le emissioni di N20 e CH4. Le emissioni di CO2 risultano troppo elevate, tanto da raggiungere un minimo di 2,6 su 10 nel test relativo alle tratte autostradali.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

acea emissioni ue

ACEA fissa i target per l’azzeramento della CO2 nel 2035

Mobility manager: cosa fa, quando è obbligatorio [novità 2022]

Quanto è sicura la microcar XEV YOYO di Enjoy?