Auto ibride: +66% di incidenti con pedoni in modalità elettrica

Auto ibride più pericolose per i pedoni: un’indagine USA rivela i numeri degli incidenti prima dell’obbligo del cicalino

20 ottobre 2021 - 15:26

Il rumore delle auto, quando eccessivo, riduce inevitabilmente la qualità della vita nei centri urbani. Per secoli però ha rappresentato anche un avviso agli altri utenti della strada nelle immediate vicinanze di un veicolo in arrivo. Anche per questo motivo, la sicurezza delle auto elettriche e ibride più silenziose è stata approcciata introducendo l’obbligo dell’avviso di avvicinamento. Nel frattempo, secondo i dati riportati dall’IIHS, le auto ibride in modalità elettrica, sono state coinvolte fino al 66% in più di incidenti rispetto ai veicoli a combustione.

IL RUMORE DELLE AUTO ELETTRICHE E’ OBBLIGATORIO DAL 2021 NEGLI USA

L’obbligo dell’avviso per pedoni e ciclisti su auto elettriche e ibride Plug-in è scattato in Europa già da luglio 2019. Tutti i nuovi veicoli BEV e PHEV devono rispettare la norma UNI 138 che stabilisce le caratteristiche del suono che devono emettere fino a 30 km/h, come ad esempio il rumore della Nissan Leaf. Oltre questa velocità prevale il rumore di rotolamento degli pneumatici. Gli Stati Uniti si sono adeguati alla silenziosità delle auto più tardi, introducendo l’obbligo a partire dal 28 febbraio 2021. Intanto la maggior parte dei Costruttori avevano già adottato vari sistemi ma con caratteristiche non standardizzate.

INCIDENTI TRA AUTO IBRIDE E PEDONI: +66% A BASSA VELOCITA’

Questa premessa ci porta direttamente all’indagine dell’Istituto indipendente per la sicurezza stradale USA, il cui rapporto ha analizzato gli incidenti con pedoni delle auto ibride Plug-in. L’indagine ha messo in relazione gli incidenti denunciati alle assicurazioni per le auto ibride tra il 2005 e il 2017 e gli stessi modelli con il solo motore endotermico. I ricercatori dell’IIHS hanno evidenziato che la probabilità di colpire un pedone per un’auto ibrida era del 39% superiore rispetto ai modelli non ibridi dove i limiti di velocità erano fino a 35 mph (56 km/h). Il rischio sale a oltre il 66% durante manovre lente che a volte avvengono in prossimità dei pedoni o attraversamenti, come svoltare, fermarsi e indietreggiare. “Queste manovre si verificano in genere a velocità molto basse, quando gli ibridi funzionano principalmente con la sola alimentazione elettrica”, sottolinea lo studio.

IL DOPPIO DEI RISARCIMENTI PER LESIONI CON LE AUTO IBRIDE

L’indagine rileva anche il numero di richieste di risarcimento negli incidenti tra auto ibride e pedoni del 20% superiori ai veicoli tradizionali. Solo il 3% circa dei proprietari di auto ibride ha fatto una richiesta di risarcimento danni all’assicurazione. Mentre il 10% delle richieste di risarcimento era per lesioni a persone. “Ciò suggerisce che gli ibridi hanno maggiori probabilità di infliggere lesioni ai pedoni rispetto ai veicoli convenzionali a causa della marcia silenziosa”, spiega il rapporto. Con l’obbligo dell’avviso di prossimità per i pedoni, i rischi dovrebbero essere ridotti. Come sempre ricordiamo, la precauzione migliore è evitare distrazioni (a piedi e al volante) e adottare tutte le cautele possibili, come ridurre la velocità, guardarsi attorno e sfruttare gli attraversamenti e i semafori pedonali, se disponibili.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Cyber Monday 2021: le occasioni più utili per l’auto

Black Friday 2021: gli sconti su accessori auto da non farsi scappare

Offerte auto Black Friday 2021

Offerte auto Black Friday 2021: i migliori sconti