Auto elettrica: solo il 28% degli italiani la comprerebbe per ZTL e blocchi

Un’indagine italiana rivela la propensione (e i motivi) che spingerebbero 3 mila automobilisti a comprare un’auto elettrica o ibrida

15 maggio 2019 - 17:54

Cambiano le scelte degli italiani in materia di alimentazione auto. Uno studio rivela l’aumento dei consensi per l’ibrido che si piazza al primo posto. Consapevoli dell’importanza di fare una scelta rivolta al futuro i driver italiani guardano all’elettrificazione. E se per la maggioranza è ancora presto per mettere in garage una vettura 100% elettrica i motori ibridi incassano un consenso unanime. L’auto ibrida si sceglie principalmente per la tutela dell’ambiente (53%) ma seguono anche le esigenze di viabilità e i risparmi nella gestione. In generale crollano le motorizzazioni tradizionali con gli italiani che preferiscono le auto benzina alle diesel. Male il gas che occupa il fondo classifica nel gradimento, ultimi due posti rispettivamente per Gpl e metano. Vediamo i dettagli.

IBRIDO AL PRIMO POSTO

In occasione dell’Automotive Dealer Day di quest’anno Quintegia anticipa i dati emersi nel suo report annuale sulla mobilità in Italia. Nel dettaglio gli italiani sono pronti all’elettrificazione ma con riserva. Se l’ibrido mette d’accordo quasi tutti attorno alle auto elettriche ci sono ancora dubbi. Le auto elettrificate, quindi ibrido ed elettrico, si confermano l’oggetto del desiderio per il 63% degli automobilisti. Ci sono ancora preoccupazioni legate alla mobilità elettrica in particolare nell’immediato futuro. Lo studio ha indagato un campione di oltre 3.000 driver italiani che hanno comprato un’auto nuova o a km 0 negli ultimi 2 anni. Si tratta di persone interessate all’acquisto, entro il 2019, di un’altra vettura. Nei fatti 6 italiani su 10 dicono di essere intenzionati ad acquistare un’auto elettrica. Il dato somma il 48% di “probabilmente sì” al 15% dei “certamente sì”.

L’AUTO DEL FUTURO

Quando si fissa il termine di acquisto a 6 mesi i “sì” scendono al 31,2% con un 44% di indecisi. Quasi la metà cerca ulteriori informazioni per concludere l’acquisto dell’auto. Quintegia ha poi guardato alle motivazioni per cui si compra un’auto elettrificata. Tra gli italiani il rispetto dell’ambiente è la motivazione più diffusa (53%) seguita dalla considerazione che “è l’auto del futuro” (43%). Stranamente le ragioni più pratiche sono in bassa classifica. Tra queste la viabilità con i problemi di Ztl e blocchi del traffico è al 28% e il risparmio al 22%. Interessante l’attenzione degli italiani al bollo auto con il 12% che lo cita direttamente. Circa 1 consumatore su 4 esclude l’acquisto di un’auto elettrica nei prossimi 6 mesi. Il motivo è che ci sono questioni irrisolte come l’autonomia ridotta (48%) e la scarsità di colonnine di ricarica (33%). Inoltre per il 28% non sono affidabili.

ALIMENTAZIONI A CONFRONTO

In generale il prezzo elevato rispetto rispetto alle motorizzazioni tradizionali (26%) frena le scelte elettrificate degli italiani. Come detto a risolvere i dubbi sull’elettrico ci pensano le auto ibride. Queste motorizzazioni sono in testa all’elenco con 3 italiani su 4 che si dicono probabilmente (55%) o certamente (20%) intenzionati all’acquisto. Per quanto riguarda i motori tradizionali, la benzina è presa in considerazione da più della metà del campione (56%). Male il diesel che registra un 36% degli italiani schierato sul “certamente no” all’acquisto. Il diesel rimane una possibilità solo per 4 italiani su 10 (41%), con picchi di gradimento al 63% tra gli acquirenti di marchi premium. Chiude la classifica il gas auto. Ultimo il metano con un “no secco” all’acquisto al 47% e il “probabilmente no” al 28%. Quanto al Gpl i valori di gradimento sono rispettivamente al 43% e 25%.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Tesla: nel mondo circolano 2,9 GWh di auto elettriche vendute a marzo 2019

L’Audi TT uscirà dal listino, al suo posto un’auto elettrica

Bollo auto: l’esenzione compete solo alle Regioni