Audi richiama la e-tron: rischio incendio per 7 mila auto elettriche

L’umidità può innescare un corto circuito nella batteria e incendiare l’auto: è il motivo del richiamo Audi per 7 mila e-tron nel mondo

12 giugno 2019 - 12:04

Si tratta di un richiamo precauzionale quello che Audi ha avviato negli USA e che si prepara ad attivare anche in Europa per il rischio incendio della nuovissima e-tron. Il problema legato a infiltrazioni di umidità non avrebbe ancora una soluzione, tanto che Audi ha già predisposto la sostituzione dell’auto, un rimborso e l’estensione della garanzia per i clienti USA. Cerchiamo di capire meglio di cosa si tratta.

L’ANOMALIA SU 5 AUTO IN EUROPA

L’allarme del rischio incendio della batteria dell’Audi e-tron è legato all’accensione di una spia che segnala la presenza di acqua nel circuito di ricarica. Come abbiamo visto qui, ricaricare un’auto elettrica quando piove non è un problema se l’acqua non penetra nella presa di ricarica. E sembra proprio il problema manifestato su un numero ridotto di Audi e-tron in Europa che però non è scaturito in incidenti o incendi, secondo quanto riporta Autonews. “In determinate circostanze – spiega Audi – l’umidità potrebbe penetrare nell’impianto elettrico del veicolo, presentando il rischio di un cortocircuito e un potenziale incendio.

LE AUDI E-TRON GIA’ CONSEGNATE

Ad oggi sono circa 7 mila le Audi e-tron che potrebbero essere interessate dall’infiltrazione di umidità nella presa di ricarica, di queste 2300 in Germania e 1600 negli USA. Le consegne in Cina invece partiranno nella seconda metà dell’anno, presumibilmente quando si sarà individuata anche una soluzione al problema. Nel frattempo Audi rassicura i clienti che hanno acquistato l’e-tron sulla sicurezza dell’auto. Le Audi e-tron si possono guidare tranquillamente, solo nel caso in cui dovesse accendersi la spia che avverte della presenza di umidità nel circuito di ricarica è consigliabile parcheggiare all’aperto l’auto e contattare l’assistenza.

AUTO SOSTITUTIVA E RIMBORSO NEGLI USA

Chiaramente c’è da aspettarsi che non tutti i clienti saranno d’accordo all’ipotesi – anche remota – di guidare un’auto a rischio incendio. Ecco perché Audi ha attivato negli USA un piano di indennizzo per tutti i clienti. Se un cliente Audi non desidera continuare a guidare la sua e-tron in attesa della riparazione, Audi fornirà un’auto sostitutiva a benzina con una carta di credito da 800 dollari per compensare il costo del carburante. Inoltre secondo quanto afferma la divisione USA del Costruttore, Audi of America avrebbe fornito ai proprietari di e-tron interessati al problema il servizio AudiCare gratis o il rimborso dell’importo a chi lo aveva già attivato all’acquisto dell’Audi e-tron sottoposta a richiamo. Bisognerà capire se la stessa attenzione alla soddisfazione dei clienti sarà riservata anche in caso di richiamo europeo.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Gomme invernali dal 15 novembre: cosa rischia chi guida senza pneumatici invernali

T-Red a Torino

T-Red a Torino: mappa dei 14 incroci controllati dai dispositivi

Garanzia auto usate Codice del Consumo

Auto usate in calo: ad ottobre arranca anche il diesel