Le auto elettriche si possono ricaricare sotto la pioggia?

Ricaricare alla colonnina quando piove è pericoloso? Ecco come farlo nel modo corretto e le indicazioni dei Costruttori in caso di pioggia

7 giugno 2019 - 11:36

Acqua ed elettricità sono gli antipodi più temuti della storia da chi non ha voglia di prendere la scossa, e con le auto elettriche la domanda “cosa succede se devo caricare quando piove?” diventa quantomai fondata. In realtà ci sono attenzioni da non sottovalutare sia quando si ricarica un’auto elettrica sotto la pioggia, sia quando per qualsiasi motivo bisogna scollegarla all’improvviso, sia quando l’auto è stata sotto la pioggia e solo dopo si collega alla presa di ricarica. Ecco cosa bisogna sapere e controllare prima di ricaricare un’auto elettrica Nissan o Volkswagen quando piove con i consigli di alcuni Costruttori.

CON LA PIOGGIA O NO, C’E’ DA FARE ATTENZIONE

Abbiamo già visto che attraversare una strada allagata con un’auto elettrica non è sempre facile e possibile come quando si guida un’auto tradizionale. Ma se non si ha a disposizione una colonnina di ricarica in garage o al coperto nelle vicinanze cosa bisogna fare? Intanto bisogna chiarire che tutti i dispositivi riportano chiare indicazioni per ridurre al minimo il rischio di riportare lesioni per un utilizzo non previsto. La pioggia ad esempio è uno dei casi in cui l’auto elettrica collegata alla colonnina non deve costituire pericolo, sempre che si osservino le indicazioni del Costruttore sul manuale.

NISSAN: NON TOCCARE L’AUTO CON I FULMINI

Nissan ad esempio rassicura i clienti col fatto che in caso di pioggia, ma anche tutte le volte che si lava l’auto, il vano della presa di ricarica della Leaf, guarda qui quanto costa la manutenzione reale, ha un foro di drenaggio che fa defluire l’acqua. Bisogna quindi verificare che non sia presente dell’acqua, magari per l’ostruzione del foro di scolo, altrimenti si potrebbe innescare un corto circuito della batteria e il rischio di incendio. Inoltre “non toccare il veicolo o l’apparecchiatura di ricarica (postazione di ricarica, cavo Modo 3, EVSE) in caso di fulmini. Ciò potrebbe causare una scossa elettrica.

PER VOLKSWAGEN MEGLIO NON SCOLLEGARE IN CARICA

Secondo Volkswagen è importante proteggere i connettori da umidità, acqua e altri liquidi, per preservarne l’efficienza quando non utilizzati. Prima di staccare il cavo poi è fortemente consigliato completare la ricarica per la possibilità di danneggiare i cavi o l’impianto elettrico dell’auto. Inoltre il cavo di ricarica – secondo Volkswagen – va collegato solo a prese opportunamente protette dall’umidità, dall’acqua e da altri liquidi, quindi stagni. Nel caso pensaste di allungare un cavo dal balcone di casa, sappiate che va contro i limiti tecnici dell’accrocchio e le norme basilari di sicurezza.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Estate 2019: il 57% degli italiani farà le vacanze in auto

Nuova Renault ZOE 2019: nuovi interni hi tech e autonomia a 390 km

USA: la pizza a domicilio arriverà con la guida autonoma di Nuro