Acquisto auto elettrica, più facile se si passa da un’ibrida o Plug-in

Acquisto auto elettrica, più facile se si passa da un’ibrida o Plug-in

In Giappone le preferenze di acquisto delle auto elettriche non puntano esclusivamente a prezzo ed ecoincentivi come UE e USA

11 Dicembre 2023 - 15:00

L’acquisto dell’auto elettrica in Europa e USA è legato a doppio nodo con il prezzo di vendita e l’accesso agli ecoincentivi del governo (vedi come saranno organizzati in Italia per il 2024). Non a caso il governo americano ha imposto che le auto elettriche siano totalmente “made in USA”, anche se poi i capitali potrebbero essere dirottati altrove, ad esempio in Cina. Il recente studio di JD Power Electric Vehicle Consideration (EVC) rivela un approccio diverso in Giappone dove il 50% degli acquirenti considera veicoli elettrici per il prossimo acquisto, mentre il 46% acquisterà solo un veicolo ICE.

SOLO AUTO ELETTRICHE E IBRIDE NUOVE IN GIAPPONE ENTRO IL 2035

Il Japan Electric Vehicle Consideration Study fornisce un’analisi delle preferenze degli acquirenti di veicoli elettrici. L’edizione del 2023 relativa al Giappone si basa sulle risposte di 6.000 consumatori, rappresentativi di un’ampia fascia di età, da 18 a 74 anni, il cui interesse riguarda l’acquisto di un nuovo veicolo entro il prossimo anno.

Lo studio rivela che gli acquirenti che possiedono veicoli elettrificati tendono a considerare veicoli più tecnologici per il loro prossimo acquisto, il che indica che la politica nazionale volta a raggiungere il 100% di veicoli elettrificati nelle vendite di nuovi veicoli entro il 2035 non è fuori dal campo delle possibilità”, ha dichiarato Maiko Hara, senior manager della divisione di ricerca di JD Power.

ACQUISTO AUTO ELETTRICA IN GIAPPONE: IL SONDAGGIO JD POWER

Il 77% dei già possessori di veicoli elettrici considera l’acquisto di un modello completamente elettrico per il prossimo veicolo. La tendenza è evidente anche nei proprietari di ibridi plug-in (PHEV), con il 72% interessato, mentre per i veicoli a combustione interna (ICE) la percentuale scende al 47%. Questo suggerisce che i possessori di veicoli più avanzati sono più propensi a trasferirsi a modelli completamente elettrici.

Il 56% degli acquirenti nelle regioni urbane, in particolare nel Kanto e nei 23 quartieri di Tokyo, considera l’acquisto di veicoli elettrici. La preferenza aumenta con reddito più elevato, dimostrando che gli abitanti urbani benestanti sono più inclini a scegliere veicoli elettrici.

AUTONOMIA E COLONNINE: UNA BARRIERA DA SUPERARE IN GIAPPONE

La distanza media percorsa con ogni ricarica influisce sulla valutazione di acquisto dei veicoli elettrici anche in Giappone. Chi sta valutando l’acquisto di un veicolo elettrico – secondo il sondaggio JD Power – percorre in media 880 km al mese, rispetto ai 973 km di chi preferisce veicoli convenzionali ICE. L’attuale autonomia soddisfa gli abitanti dei centri urbani, mentre quelli in zone rurali mostrano meno interesse.

Il 70% degli acquirenti si aspetta di ricaricare il veicolo principalmente fuori casa, con una preferenza crescente nei gruppi più giovani. Le stazioni di servizio sono viste come luogo di ricarica principale solo dal 15% degli acquirenti. Questo gruppo di rispondenti è quasi il doppio rispetto a chi punta ai centri commerciali (8%) e ai concessionari di automobili (7%). Tuttavia, il numero delle stazioni di servizio è diminuito e le Compagnie del petrolio stanno elaborando piani per la conversione delle stazioni di servizio su misura per le auto elettriche, come sta accadendo nel Regno Unito.

Sicurauto Whatsapp Channel
Resta sempre aggiornato su tutte le novità automotive e aftermarket

Iscriviti gratis al nostro canale whatsapp cliccando qui o inquadrando il QR Code

Commenta con la tua opinione

X