Volkswagen Polo: telaio e sospensioni sotto stress nel test dell’alce

La sinergia tra telaio, sospensioni e controlli elettronici permette alla Volkswagen Polo 2021 di spingersi oltre il limite nel test dell’alce

7 aprile 2022 - 11:17

La Volkswagen Polo 1.0 TSI 95 CV con cambio DSG 7 nel test dell’alce rivela l’efficacia del bilanciamento tra telaio, sospensioni e taratura del controllo di stabilità (ESC). La cugina della Seat Ibiza di cui vi abbiamo già parlato conferma che piccole modifiche a modelli pressoché identici, si possono tradurre in comportamenti di guida differenti. Il test dell’alce permette di verificare a quale velocità un’auto mette in difficoltà il conducente nella manovra di evitamento ostacolo. Ed ecco come si è comportata la Volkswagen Polo 1.0 2021 nel video realizzato dal magazine spagnolo Km77, specializzato in test e prove su strada.

COME AVVIENE IL TEST DELL’ALCE

Il test dell’alce (o Moose Test) si basa sulla norma ISO 3888-2. In pratica il collaudatore al volante dell’auto da testare guida fino a una velocità di prova costante. Quando arriva a un punto contrassegnato dai coni sterza improvvisamente per evitare un ostacolo, che potrebbe essere un’altra auto o un animale selvatico. Prima della sterzata il conducente alza il piede dall’acceleratore e la manovra di evitamento avviene solo utilizzando il volante e senza alcun altro comando oltre all’intervento dell’ESP. La sterzata si svolge in due fasi:

– l’evitamento dell’ostacolo, eseguito a una velocità sempre più alta nelle varie prove. Questo per verificare qual è il limite in cui il volante, le sospensioni, il telaio e gli pneumatici consentono un controllo gestibile anche davanti a un ostacolo imprevisto;

– il rientro nella traiettoria iniziale (un corridoio di coni largo 3 metri) senza richiedere eccessive correzioni di volante e senza abbattere coni. Si possono verificare in caso di sovrasterzo (tendenza al testacoda) o sottosterzo (le ruote anteriori scivolano lateralmente e l’auto allarga la traiettoria) entrambi comportamenti di un’auto che ha raggiunto i suoi limiti di stabilità;

Ecco com’è andata la prova della Volkswagen Polo 2021 nel video qui sotto e i commenti del magazine nei paragrafi successivi.

PNEUMATICI VOLKSWAGEN POLO 2021 NEL TEST DELL’ALCE

La Volkswagen Polo 2021 nel test dell’alce si comporta in modo abbastanza simile alla Seat Ibiza 1.0, ma con reazioni ancora più equilibrate, considerando anche gli pneumatici differenti. Nel test infatti la Polo è equipaggiata con gomme Bridgestone Turanza Eco nella misura 195/55 R16. Si tratta delle gomme che in una misura molto più grande non avevano dato buone impressioni nel test della Skoda Enyaq iV ai colleghi di km77.

TEST ALCE VOLKSWAGEN POLO 2021: QUAL È IL SUO LIMITE?

Rispetto alla velocità di riferimento di 77 km/h, la Volkswagen Polo 2021 supera il test dell’alce senza scomporsi a 78 km/h (la Seat Ibiza a 76 km/h). “Il telaio è sostenuto in un unico movimento, senza rimbalzi e i cambi di direzione avvengono con agilità, riporta il magazine. “Gli ausili elettronici intervengono il giusto per tenere sotto controllo la vettura senza disturbare il guidatore”. Aumentando ulteriormente la velocità, l’inerzia non permette di completare le prove senza toccare i coni, ma comunque la Polo conserva buone reazioni anche a 80 km/h.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Green NCAP, il tool per misurare l’efficienza auto: come funziona

Test e-Fuel e Biodiesel: quanto diminuiscono le emissioni auto?

Euro NCAP: 11 auto a 5 stelle, migliorabili Puma, Touran e 408