Tettoia per auto: materiali, tipologie e prezzi medi

Nella scelta di una tettoia per auto occorre valutare stile, budget e durata nel tempo ovvero prezzi, tipologie e materiali

15 marzo 2021 - 19:00

Quando si parla di tettoia per auto è bene chiarire subito che non c’è una sola tipologia tra cui scegliere. Non solo in relazione a forma e dimensioni, ma soprattutto rispetto ai materiali con cui costruirla. Le coperture più comuni sono legno e ferro, ma trovano sempre molto spazio pure quelle in alluminio o PVC. La scelta del materiale ovvero della tipologia incide non solo sull’aspetto estetico. Ma anche e soprattutto sui prezzi della tettoia per auto. Senza dimenticare che alcuni materiali sono inevitabilmente più resistenti nel lungo periodo e di conseguenza hanno bisogno di un minor numero di interventi di manutenzione. Passiamo allora in rassegna le differenti possibilità di materiali, tipologie e prezzi medi di tettoia per auto così da facilitare la ricerca della migliore opzione in base alle esigenze personali.

TETTOIA PER AUTO, QUALE MATERIALE SCEGLIERE

La scelta del materiale per la tettoia per auto non è affatto così semplice e scontata perché sono differenti le valutazioni da fare. A iniziare da quelle legate al design perché – indipendentemente se è destinata per una villa, una villetta o un condominio – è sempre consigliabile che si integri nell’aspetto, nei colori e nei materiali con l’ambiente circostante. L’obiettivo finale è comune: la protezione delle auto dal sole e dagli agenti atmosferici. In questo modo il veicolo si mantiene al riparo dai raggi solari, ma anche dalla grandine che può causare gravi danni alla carrozzeria. In buona sostanza, la tettoia per auto contribuisce ad allungare la vita media dell’auto. Le tettoie in legno, ferro e PVC sono alcune delle soluzioni più comuni che portano con sé vantaggi e svantaggi. Ma perché non unire l’utile al dilettevole ovvero installare un sistema fotovoltaico sulla tettoia per auto? In questo caso le celle fotovoltaiche catturano l’energia del sole per trasformarla in elettricità. Qualunque sia la scelta, la primissima cosa da fare è verificare se la tettoia per auto necessiti di permessi e autorizzazioni per la costruzione oppure sia sufficiente la Dia (Dichiarazione inizio attività).

1. TETTOIA PER AUTO IN FERRO: PRO, CONTRO E PREZZI MEDI

La tettoia per auto in ferro (più esattamente in acciaio) è una delle soluzioni più ricercate per via della robustezza e della solidità che è in grado di assicurare. Resiste a ogni tipo di agente atmosferico, comprese le temperature più estreme, sia abbondantemente sopra che sotto lo zero. Non deve però mancare un’attenta e costante manutenzione per scongiurare il rischio della formazione di ruggine. Sicuramente più leggero, ma anche malleabile ed economico è l’alluminio, che però si rivela meno adatto per chi è alla ricerca di quella robustezza garantita dal ferro. Sul versante prezzi, per una tettoia per auto in ferro la spesa varia da 60 a 120 euro al metro quadrato, al netto dei costi per installazione e montaggio. Lavorazioni particolari possono facilmente aumentare la cifra finale.

2. TETTOIA PER AUTO IN LEGNO: PRO, CONTRO E PREZZI MEDI

Scegliere una tettoia per auto in legno significa scommettere su un materiale naturale che si integra con molta facilità con gli ambienti all’aria aperta. In questo senso consente interessanti personalizzazioni, come la possibilità di affiancare una piccola vegetazione per ridurre l’impatto estetico, ma anche per mantenere ancora più al fresco i posti auto nei mesi più caldi. Di contro bisogna mettere in conto la sua mutabilità nel tempo. Significa che è soggetta a lenti e continue modifiche e di conseguenza ha bisogno di una costante manutenzione. Ad esempio con una mano periodica di vernice per allungare la durata nel tempo. Il prezzo medio di una tettoia per auto in legno è influenzato anche dal tipo di materiale utilizzato. Se l’abete è più economico, il pino comporta ad esempio una spesa maggiore. La forbice di prezzo può così variare da 150 a 300 euro circa a metro quadrato.

3. TETTOIA PER AUTO IN PVC: PRO, CONTRO E PREZZI MEDI

C’è anche l’opzione della tettoia per auto in PVC ovvero in cloruro di polivinile da prendere in considerazione. Come è facile immaginare, non è certo la resistenza il suo punto di forza. Questa soluzione si lascia apprezzare piuttosto per la praticità e i costi contenuti. Non è infatti un caso che questo sia il materiale privilegiato nel caso delle tettoie rimovibili, retrattili o addirittura avvolgibili, impiegate soprattutto nelle località di mare. Di conseguenza il prezzo medio finale è legato soprattutto al tipo di progettazione. In ogni caso è una soluzione che permette di risparmiare sulla spesa complessiva rispetto alle tettoie per auto in legno o in ferro.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

acea emissioni ue

ACEA fissa i target per l’azzeramento della CO2 nel 2035

Mobility manager: cosa fa, quando è obbligatorio [novità 2022]

Quanto è sicura la microcar XEV YOYO di Enjoy?