Tamponamento a catena per strada ghiacciata: come evitarlo

Prima di chiedersi di chi è la colpa in un tamponamento a catena, vogliamo aiutarvi ad evitarlo: ecco gli errori da non fare

17 febbraio 2021 - 11:42

Quando si verifica un tamponamento a catena tra auto, non c’è altro spazio se non per le domande più frequenti: “Di chi è la colpa? Chi paga? Chi citare?”. In questa guida però affronteremo il problema da un punto di vista diverso: come evitare un tamponamento a catena. Ecco gli errori da non fare e i consigli non banali da ricordare anche in caso di strada ghiacciata e asfalto scivoloso.

STRADA SCIVOLOSA, SCARSA VISIBILITA’ E TAMPONAMENTI A CATENA

I tamponamenti a catena, soprattutto con asfalto ghiacciato o scivoloso, sono tendenzialmente più frequenti in inverno o con improvvisi acquazzoni. E’ chiaro quindi che in particolari situazioni di guida bisogna prestare maggiore attenzione per evitare un incidente. Potrà sembrare scontato, ma la distanza di sicurezza non rispettata è tra le prime cause e responsabilità del conducente in un tamponamento a catena. “È davvero difficile colpire qualcosa se hai abbastanza spazio intorno a te”, afferma William Van Tassel, responsabile dei corsi di guida sicura per AAA Foundation for Traffic Safety. Ecco i consigli degli esperti su cosa fare per evitare un tamponamento a catena e come comportarsi.

EVITARE UN TAMPONAMENTO A CATENA: VELOCITA’ E DISTANZA DI SICUREZZA

Rallentare e mantenere la distanza di sicurezza per evitare un tamponamento a catena è la prima arma più efficace. Se poi alla strada ghiacciata si aggiunge anche la scarsa visibilità per nebbia, allora è importante avere più margine di tempo per reagire in caso di ostacolo improvviso. In condizioni molto critiche di aderenza e visibilità ci può essere un ritardo anche di 10 secondi per fermare l’auto rispetto alle condizioni di guida ottimali. Lo spazio invece dipende molto anche dalla velocità: più è alta, più tempo di reazione servirà per intervenire e frenare il veicolo.

EVITARE UN TAMPONAMENTO A CATENA CON L’AUTO ATTACCATA AL PARAURTI

Evitare un tamponamento a catena con l’auto attaccata al paraurti dovrebbe essere una preoccupazione di chi segue, non di chi sta davanti. Tuttavia, gli esperti consigliano di tanto in tanto di buttare l’occhio anche al retrovisore centrale. Se un’auto è attaccata al paraurti posteriore è consigliabile cambiare corsia e lasciarla passare. In caso di frenata improvvisa si avranno maggiori possibilità di evitare un incidente a catena, cercando una via di fuga laterale o frenando senza essere speronati.

EVITARE UN TAMPONAMENTO A CATENA CON AUTO TROPPO VICINE

Guardare sempre la strada è il consiglio basilare per evitare distrazioni, ma quando le condizioni di guida si fanno più critiche non basta solo guardare davanti. Per evitare un incidente tra più auto, gli esperti consigliano di avere consapevolezza dei veicoli nelle immediate vicinanze. Quindi mantenere una zona di sicurezza attorno all’auto, così se l’auto accanto sbanda, ha meno probabilità di coinvolgere altri veicoli. Le manovre di guida sono all’apice degli strumenti a disposizione del guidatore per non innescare un tamponamento a catena tra più auto. Soprattutto con strada ghiacciata o scivolosa, è fondamentale evitare manovre brusche con sterzo, freni e cambio.

COSA FARE SUBITO DOPO UN TAMPONAMENTO A CATENA

I rischi maggiori spesso si corrono per le conseguenze di un incidente a catena. Se non si è riusciti ad evitare l’impatto, la prima cosa da fare nei primi istanti è restare nell’auto con la cintura allacciata. Ci si potrà sincerare sulle condizioni dei passeggeri e di cosa sta accadendo fuori, per evitare di essere investiti a piedi da altri veicoli. E’ consigliabile scendere dall’auto solo se sono cessate le collisioni o l’auto nelle immediate vicinanze sta prendendo fuoco. In entrambi i casi è consigliabile:

– Allontanarsi dai veicoli e camminare in avanti rispetto all’origine del tamponamento a catena, facendo sempre attenzione alle auto che potrebbero muoversi;

Mai proteggersi tra le auto e ai lati perché si potrebbe finire per essere schiacciati da una successiva collisione. Anche se possono sembrare sicuri i guardrail e le corsie laterali, in realtà è proprio dove le auto che sopraggiungono spesso impattano nel tentativo di evitare l’incidente;

– Solo dopo che ti sei messo in salvo e in un punto sicuro, allerta i soccorsi seguendo i consigli su cosa fare dopo un incidente.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

DPCM 6 marzo 2021

DPCM Draghi 6 marzo 2021: bozza e regole fino a Pasqua [PDF]

Il MIT cambia nome: nasce il Ministero delle infrastrutture e della mobilità sostenibili

Covid-19: lo smog rafforza il virus, lo studio in 82 città italiane