Prototipi auto camuffati: a cosa serve davvero il car wrapping delle Case?

Il car wrapping dei Costruttori auto è una precisa strategia commerciale: ecco a cosa servono le pellicole auto per camuffare i prototipi

10 febbraio 2021 - 9:57

Quando si vedono le foto spia dei prototipi auto camuffati, lo stupore e la curiosità prendono il sopravvento. Anche se l’utilità delle pellicole auto è ovviamente quello di camuffare i prototipi, non tutti sanno perché si scelgono delle pellicole speciali. Ecco il dietro le quinte del laboratorio Nissan che si occupa del car wrapping per i collaudi su strada.

IL CAR WRAPPING DEI COSTRUTTORI AUTO

In poco meno di un anno, nonostante l’emergenza sanitaria, gli ingegneri che collaudano i prototipi auto camuffati Nissan hanno visto oltre 3 km di pellicole mimetiche. Come tutti i Costruttori la mimetizzazione dei prototipi auto camuffati è fondamentale prima del lancio di un nuovo modello. Rispetto ai camuffamenti che rendevano le auto goffe, oggi il car wrapping dei muletti è più sofisticato e permette di utilizzare materiali più innovativi dei pannelli rigidi degli anni ‘90. In prima battuta si può affermare che l’effetto vedo-non vedo alimenta la curiosità in attesa del lancio. Inoltre permette di testare e guidare un’auto nelle sue caratteristiche definitive. La cosa a quanto pare funziona e anche le Case auto ci guadagnano a tenere gli appassionati sulle spine.

PROTOTIPI AUTO CAMUFFATI: A COSA SERVE DAVVERO IL CAR WRAPPING

“Quando presentiamo un nuovo modello, deve essere un’occasione molto importante”, spiega Mike Rosinski, un responsabile dello sviluppo dei veicoli Nissan North America. “Tuttavia, prima della presentazione, lavoriamo per mesi ai collaudi su strada in test di guida reale. Per non togliere l’esclusività alla presentazione, dobbiamo proteggere le auto dagli obiettivi dei fotografi”. Così’ il car wrapping sui prototipi auto camuffati richiede l’applicazione totale delle pellicole esterne (ovviamente) e la copertura degli interni. Ma anche un garage “blindato” e il trasporto in rimorchi chiusi (una normale bisarca aperta vanificherebbe tutto durante le fasi di mimetizzazione). Questa infatti è la fase più delicata: prima dell’applicazione delle pellicole auto i prototipi sono nascosti sotto speciali coperture che permettono di entrare e guidare le auto da e per i laboratori di R&D.

COME SONO FATTE LE PELLICOLE AUTO MIMETICHE PER CAR WRAPPING

“I fotografi si accampano letteralmente fuori dai nostri centri di test”, dice Rosinski. “A volte si nascondono persino tra i cespugli. Se le foto spia escono, possono dare ai nostri concorrenti un vantaggio reale”. Per evitarlo si utilizzano speciali pellicole auto mimetiche. Il motivo in bianco e nero è fatto apposta per distorcere la percezione della profondità. In pratica illude l’obiettivo delle macchine fotografiche e rende difficoltosa la messa a fuoco. La foto si riesce a scattare, ma non tradisce i dettagli della carrozzeria. “Se il materiale fosse solo nero, bianco o beige, potresti vedere le linee della carrozzeria del veicolo”, spiega Sherri Bruder, manager presso Nissan North America. “Le pellicole auto mimetiche lo rendono molto più difficile”.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

acea emissioni ue

ACEA fissa i target per l’azzeramento della CO2 nel 2035

Mobility manager: cosa fa, quando è obbligatorio [novità 2022]

Quanto è sicura la microcar XEV YOYO di Enjoy?