Produzione auto in Italia +4%: i componenti più richiesti a luglio 2020

A luglio aumenta la produzione automotive in Italia, ma cala l’export di componenti e auto all’estero: in testa Germania e Francia

11 settembre 2020 - 9:13

La produzione di autoveicoli in Italia fa registrare un rialzo dei volumi del 4% a luglio 2020. Trai componenti meno prodotti dall’inizio dell’anno però ci sono le carrozzerie delle auto, i rimorchi e ricambi e accessori auto. Ecco il resoconto dell’Associazione Nazionale Filiera Industria Automobilistica sull’export italiano in ambito automotive.

AUMENTA LA PRODUZIONE AUTO MA RALLENTANO I COMPONENTI

Secondo i dati ANFIA, a luglio 2020 la produzione domestica di auto in Italia (diverso dalle nuove auto vendute  in Italia) mostra, per la prima volta nel 2020, una variazione positiva: +4%. La produzione nei primi sette mesi dell’anno, invece, si riduce del 48% rispetto al 2019. La fabbricazione di autoveicoli (codice Ateco 29.1) cresce del +3,4% a luglio 2020 rispetto a luglio 2019 e diminuisce del 36,8% nel cumulato 2020 rispetto allo stesso periodo del 2019. La fabbricazione di carrozzerie per autoveicoli, rimorchi e semirimorchi (codice Ateco 29.2) cala del 21,2% nel mese e del 32,2% nel cumulato, lo stesso per le parti e accessori per autoveicoli e motori, che diminuisce del 26,6% nel mese e del 36,5% nel cumulato.

AUTO PRODOTTE IN ITALIA NEL 2020

Gli ordinativi totali dell’industria (escluso il comparto Costruzioni), ha un calo tendenziale dell’11,8% a giugno. Gli unici settori per i quali si rilevano variazioni positive sono l’industria farmaceutica (+10,9%) e il settore dei mezzi di trasporto (+6,3%). “Il secondo semestre 2020 si apre con un luglio ancora in flessione per la produzione dell’industria automotive italiana (-13,3%)”, afferma Gianmarco Giorda, Direttore di ANFIA. “Per l’industria automotive, il consuntivo dei primi 7 mesi dell’anno in corso resta ovviamente pesante, con una produzione in calo del 35,8% e volumi di autovetture prodotte inferiori del 48% rispetto allo stesso periodo del 2019”.

CHI COMPRA LE AUTO PRODOTTE IN ITALIA

La produzione della componentistica automotive italiana scende del 26,6% a luglio 2020 e lo stesso andamento è per l’export della componentistica di maggio: -41% di cui -23% solo verso la Germania. L’export di autoveicoli dall’Italia scende così a 1,5 miliardi di Euro, il 20,5% in meno rispetto allo stesso mese del 2019, pari al 4,2% del totale esportato. L’import invece vale 1,6 miliardi di Euro (-45%) e il 5,3% del totale importato in Italia. La Francia rappresenta, in valore, il primo Paese di destinazione dell’export di autoveicoli per l’Italia, con una quota del 16,6%, seguita da Germania e USA, con quote, rispettivamente, del 16,5% e del 16,3%.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Trasformare un'auto in elettrica

Trasformare un’auto in elettrica: in arrivo un bonus del Governo

Parabrezza montato male: cosa succede in caso d’incidente?

Codice della Strada

Codice della Strada: attenti alle ‘bufale’ in rete