Prezzi benzina troppo bassi: pompe bianche accusate di concorrenza sleale

Una catena di supermercati USA è stata citata in giudizio per aver applicato prezzi benzina troppo bassi rispetto ai distributori con Logo nella zona

22 marzo 2022 - 17:00

Contro il caro benzina, gli automobilisti hanno riscoperto l’importanza delle pompe bianche, quei distributori dove i prezzi benzina sono più bassi. In Italia ce ne sono molte anche all’interno dei parcheggi dei supermercati e tante volte portano anche lo stesso logo. Negli USA però due distributori “Logo” hanno fatto causa ai gestori delle pompe “No Logo” per i prezzi benzina troppo bassi.

L’ITALIA INTERVIENE PER I PREZZI BENZINA TROPPO ALTI

In Italia il Decreto del 18 marzo è intervenuto per fermare l’impennata dei prezzi, negli USA invece sono iniziati i guai per un distributore di benzina che praticava prezzi troppo bassi. Accade nel Wisconsin dove due distributori a marchio BP e Shell avrebbero citato in giudizio Woodman’s con due cause legali del valore di 80.000 dollari. La catena di supermercati USA è finita in tribunale perché avrebbe violato, secondo quanto riporta Motor1, una legge statale che vieta alle aziende di vendere beni sottocosto. La notizia, diffusa dalla stazione televisiva Wins-12, è diventata di dominio pubblico dopo che l’emittente ha preso visione del fascicolo di oltre 200 pagine sul caso.

PREZZI BENZINA POMPE BIANCHE SOTTO ACCUSA

Si potrebbe affermare che la diatriba legale nasca davvero per un pugno di dollari, se si pensa che il delta dei prezzi benzina applicati dai ricorrenti è di pochi centesimi più alto. I dati aggiornati sui prezzi benzina in America, secondo la US Energy Information Administration e quelli medi comunicati dagli automobilisti relativi ai distributori che in questione sono :
4,3 dollari per gallone di benzina, la media nazionale negli USA;

– 3,5 dollari per gallone, il prezzo benzina presso i supermercati Woodman’s;

– 3,89 dollari per gallone, il prezzo benzina presso BP;

– 3,79 dollari per gallone, il prezzo benzina presso Shell;

COME FANNI I DISTRIBUTORI A GUADAGNARE CON I PREZZI BENZINA BASSI?

Senza entrare nel merito tecnico del procedimento legale in corso, torna d’attualità uno dei più temuti miti sulle pompe bianche: la qualità del carburante. E’ evidente che soprattutto in questi giorni molti automobilisti avranno fatto bene i conti e messo da parte i timori. E forse anche questo aiuterà ad esorcizzare una paura spesso alimentata da disinformazione e passaparola. Se invece volete sapere come fanno molti distributori ad applicare prezzi molto più bassi, leggete questo articolo.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

colonnine ricarica ue

Colonnine di ricarica con POS: la proposta del Parlamento UE

Blocco traffico Roma 4 dicembre 2022: orari e deroghe

Ricarica CCS vs NACS: la presa Tesla è “rischiosa” per i Costruttori