Pesce d’aprile Volkswagen: lo scherzo della Casa non è piaciuto negli USA

Il pesce d’aprile Volkswagen ha fatto arrabbiare i giornalisti USA: ecco cosa è successo e quali sono state le reazioni

1 aprile 2021 - 10:21

Chi non controlla il calendario in questo periodo può diventare facile preda di un pesce d’aprile. E in questi giorni lo scherzo del 1 aprile impazza anche sul web con notizie ai limiti della realtà e spesso anche oltre. Stavolta però il pesce d’aprile Volkswagen ha fatto infuriare le agenzie di stampa USA, che hanno preso lo scherzo più seriamente di quanto previsto dal Costruttore. Ecco cosa è successo e perché il 1 aprile insegna (in questo periodo storico di bufale più che mai) a non credere a tutto ciò che si legge o sente in giro.

PESCE D’APRILE: BISOGNA ASPETTARSELO

Prima di arrivare alle reazioni provocate dal pesce d’aprile Volkswagen, vogliamo ripercorrere i fatti che sono accaduti nei giorni precedenti al 1 aprile 2021. Quello che per Volkswagen doveva essere uno scherzo architettato ad arte, la stampa lo ha incassato come una beffa – stando alle affermazioni riportate da Associated Press. Pare che una nota ufficiale Volkswagen, rimasta online per poche ore e poi rimossa, abbia pubblicamente annunciato un cambio di nome. Le prime notizie circolate ci sono subito sembrate una potenziale esca e ciò che è successo dimostra che avevamo ragione. E’ possibile che Volkswagen decide di cambiare nome in Voltswagen e cancellare la storia di un marchio conosciuto in tutto il mondo?

LO SCHERZO VOLKSWAGEN E IL CAMBIO DI NOME

La motivazione inizialmente accompagnata alla notizia sembrava anche fondata, in effetti, l’idea del pesce d’aprile Volkswagen ha centrato l’obiettivo. “Volks” che nella storia del Brand Volkswagen sta per “Popolo” (quindi il nome completo “Auto del popolo”), diventaVolts” (Auto elettriche). E la spiegazione del Costruttore non fa una piega: rafforzare ulteriormente l’immagine dell’impegno per l’elettrificazione del Gruppo. Perché il pesce d’aprile 2021 non è finito con una sana risata? E’ presto spiegato.

PESCE D’APRILE VOLKSWAGEN: PERCHE’ LA STAMPA SI E’ INFURIATA

Sempre secondo le principali agenzie di stampa USA, molti giornalisti avrebbero chiesto rassicurazioni e conferme al Costruttore sulla veridicità dell’operazione di Rebranding. E gli stessi avrebbero ricevuto le conferme: tutto regolare! Innescato il pesce d’aprile è scattato lo scherzo, ma tutti non si aspettavano la smentita ufficiale: Pesce d’aprile! La cosa è finita con non poche critiche. Lauren Easton, portavoce Associated Press scrive: “L’Associated Press è stata ripetutamente rassicurata dalla Volkswagen che la sua filiale statunitense aveva pianificato un cambio di nome. Ora sappiamo che le informazioni sono false”. Lo scherzo non sembra riuscito neppure secondo Nathan Bomey di USA Today, che scrive su Twitter (vedi messaggio completo sotto): “Non era uno scherzo. È stato un inganno”.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Guida autonoma Volvo: dal 2022 arriva il livello SAE 4

Opel Corsa F con airbag difettoso: 93 mila auto da richiamare

Targhe nere italiane

Targhe nere italiane: le trasformazioni negli anni