Incidenti stradali: negli USA è record di vittime dal 2005

Negli USA, nel corso del 2005, si è registrato il più alto numero di vittime a seguito di incidenti stradali dal 2005

19 maggio 2022 - 19:22

Le auto diventano sempre più sicure, grazie anche a sistemi di assistenza alla guida sempre più precisi e avanzati, ma gli incidenti stradali, quanto meno quelli con gravi conseguenze, non accennano a diminuire. A confermare questo dato arriva l’ultimo report della Nation Highway Traffic Safety Administration (NHTSA), l’agenzia governativa americana, parte del Dipartimento dei Trasporti ed incaricata di individuare le misure per incrementare la sicurezza lungo le strade americane. I dati raccolti dalla NHTSA sono chiari. Gli incidenti stradali con vittime negli USA sono in netto aumento. Non si tratta di un “rimbalzo” rispetto al 2020. Il trend americano è di costante crescita. Gli incidenti gravi sono in aumento e, soprattutto, sono in netto aumento le vittime. Secondo i dati NHTSA, infatti, nel corso del 2021, negli USA, è stato raggiunto il numero più alto di morti a seguito di incidenti stradali degli ultimi 16anni.

INCIDENTI STRDALI: AUMENTANO LE VITTIME NEGLI USA

Il numero di vittime legate ad incidenti stradali negli USA è in crescita, seguendo un trend al rialzo che va avanti da tempo. I dati fornitori da NHTSA, in questo senso, sono chiari. Le statistiche relative al 2021, infatti, evidenziano un totale di 42.915 morti sulle strade americane nel corso dell’anno. Questo dato è in crescita del +10.5% rispetto a quanto registrato dall’ente americano nel corso del 2020. Da notare, però, che la crescita registrata nel corso del 2021 non è legata ad un calo di morti nel 2020 (per via dei lockdown e della pandemia). Il trend di crescita per il numero di morti collegati ad incidenti stradali negli USA va avanti da tempo. Nel 2020, infatti, si è registrata una crescita del +6.8%. In precedenza, la crescita rispetto ai livelli pre pandemia era del +18.%. I primi dati preliminari anticipano, inoltre, che in almeno 44 Stati americani si è registrato un incremento dei sinistri con vittime nel corso del 2021. Si tratta, quindi, di una tendenza diffusa e non legata a particolari criticità in alcuni Stati. Da notare, inoltre, che le vittime sono aumentate nonostante un calo del numero complessivo di sinistri. Il dato sottolinea come il numero di incidenti gravi continui a crescere con conseguenze drammatiche sul totale delle vittime.

I DATI NHTSA NEL DETTAGLIO

Alcuni dati emersi dall’analisi di NHTSA sono particolarmente preoccupanti. Rispetto al 2020, infatti, sono in netto aumento le vittime in determinate condizioni come:

– i morti in sinistri che coinvolgono più veicoli sono in aumento del +16%

– i morti legati a incidenti avvenuti su strade urbane sono in aumento del +16%

– tra i conducenti over 65 si registra un incremento del +14% di morti

– aumentano anche i morti tra i pedoni, in crescita del +13%

– sono in aumento del +11% le vittime in incidenti avvenuti durante il giorno

Tutte queste categorie fanno, quindi, segnare un incremento superiore alla media per quanto riguarda il numero di vittime. Allo stesso tempo, però, crescono meno del dato complessivo nazionale (+5% rispetto al 2020) i seguenti casi:

– i ciclisti morti a seguito di incidenti con altri veicoli della strada

– il numero di vittime legate ad incidenti stradali causati dall’alta velocità e da casi in cui sono coinvolti conducenti in stato di ebbrezza

L’analisi per “categorie” di incidenti effettuata da NHTSA, però, evidenzia un ulteriore dato poco confortante. Delle 10 categorie individuate dall’analisi, infatti, nessuna fa registrare un calo del numero di vittime nel confronto tra i dati raccolti nel 2021 e quelli del 2020 sulle strade americane.

VITTIME DELLA STRADA NEGLI USA: NEL 2021 IL DATO PIU’ ALTO DEGLI ULTIMI 16 ANNI

La crescita costante del numero di vittime legate ad incidenti stradali negli USA assume livelli preoccupanti, anche in considerazione di un parco auto circolante che dovrebbe garantire un livello di sicurezza decisamente maggiore rispetto al passato. Il dato rilevato da NHTSA per il 2021 relativo al numero di morti totali sulle strade americane è, infatti, il più alto registrato dal 2005. Il precedente “record” è stato registrato in un contesto completamente diverso da quello attuale, con strade e veicoli meno sicuri. Nonostante la presenza di livelli di sicurezza maggiori, il dato del 2021 è da primato negativo. Il segretario ai trasporti degli Stati Uniti, Pete Buttigieg, ha commentato i numeri NHTSA affermando: “Stiamo affrontando una crisi sulle strade americane che dobbiamo superare insieme“. Negli USA, nel corso delle prossime settimane, partirà il programma Safe Streets and Roads for All che prevede 6 miliardi di dollari di investimenti per migliorare la sicurezza stradale

IL CONFRONTO CON L’EUROPA: IN UE CALANO LE VITTIME RISPETTO AI LIVELLI PRE-PANDEMIA

I dati relativi agli USA sono particolarmente allarmanti anche se confrontati con i dati UE sui sinistri stradali del 2021. Secondo i dati raccolti dalla Commissione europea, infatti, all’interno dei territori dell’UE si è registrato un incremento del +5% delle vittime nel corso del 2021. Complessivamente, circa 19800 persone hanno perso la vita a seguito di un sinistro stradale. A differenza di quanto registrato negli USA, però, il dato del 2021 evidenzia un calo rispetto ai livelli pre-pandemia. In questo caso, infatti, il bilancio delle vittime della strada in UE nel 2021 conferma un calo del -13% rispetto al 2019. In Italia, invece, il calo rispetto al 2019 è del -10%.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Seggiolini auto Chicco, BCES, Feeblibear e KinderKraft ritirati in Europa

Stop benzina e diesel 2035: spiraglio per carburanti sintetici e plug-in

Viaggio in camper: 5 consigli per una vacanza sicura