Incidenti stradali

Incidenti stradali: con il caldo +25% di probabilità

La possibilità di incidenti stradali aumenta con il caldo: uno studio spagnolo ha calcolato un buon +25% di probabilità, spiegandone le cause

23 giugno 2022 - 14:20

L’estate, se particolarmente afosa come quella di quest’anno, è purtroppo un’alleata degli incidenti stradali: infatti con il caldo, da intendersi quello con temperature da 35° in su, le probabilità di un sinistro aumentano del +25% rispetto agli altri periodi dell’anno. Occorre dunque aumentare le cautele e seguire tutte le raccomandazioni per guidare al fresco anche se fuori il sole picchia.

INCIDENTI STRADALI: GUIDARE CON 35° EQUIVALE AD AVERE UN TASSO ALCOLEMICO OLTRE IL CONSENTITO

In particolare uno studio di Fesvial, la Fondazione spagnola per la sicurezza stradale, ha appurato che una temperatura di 35° all’interno dell’abitacolo può innalzare i rischi come se il guidatore fosse sotto l’influenza di un livello di alcol nel sangue compreso fra 0,5 e 0,8 g/l, valore ben oltre il consentito dalla legge (e che se accertato gli costerebbe una multa di 543 euro e la sospensione della patente da 3 a 6 mesi). Il report specifica inoltre che la variabile del forte caldo ha un impatto diretto e pericoloso sulle capacità psicofisiche degli automobilisti: “Se si superano i 35 gradi all’interno di un veicolo gli errori gravi da parte dei conducenti aumentano fino al 35% e circa il 20% dei segnali stradali non viene nemmeno percepito”.

TUTTI GLI EFFETTI DELLA GUIDA CON IL FORTE CALDO

Ma non è tutto. Lo studio conferma che gli effetti del calore sui conducenti provocano un notevole aumento dei comportamenti aggressivi e delle infrazioni, soprattutto per eccesso di velocità, al fine di raggiungere al più presto la destinazione. Con il caldo aumentano la stanchezza e l’affaticamento, ed è comune la comparsa di una forte sonnolenza, producendo anche un aumento dei tempi di reazione del guidatore e una maggiore propensione alla comparsa di distrazioni. L’attenzione diminuisce al punto che gli specchi retrovisivi sono guardati il 50% in meno. Si ha pure un maggiore affaticamento degli occhi e si possono percepire effetti ottici sulla strada, dovuti essenzialmente all’aria calda sprigionata dall’asfalto. Tutte circostanze, superfluo specificarlo, che possono minare la sicurezza della circolazione stradale, specie su strade a scorrimento veloce, dove il margine di errore è minimo, come autostrade, tangenziali e statali.

CALDO IN MACCHINA: RIMEDI

Ovviamente non è necessario subire supinamente gli effetti del caldo in macchina ma esistono dei rimedi che consentono di guidare senza soffrire troppo il caldo esterno. L’alleata numero 1 è l’aria condizionata, che nelle stagioni molto calde può ridurre la possibilità di incidenti stradali di oltre il 20%. L’aria condizionata, spiegano gli esperti di Fesvial, permette di guidare con i finestrini chiusi, migliora l’aerodinamica dell’auto e riduce i consumi di carburante, oltre a eliminare l’eccessivo rumore, impedendo altresì l’ingresso di polvere o insetti e quindi che gli occhi del guidatore si secchino. È però fondamentale che il flusso di aria condizionata non sia troppo forte (l’ideale è mantenerla tra 20 e 24°) e che non sia rivolto direttamente al torace o alla testa, in particolare agli occhi, per non affaticare gli occhi o seccarli.

Ancor prima però di azionare l’aria condizionata andrebbero attuati altri ‘stratagemmi’ contro l’afa, ad esempio areare e ventilare gli interni aprendo completamente i finestrini e le portiere, e ripetendo alcune volte l’apertura e chiusura di queste ultime per far fuoriuscire l’aria calda dall’abitacolo.

INCIDENTI STRADALI CAUSATI DAL CALDO: ULTIME RACCOMANDAZIONI

Lo studio della Fondazione spagnola per la sicurezza stradale si chiude con una serie di ulteriori raccomandazioni per ridurre al minimo i rischi del caldo eccessivo durante un viaggio in auto:

– parcheggiare il veicolo sotto il sole e completamente chiuso porta rapidamente la temperatura interna a circa 60º, quindi è importante non lasciare persone, soprattutto bambini o anziani, o animali all’interno;

– non è nemmeno una buona idea lasciare nell’abitacolo rovente oggetti infiammabili, come accendini, aerosol o dispositivi elettronici con batterie (telefono, tablet, computer, ecc.), per il rischio che possano incendiarsi;

– l’asfalto, con cui sono a contatto gli pneumatici dell’auto, può facilmente raggiungere temperature superiori a 70º quando l’ambiente è ‘solo’ a 40º, aumentando le probabilità di scoppio o foratura. Assicurarsi quindi di viaggiare con pneumatici pienamente efficienti controllando il battistrada, l’allineamento e la pressione;

– in caso di lunghi viaggi, fare delle soste ogni due ore o 200 km, approfittandone per arieggiare il veicolo e rilassarsi per almeno 15 minuti.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Auto nuove: il prezzo giusto per gli italiani è sino a 30 mila euro

UNECE: nel 2023 due nuovi regolamenti per la sicurezza dei pedoni

stellantis modello distribuzione europa

Stellantis: le auto a basse emissioni più vendute in Italia nel 2022