Incidenti stradali 2022: nei primi 6 mesi aumento di morti e feriti

Le prime stime sugli incidenti stradali 2022: nei primi 6 mesi aumento di morti e feriti rispetto al 2021 ma il confronto è condizionato dalle misure per il Covid in vigore fino all'anno scorso

18 novembre 2022 - 14:05

Le stime preliminari del rapporto ACI-Istat sugli incidenti stradali 2022, relative al primo semestre, segnalano una forte recrudescenza del numero dei sinistri e, conseguentemente, di morti e feriti, rispetto al 2021. Occorre tuttavia considerare che lo scorso anno, specie nei primi 6 mesi, la mobilità era ancora fortemente condizionata dalle restrizioni per la pandemia (si pensi al coprifuoco che da gennaio a giugno ha praticamente azzerato la circolazione notturna), per cui qualsiasi confronto tra i dati 2022 e i dati 2021 va preso con le pinze. Decisamente più attendibile il parallelo tra il 2022 e il 2019, ultimo anno pre-Covid, che non a caso riporta un calo, seppur lieve, degli incidenti.

INCIDENTI STRADALI 2022: IN AUMENTO SULL’ANNO SCORSO MA C’ENTRANO LE MISURE ANTI-COVID

In base al rapporto ACI-Istat, nei primi 6 mesi del 2022 gli incidenti stradali con lesioni a persone sono stati 81.437: +24% sul 2021 e +64,3% sul 2020, anni però contrassegnati dalle pesanti limitazioni per contrastare l’emergenza Covid-19. I decessi nel 2022 sono stati 1.450 (+15,3 % sul 2021 e +43,2% sul 202) e i feriti 108.996 (+25,7% sul 2021 e +63,0% sul 2020). Numeri completamente differenti, come abbiamo anticipato, se si confrontano i dati degli incidenti stradali 2022 con il 2019, ultimo anno paragonabile in termini di volume della mobilità. In questo caso, infatti, gli incidenti del 2022 (sempre relativi al primo semestre) risultano inferiori del -2,6%, i morti del -5,5% e i feriti del -6,8%.

INCIDENTI STRADALI 2022: LONTANO L’OBIETTIVO DEL DIMEZZAMENTO DEI MORTI NEL 2030

Rispetto ai primi sei mesi del 2019, nel primo semestre 2022 le vittime sono diminuite in misura significativa sulle autostrade (-11,8%) mentre sulle strade urbane ed extraurbane il calo è stato inferiore, intorno al 5%. Più in generale il numero di vittime della strada presenta un trend discendente nel corso degli ultimi 20 anni: con riferimento al nuovo decennio 2021-2030, la variazione percentuale delle vittime nel 2022 risulta pari a -5,5% rispetto al valore di riferimento del 2019. Tuttavia gli obiettivi europei sulla sicurezza stradale, che prevedono il dimezzamento del numero di vittime e di feriti gravi entro il 2030 rispetto all’anno di benchmark fissato al 2019, si sono già complicati a causa dell’aumento delle vittime della strada registrato nei primi sei mesi del 2022. Per il raggiungimento di questi obiettivi sarà necessario, nei prossimi anni, ridurre drasticamente il numero degli incidenti con lesioni.

MERCATO AUTO 2022 IN SOFFERENZA

ACI-Istat ha fornito anche i riscontri parziali relativi al mercato dell’auto, che nei primi 6 mesi del 2022, rispetto all’anno precedente, ha visto diminuire le immatricolazioni di autovetture del -24,2% e quelle di motocicli del -4,1%. Stesse difficoltà per il mercato dell’usato: -10,8% per le autovetture e -7% per i motocicli rispetto al 2022. Viceversa nelle città è cresciuto l’uso dei servizi di sharing, tra cui i monopattini, che rivestono la quota più elevata di noleggi.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Gomme invernali 245/40 R19 auto sportive: la classifica Auto Bild

Mercedes: auto elettriche più veloci a pagamento, ma la sicurezza?

Apertura M4 Milano: mappa e fermate metro operative e future