Auto di cortesia

Immatricolazioni auto 2020: -80% e lo Stato incassa 12 miliardi in meno

Le auto italiane sono più vecchie d’Europa: nel 2020 crescono le immatricolazioni ibride ed elettriche ma crolla la spesa degli italiani per l’auto

25 maggio 2021 - 13:30

Il bilancio delle immatricolazioni auto nuove 2020 rivela come l’impatto dell’emergenza Covid-19 abbia drasticamente ridotto le registrazioni di -80%. In questi 12 mesi le auto ibride ed elettriche si sono impadronite di importanti quote di mercato. A conti fatti però è crollato anche il gettito fiscale: ecco quanto ha incassato lo Stato dalle immatricolazioni auto nel 2020.

IL PARCO CIRCOLANTE ITALIANO E’ IL PIU’ VECCHIO D’EUROPA

Il bilancio delle immatricolazioni auto nuove nel 2020 emerge dall’annuario statistico dell’Automobile Club, che sottolinea la drammaticità del mercato auto in Italia. “Il mercato auto ha toccato il livello più basso degli ultimi vent’anni. A marzo e aprile, le vendite si sono praticamente azzerate”. È stato immatricolato l’80% di veicoli in meno (560 mila unità, di cui 500 mila sono autovetture). Un crollo che ha contratto pesantemente anche il gettito fiscale del -19%. L’erario ha incassato 12,3 miliardi di euro in meno rispetto all’anno precedente. Di conseguenza il parco circolante italiano matura un’età di 11 anni e 10 mesi, attestandosi come il più vecchio d’Europa. 1 auto su 5 (il 20% circa del totale) ha una classe ambientale Euro 0-1-2 e almeno 18 anni di età.

IMMATRICOLAZIONI AUTO ELETTRIFICATE IN CRESCITA, MA NON LE ROTTAMAZIONI

Il lato positivo del bilancio sono gli incentivi statali per l’acquisto di auto più efficienti. Negli ultimi mesi del 2020 sono aumentati gli acquisti di auto elettriche (+193,4%) e ibride (+123,9%). Tuttavia l’ACI testimonia che il trend non è stato corrisposto dalla rottamazione di veicoli più vecchi. Il rapporto tra auto e popolazione risulta pari a 666 auto ogni 1000 abitanti e se si considerano tutti i veicoli registrati, il rapporto è di 885 veicoli ogni 1000 abitanti. “Entrambi i valori sono i più alti in Europa”, sostiene il Club.

LA SPESA DEGLI ITALIANI PER L’AUTO NEL 2020

L’emergenza Covid-19 ha ridotto la spesa per l’auto degli italiani, in media del -20% e oltre 30 miliardi di euro in meno. Le principali voci di costo sfalciate dai consumatori sono:

– acquisto e ammortamento (-23,3%);

– carburante (-25,6%);

manutenzione e riparazione auto (-17,3%);

Nel 2020 la spesa media sostenuta per utilizzare l’auto è risultata circa 3.100 euro. Nel 2019 era stata di (3.900 euro), pari quindi al 20,6% in meno.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Noleggio a lungo termine: quali vantaggi per i privati

Incidenti stradali

Incidenti stradali: nel 2020 sono costati 11,6 miliardi di euro

Come scaricare il Green Pass

Come scaricare il Green Pass Covid