Il costo di un’auto nuova è per il 40% tutta elettronica

L’elettronica è un costo sempre più importante sulle auto nuove: ecco perché entro il 2040 oltre il 40% di un’auto nuova si pagherà per l’elettronica

18 maggio 2020 - 10:21

Quanto costa costruire un’auto nuova? Nel corso degli anni l’elettronica ha richiesto sempre più risorse ai Costruttori auto con l’introduzione di sistemi di sicurezza attiva e poi gli ADAS. Uno studio inglese prevede che entro il 2040 il costo di un’auto nuova sarà per il 50% dovuto all’elettronica. Ecco quanto costa oggi e perché un’auto nuova costerà sempre di più in elettronica.

IL COSTO DI UN’AUTO NUOVA E L’ELETTRONICA DEGLI ULTIMI 40 ANNI

Negli ultimi 20 anni l’elettronica sulle auto ha conquistato un posto di primaria importanza: è sotto gli occhi di tutti gli automobilisti come la comunicazione uomo-macchina avvenga attraverso spie e display. Il passaggio da lancette a display e da quadranti analogici a digitali, ha innescato un aumento del costo auto 10 volte più grande. Lo rivela uno studio Deloitte, società di consulenza, sull’industria dei semiconduttori, i mattoncini che costituiscono la base dei circuiti elettronici. Nel 1970, agli albori dell’era digitale nel settore automotive, il costo dell’elettronica su un’auto nuova era appena il 5% del totale. Solo qualche anno più tardi, l’iniezione elettronica di benzina ha raddoppiato i costi per i Costruttori (10% nel 1980). E si è avviata così un’escalation inarrestabile: si è passati al 22% con airbag, ABS ed ESP sulle auto, al 35% con i display, i sistemi di assistenza alla guida e i radar. Clicca l’immagine per vederla a tutta larghezza.

COSTO DI UN’AUTO NUOVA: QUANTO PESA L’ELETTRONICA

E’ curioso scoprire come le aree di maggiore costo di un’auto nuova e quindi di ricerca siano Powertrain, Infomobility, Safety e Driver Assistance. Ma non solo: se oggi il costo di un’auto nuova è per il 40% dovuto all’elettronica, per un valore di circa 600 dollari (solo in semiconduttori), le previsioni sono tutte a favore dell’industria dei semi-metalli. Prima di arrivare sulle auto, quindi ai Costruttori, i semiconduttori superano dei passaggi della catena di approvvigionamento e lavorazione, come qualsiasi altro componente. Lo studio inglese rivela almeno 3 stadi: dal fornitore di semiconduttori (componente secondario) si passa al distributore di sistemi (componente principale che contiene semiconduttori) fino ad arrivare allo stadio OEM sulla linea di assemblaggio. Clicca l’immagine per vederla a tutta larghezza.

COSTO DI UN’AUTO NUOVA: LE PREVISIONI AL 2040

Se le auto nuove hanno raggiunto ormai un’evoluzione “stabile” che ha permesso anche di ridurre i costi con la diffusione delle tecnologie in larga scala, perché è ipotizzabile un nuovo aumento dei costi di produzione di un’auto nuova? Semplicemente perché ci stiamo avviando verso un nuovo trend: il passaggio verso la guida sempre più autonoma. Sostituire in parte i sensi del guidatore comporterà l’impiego di un numero maggiore di sensori, quindi di memorie e di conseguenza di semiconduttori. L’immagine qui sopra, mostra una chiara proiezione di come i sensori sulle auto nuove passeranno dai 6 del 2015 a oltre 30 nel 2040, quando il costo dell’elettronica sarà circa il 50% dell’intero costo di produzione di un’auto nuova.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Coronavirus Lombardia Milano

Cellulare alla guida: nuove sanzioni allo studio

Incentivi auto

Incentivi auto: nel decreto Agosto altri 500 milioni?

Si può vendere un'auto priva di revisione

Revisione auto truccata: quali sono i controlli che si riescono a evitare?