Giovani e auto: in 10 anni -41% di under25 con quella di proprietà

Sempre meno giovani decidono di intestarsi un’auto di proprietà: l’analisi del parco circolante tra costi di gestione e sharing mobility

4 giugno 2021 - 14:42

Il rapporto tra giovani e auto non sembra più alimentato dalla voglia di indipendenza. Secondo i più recenti dati dell’Automobile Club Italiano solo 1 giovane under25 su 8 (12,2%) possiede un’auto sua. La tendenza invece sembra opposta per le fasce d’età over50 e questo potrebbe spiegare perché meno giovani si intestano auto di proprietà. Ecco i dettagli dell’Autoritratto 2020 con una sintesi sui trend del parco circolante italiano negli ultimi 10 anni.

AUTO E GIOVANI: MENO INTERESSE O PIU’ CONVENIENZA?

Negli ultimi 10 anni è drasticamente diminuito il numero di giovani tra 18 e 25 anni che decidono di acquistare un’auto (-41,3%). Tra le cause che riporta il Club Italiano per spiegare la disaffezione dei giovani per l’auto di proprietà ci sono i costi di gestione. In media infatti in Italia si spendono circa 260 euro al mese per l’auto. Ma non solo, a colmare il bisogno di mobilità indipendente ci sono sempre più alternative all’auto privata: car sharing, bici elettriche, monopattini elettrici e altre forme di condivisione. Ora l’alternativa all’auto privata non sono solo i mezzi di trasporto pubblico, ma è la sharing mobility. Se si sovrappongono gli effetti dei costi di gestione auto sempre più alti alla parallela crescita di proprietari di veicoli nelle fasce “over 50” della popolazione, più che disaffezione è probabile che si tratti di convenienza. Il rapporto infatti spiega che tra il 2011 e il 2020 ci sono state molte variazioni in contro tendenza:

– nella fascia di età 51-60 i proprietari di auto sono aumentati al 101,13% (+7,6%);

– tra 61-70 anni, si è passati dal 77,28 al 92,92% (+20,2%);

– tra gli “over 70” sono cresciuti del +38,3%, al 63,67% nel 2020;

IL 10% DELLE AUTO CIRCOLANTI HA QUASI TRENT’ANNI

Un andamento che farebbe più pensare alla consolidata abitudine di intestare un’auto o uno scooter al genitore o al nonno, piuttosto che a un neopatentato. Non a caso proprio la condizione che un veicolo sia guidato da persone di età inferiore ai 26 anni è fortemente penalizzante quando si calcola il preventivo di assicurazione. Di contro però il numero più oggettivo rivela che 1 auto su 10 (9,6%, circa 3,8 milioni di auto) ha oltre 28 anni ed appartiene alla classe ambientale Euro 0 o precedente. Tra le regioni con la maggiore densità di auto più vecchie sono in testa Campania (18,1%), Calabria (15,7%) e Sicilia (14,1%).

SOLO 1 AUTO CIRCOLANTE SU 10 È ECOLOGICA

Il mercato delle auto nuove elettriche e ibride in Italia è in fermento ma dai dati statistici le auto ecologiche sono una parte ancora marginale del circolante:

– GPL: 2.678.656 (6,7%);

– Metano: 978.832 (2,5%);

– Ibride: 542.728 (1,4%);

– Elettriche 53.579 (0,1%);

Rispetto al totale del parco circolante, le regioni più “green” risultano le Marche (21,3%) e l’Emilia Romagna (20,4%) seguite da Umbria (15,6%) e Veneto (13,3%). Le Regioni con le auto meno ecologiche invece sono Valle D’Aosta (3,14%) e Sardegna (3,15%).

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Quanto guadagna la Casa dalla vendita di una sola auto?

Rumorosità degli pneumatici: quali sono le cause?

Incentivi auto 2021

Incentivi auto 2021: le vetture usate sono prenotabili