Fusione FCA-PSA è ufficiale: cosa cambia con il nuovo Gruppo

Arriva il via libera ufficiale alla fusione FCA-PSA: gli obiettivi del nuovo Gruppo sullo sviluppo congiunto di tecnologie e modelli nel mondo

18 dicembre 2019 - 11:37

La fusione tra FCA e PSA è ufficiale dopo il via libera del board di entrambi i Gruppi si aggiunge un nuovo tassello al processo di unione tra Peugeot-Citroen e Fiat-Chrysler. La neonata capogruppo nascente dall’unione tra PSA ed FCA sarà il quarto costruttore auto al mondo per volumi. Tra gli obiettivi del nuovo gruppo le novità riguarderanno oltre a tecnologie condivise e la riduzione delle emissioni di CO2, due segmenti in particolare.

IL MERCATO AUTO DOPO LA FUSIONE PSA-FCA

Come già annunciato nelle scorse settimane sulla fusione PSA-FCA, a capo della governance ci saranno Carlos Tavares in qualità CEO e John Elkann Presidente del Gruppo. “Il nuovo Gruppo avrà una presenza bilanciata”, spiega una nota ufficiale congiunta. D’altronde non è una rivelazione che FCA abbia bisogno di una spinta alle vendite in Europa (a novembre 2019, (all’8^ posto tra le 10 marche auto più vendute). Mentre PSA Group (inclusa Opel-Vauxhall incluse) è in calo nelle vendite a novembre 2019, ma segue Volkswagen Group dal secondo posto, a debita distanza da Renault Group. FCA invece, più forte negli USA e in altri mercati dove PSA potrà rafforzare il suo segmento SUV/Pickup.

IL FATTURATO PSA-FCA DOPO LA FUSIONE

Geograficamente la fusione tra PSA ed FCA prevede il 46% dei ricavi generati in Europa e il 43% in Nord America. La società risultante dall’unione tra PSA e FCA venderà 8,7 milioni di veicoli l’anno con ricavi per 170 milioni di euro, che la proietta al 3 posto tra i costruttori mondiali per fatturato, con un utile operativo corrente di oltre 11 miliardi di euro. La struttura patrimoniale del nuovo Gruppo PSA-FCA avrà flessibilità finanziaria e margini per investire in nuove tecnologie.

FUSIONE PSA-FCA, COSA AVRANNO IN COMUNE

Gli investimenti FCA-PSA punteranno a piattaforme di veicoli, famiglie di motori e nuove tecnologie. “Oltre due terzi dei volumi a regime sarà concentrato su 2 piattaforme, con volumi annuali di circa 3 milioni di veicoli sia sulla piattaforma small che su quella compact/mid-size” sono le info ufficiali preliminari da FCA e PSA. Con la fusione PSA-FCA, il Gruppo risparmierà su tecnologie, piattaforme e prodotti con il 40% delle sinergie quantificate in 3,7 miliardi di euro a regime. Le economie di scala e gli acquisti porteranno altre sinergie pari al 40%, mentre il 20% dei risparmi condivisi sarà ottenuto da marketing, IT, spese generali e amministrative e logistica. Sinergie che già avranno effetti già dal primo anno e per arrivare all’80% circa raggiunto entro il quarto anno dalla fusione PSA-FCA.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Cassazione: danni da buca stradale, Comune non sempre responsabile

Auto senza assicurazione

Auto senza assicurazione: lo Stato perde 280 milioni all’anno

Ztl Torino orari

Ztl Torino: orari di oggi, mappa e proroga