Distrazioni al volante, in bici e a piedi: come evitarle

Il 50% dei pedoni attraversa senza guardare in Svizzera: ecco le cause di distrazioni al volante, in bici e a piedi e come evitarle

2 febbraio 2021 - 11:02

Le distrazioni alla guida come quando si cammina a piedi sono il motivo principale di incidenti stradali con vittime e feriti. Secondo l’indagine dell’Ufficio federale svizzero di prevenzione infortuni, il 30% degli automobilisti si concede distrazioni al volante. Ecco i consigli su come evitare le distrazioni al volante, in bici o a piedi.

DISTRAZIONI AL VOLANTE, IN BICI E A PIEDI: 1 PERSONA SU 2 ATTRAVERSA AD OCCHI CHIUSI

L’UPI è l’Ufficio di prevenzione degli infortuni e degli incidenti stradali che ha condotto un’indagine in Svizzera sulle distrazioni al volante, in bici e a piedi. I dati emersi nel 2020 provengono dall’osservazione diretta del traffico e non da interviste, quindi più fedeli al fenomeno reale. Dalla ricerca è emerso che tutti gli utenti della strada si abbandonano a disattenzioni che – secondo l’UPI – causano in media 60 vittime ogni anno e 1600 feriti. Circa un automobilista su tre si distrae alla guida, rispetto al 20% dei ciclisti distratti e addirittura al 50% dei pedoni disattenti. La distrazione tra i pedoni risulta molto diffusa soprattutto tra chi non si preoccupa di attraversare la strada nel modo corretto.

LE CAUSE DI DISTRAZIONI AL VOLANTE, IN BICI E A PIEDI

Le distrazioni al volante, in bici e a piedi più frequenti rilevate dall’indagine sono causate indistintamente dal voler interagire con altre persone fisiche. Lo fanno di più i pedoni (27%) rispetto agli automobilisti (18%) e ai ciclisti (9%). Non sorprende poi che ci sia l’uso del cellulare al volante e a piedi, come seconda causa di distrazione. Il 5% degli automobilisti scoperti a distrarsi telefona (anche con il vivavoce), scrive al cellulare o guarda lo schermo mentre guida, secondo l’UPI. “Un pedone su dieci nella fascia d’età tra i 15 e i 29 anni scrive al cellulare o guarda lo schermo mentre attraversava la strada”, afferma Patrizia Hertach, a capo dell’indagine. Le distrazioni e quindi l’uso del cellulare in bici invece sembrerebbero limitate solo al 7% degli utenti.

COME EVITARE LE DISTRAZIONI AL VOLANTE, IN BICI E A PIEDI

Considerando che le distrazioni al volante sono vietate in molti casi dal Codice della Strada (il solo uso del Cellulare al volante è sanzionato pesantemente). Spesso le distrazioni alla guida, ma anche a piedi, sono provocate da eventi improvvisi, come una telefonata inaspettata, il navigatore GPS “impallato” e la fretta. Ecco perché per evitare distrazioni e il rischio di incidenti stradali basterebbe seguire queste semplici regole:

– Evita di fare più cose insieme. Se sei al volante, in bici o a piedi, il multitasking è la causa più frequente di distrazioni, cambia il modo e il motivo per cui ti distrai, ma non il rischio che ne consegue;

– E’ un dato accertato che l’uso del cellulare è al primo posto tra le cause di distrazione che si possono contrastare: tienilo in tasca e usalo solo per le emergenze;

– Concentrarsi sul traffico è un dovere che interessa tutti: automobilisti, motociclisti, ciclisti e pedoni;

– In caso di necessità non rinviabili, accostare in sicurezza è la prima cosa da fare per mettere in pausa l’attenzione alla guida. Non si può continuare a guidare, condurre la bici o camminare se i sensi sono impegnati su altro;

– Impostare il navigatore GPS prima di partire (e reimpostarlo da fermi) è l’unico modo per evitare distrazioni, a meno di affidarsi ai comandi vocali.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Quanto costa parcheggiare a Malpensa?

Green NCAP, il tool per misurare l’efficienza auto: come funziona

Test e-Fuel e Biodiesel: quanto diminuiscono le emissioni auto?