Costo autostrada: come fare a calcolarlo

Prima di salire a bordo dell’auto è possibile calcolare il costo dell’autostrada. Ecco come farlo rapidamente da smartphone, tablet o da computer

30 marzo 2021 - 19:00

Se c’è una spesa che può essere programmata con la massima precisione è il costo autostrada. Non si tratta infatti di una variabile condizionata dal periodo dell’anno o dall’orario di percorrenza della tratta. La tariffa del pedaggio autostradale è fissa, sebbene sia periodicamente soggetta a revisioni, quasi sempre verso l’alto. Non solo, ma è estremamente semplice sapere come fare a calcolare il costo dell’autostrada. Al di là di app per smartphone e tablet e tool sviluppati da terze parti, gli automobilisti hanno infatti uno strumento ufficiale per il calcolo esatto della spesa da sostenere. Sulla base del proprio budget ovvero del tempo a disposizione per raggiungere la destinazione, il conducente può così decidere se modificare il percorso e scegliere una tratta alternativa. Ecco quindi quali sono le opzioni a disposizione degli automobilisti per calcolare il costo autostrada.

COME FARE A CALCOLARE IL COSTO AUTOSTRADA

Prima di sapere come fare a calcolare il costo autostrada e quindi qual è la tariffa applicata tratta per tratta, è bene sapere che per alcuni percorsi è prevista la gratuità. Pensiamo ad esempio all’Autostrada del Mediterraneo (A2, ex autostrada A3 Salerno-Reggio Calabria) oppure a quei tratti dove il pagamento può essere temporaneamente sospeso. Ricordiamo ad esempio l’azzeramento del pedaggio sull’autostrada A10 nella provincia di Genova in seguito al crollo del Ponte Morandi. Ecco quindi che lo strumento aggiornato per calcolare il costo autostrada è quello messo a disposizione dal sito ufficiale di Autostrade per l’Italia. Si distingue per l’estrema facilità d’utilizzo e per la completa compatibilità. Oltre alla versione per desktop è infatti scaricabile l’app MyWay – Autostrade per l’Italia sia per iPhone e iPad e sia per smartphone e tablet equipaggiati con sistema operativo Android. In entrambi i casi il download è gratuito e consente di accedere anche ad altre funzionalità, come gli aggiornamenti sul traffico, la presenza di tutor e l’attivazione di servizi in autostrada.

COME FUNZIONA IL SISTEMA DI CALCOLO DEL COSTO AUTOSTRADA

Come accennato, se c’è una caratteristica di fondo del sistema di calcolo del costo autostrada sviluppato da Autostrade per l’Italia è la sua semplicità, a cui aggiungere un servizio interessante. In buona sostanza, le voci da indicare obbligatoriamente sono 3:

– il luogo di partenza;

– il luogo di destinazione;

– la classe del veicolo.

In riferimento a quest’ultimo punto, le opzioni tra cui scegliere sono a loro volta 5 ovvero auto/moto, 2 Assi – B, 3 Assi, 4 Assi, 5 o più Assi. Il parco veicoli è infatti suddiviso in 5 classi tariffarie e ciascuna di loro incide sul calcolo del pedaggio autostradale. Il servizio aggiuntivo proposto dalla piattaforma di Autostrade per l’Italia è la possibilità di indicare il passaggio da una tratta ben precisa oppure l’esclusione di una delle opzioni di percorrenza. In questo modo l’automobilista personalizza il percorso tenendo conto di ogni esigenza di costo, di tempo, di necessità e, laddove possibile, delle caratteristiche geografiche del territorio. E anche delle modalità di pagamento tra contanti (oppure bancomat o carte di credito o di debito), tramite Telepass o con Viacard.

COME VIENE CALCOLATA LA TARIFFA AUTOSTRADALE

Sulla base di quanto abbiamo esaminato sono chiari i primi due elementi che incidono sul costo dell’autostrada in Italia, il secondo più caro in Europa. Il primo è il numero di chilometri da percorrere. Naturalmente maggiore è la strada e più elevata sarà la spesa a carico del conducente, almeno nei cosiddetti sistemi autostradali chiusi. Nel caso opposto ovvero con il sistema autostradale aperto, il costo del pedaggio è invece calcolato su base forfettaria. Un esempio è l’Autostrada dei Laghi (sono così denominate congiuntamente l’A8 e l’A9) che collega Milano e Varese. Oppure il tratto autostradale tra Roma e Civitavecchia (A12). In tutti i casi, il costo per chilometro non è ovunque lo stesso. I percorsi pianeggianti e rettilinei sono mediamente più economici rispetto a quelli ad altitudine maggiore con un andamento diversificato. Il secondo parametro che determina il calcolo del costo dell’autostrada è quindi il tipo di mezzo tra le 5 classi veicolari riconosciute dalla normativa.

PERCHÉ CAMBIA IL COSTO DELL’AUTOSTRADA

L’ammontare del pedaggio dipende infine dalla tariffa unitaria, a cui associare le imposte e le maggiorazioni applicate dai gestori dei vari tratti autostradali. Senza dimenticare che la valutazione degli indicatori di produttività e qualità e il tasso di inflazione programmato. Entrambi determinano nel tempo la revisione periodica delle tariffe unitarie chilometriche delle autostrade.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Opel Corsa F con airbag difettoso: 93 mila auto da richiamare

Targhe nere italiane

Targhe nere italiane: le trasformazioni negli anni

Yamaha presenta il motore elettrico da 350 kW