Contrassegno invalidi Ztl

Contrassegno invalidi Ztl: sarà valido in tutta Italia

Novità dal Decreto Semplificazione per il contrassegno invalidi Ztl: presto sarà valido per entrare nelle zone a traffico limitato in tutta Italia

20 luglio 2020 - 14:05

Dalle pieghe del Decreto Semplificazioni (Dl n. 76 del 16 luglio 2020), emerge un interessante provvedimento a vantaggio delle persone con disabilità: il contrassegno invalidi Ztl sarà valido sull’intero territorio nazionale. Significa che con un unico permesso di circolazione si potrà liberamente accedere nelle zone a traffico limitato di tutte le città d’Italia, mentre adesso è valido solo nel Comune a cui si è fatta richiesta (e per entrare nelle Ztl di altri Comuni occorre comunicare ogni volta il transito, altrimenti si rischiano multe).

CONTRASSEGNO INVALIDI ZTL: L’ATTUALE NORMATIVA

Il contrassegno o pass per gli invalidi è un’autorizzazione riconosciuta a livello UE che, previo accertamento medico, viene rilasciata su richiesta ad alcune specifiche categorie di disabili, consentendogli di usufruire di facilitazioni nella circolazione e nella sosta dei veicoli al loro servizio, una su tutte l’esenzione dal pagamento della sosta sulle strisce blu. Per quanto riguarda l’accesso nelle Ztl, l’attuale normativa prevede che l’automobilista disabile (o il suo accompagnatore), dotato di apposito pass, possa circolare e sostare in tutte le zone a traffico limitato, oltre che nelle aree pedonali urbane, purché: 1) nelle medesime aree sia autorizzato l’accesso anche a una sola categoria di veicoli di trasporto di pubblica utilità; 2) il conducente, entro le 48 ore successive al transito, comunichi il numero di targa della propria vettura al Comune della Ztl in cui è transitato.

LA NOVITÀ 2020 SUL CONTRASSEGNO INVALIDI ZTL

Presto però le cose cambieranno perché, grazie alla norma inserita nel Decreto Semplificazioni, le persone con disabilità potranno circolare con i loro veicoli su tutto il territorio nazionale senza il rischio di incorrere in multe. Ciò sarà possibile grazie a una piattaforma unica informatica, istituita presso il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, che consentirà di verificare le targhe associate ai permessi di circolazione dei titolari di contrassegno invalidi. Non ci sarà dunque più la necessità di inviare la comunicazione entro 48 ore dall’avvenuto transito, ma il controllo avverrà in automatico grazie al nuovo sistema digitale che sarà in grado di riconoscere ovunque, mediante controllo della targa, il permesso rilasciato da ciascun Comune.

QUANDO SI POTRÀ ACCEDERE IN TUTTE LE ZTL D’ITALIA CON IL CONTRASSEGNO DISABILI?

Attenzione però: la norma non è già operativa perché prima bisognerà attendere l’emanazione di un decreto attuativo del MIT, di concerto con il Ministero dell’Economia e delle Finanze e con il Ministero dell’Interno, entro 90 giorni dall’entrata in vigore della legge (15 settembre 2020), dopo aver sentito il parere delle associazioni rappresentative dei disabili e del garante della privacy.

2 commenti

stefano105_15117604
11:46, 21 novembre 2020

Chiedo scusa ma a distanza di 4 mesi ci sono novità?
Nel mio Comune non hanno comunicato nulla

    Raffaele Dambra
    15:32, 25 novembre 2020

    Non ancora ma non mancheremo di aggiornare i nostri utenti appena ci saranno.

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Cassazione: danni da buca stradale, Comune non sempre responsabile

Auto senza assicurazione

Auto senza assicurazione: lo Stato perde 280 milioni all’anno

Ztl Torino orari

Ztl Torino: orari di oggi, mappa e proroga