Code A14 gennaio 2020

Code A14 gennaio 2020: come chiedere il rimborso del pedaggio

Iniziativa di Autostrade per l'Italia a favore degli utenti imbottigliati nelle code sulla A14 a gennaio 2020: ecco come chiedere il rimborso del pedaggio

7 gennaio 2020 - 10:51

Il restringimento della carreggiata autostradale tra Abruzzo e Marche, in particolare tra Vasto e Porto Sant’Elpidio, a causa del sequestro di alcuni viadotti da parte della procura di Avellino per motivi di sicurezza, ha mandato in tilt il traffico sulla A14 nei giorni delle festività. Prima di Natale, per esempio, per percorrere il tratto tra Pescara e Ancona (circa 150 km), ci sono volute anche 7 ore, quando in condizioni normali la tempistica è di un’ora e mezza. E durante il controesodo si sono formati fino a 15 km di code, con tempi di percorrenza tra Vasto e Ancona stimati in 3 ore e 40 minuti. Per questo motivo Autostrade per l’Italia, concessionaria (fino a quando?) della Bologna-Taranto, ha disposto il rimborso del pedaggio, totale o parziale, a favore degli automobilisti che sono rimasti imbottigliati nelle code sulla A14 tra il 5 e il 7 gennaio 2020, predisponendo un’apposita procedura.

CHI PUÒ CHIEDERE IL RIMBORSO PER LE CODE SULLA 14

In particolare, avvisa ASPI, è possibile presentare la richiesta di rimborso per i transiti avvenuti tra le ore 12:00 di domenica 5 gennaio e le ore 24:00 di martedì 7 gennaio 2020. Il rimborso è riferito al pedaggio corrisposto per la porzione di tratta percorsa tra Vasto Nord e Porto S. Elpidio in direzione Ancona, ed è pari al 100% dell’importo se la velocità media registrata dai sensori presenti su strada è risultata inferiore ai 50 km/h nelle fasce orarie in cui è avvenuto il transito. O del 50% se inferiore a 60 km/h. Queste soglie, spiega ancora Autostrade per l’Italia, sono state fissate considerando le velocità medie registrate nei giorni omologhi di anni precedenti in assenza di restringimenti per lavori, risultate pari a circa 70 km/h.

CODE A14 5-6-7 GENNAIO 2020: COME CHIEDERE IL RIMBORSO DEL PEDAGGIO

La richiesta di rimborso può essere inviata esclusivamente online alla casella di posta elettronica info@autostrade.it, a partire dall’8 gennaio 2020. Gli automobilisti che hanno pagato il pedaggio in contanti devono allegare copia della ricevuta di pagamento e indicare anche il numero di targa del veicolo. Per chi ha pagato con Telepass o carte di credito/bancomat è sufficiente invece comunicare il numero del titolo di viaggio. Il rimborso avverrà poi tramite bonifico bancario. Intanto ASPI, se i disagi sulla A14 continueranno anche nelle prossime settimane, sta valutando un’esenzione dal pedaggio per gli utilizzatori frequenti di quel tratto di autostrada muniti di Telepass. Così da salvaguardare quanto meno i pendolari e la clientela business.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Previsioni traffico Natale 2019

Previsioni traffico 7, 8 e 9 agosto 2020, il weekend più caldo

Auto in panne: nel 60% la guida autonoma di livello 2 non le riconosce

Guida acquisto Auto Usata

Parco circolante Italia: nel 2020 il 60% ha oltre 11 anni