Cazoo: per il CEO la redditività potrebbe non arrivare mai

Nonostante gli investimenti avviati, Cazoo conferma che potrebbe non essere in grado di raggiungere una redditività stabile nel prossimo futuro

10 maggio 2022 - 15:57

La compravendita di auto è diventata sempre più digitale nel corso degli ultimi anni e tra le aziende che si stanno facendo largo sul mercato c’è Cazoo. Si tratta di un’azienda inglese, fondata nel 2018, che opera in diversi mercati europei mettendo a disposizione degli utenti un marketplace di auto usate, diversi servizi finanziari per agevolare l’acquisto ed anche un servizio in abbonamento come alternativa all’acquisto dell’auto. Cazoo ha registrato una forte crescita nel corso degli ultimi anni, sia in termini di unità vendute che ricavi. Nonostante l’ambizioso piano di crescita, però, Cazoo potrebbe non essere in grado di generare redditività in modo stabile in futuro. La conferma arrivare direttamente dall’azienda che ha recentemente pubblicato i risultati finanziari del primo trimestre del 2022.

CAZOO POTREBBE NON RAGGIUNGERE MAI UNA REDDITIVITA’ STABILE

Per Cazoo potrebbe essere arrivato il momento di fare i conti con risultati finanziari che, per quanto positivi, in termini di vendite, non garantiscono la redditività nel lungo periodo. In un documento ufficiale inviato alla SEC (la Securities and Exchange Commission americana; Cazoo è quotata alla Borsa di New York), l’azienda, tramite il suo CEO, Alex Chesterman, fa il punto sugli ultimi due anni di attività (2020 – 2021) e su quelli che potrebbero essere i margini di crescita futuri. Nel report, infatti, si legge come gli investimenti avviati nel corso degli ultimi anni potrebbero non garantire il raggiungimento degli obiettivi di redditività previsti. In particolare, l’azienda dichiara: “non possiamo garantire che diventeremo redditizi o che raggiungeremo i livelli di profitto previsti”. Tra le ipotesi anticipate dal report di Cazoo c’è anche la possibilità che, in futuro, l’azienda non sarà in grado di generare profitti, anche minimi. Lo scenario dipinto dal nuovo report inviato alla SEC da parte di Cazoo chiarisce un futuro potenzialmente molto difficile per il rivenditore di auto online che in questi due anni ha registrato una sostanziale crescita nel Regno Unito, tanto da espandere le sue operazioni in altri mercati.

L’AZIENDA HA GIA’ ACCUMULATO PERDITE CONSIDEREVOLI IN DUE ANNI DI ATTIVITA’

La possibile incapacità di generare redditività con il suo business non è l’unico punto critico di Cazoo. L’azienda, infatti, ha sottolineato come dall’inizio delle attività (dicembre 2019) si sia registrata una perdita accumulata per circa 665,3 milioni di sterline (il dato è aggiornato al 31 dicembre del 2021). Le previsioni per il 2022 e per gli anni successivi anticipano la possibilità di registrare ulteriori perdite. Cazoo, infatti, ha pianificato diversi investimenti per espandere le sue attività. Tra questi investimenti ci sono anche acquisizioni di società sinergiche (lo scorso gennaio, ad esempio, Cazoo ha acquisito la società Brumbrum) ed un potenziamento delle attività di marketing e della rete di infrastrutture. I nuovi investimenti e l’impossibilità di generare profitti potrebbero avere un impatto negativo sul futuro dell’attività come sottolineato nel report diffuso da Cazoo.

I FATTORI CHE IMPEDISCONO A CAZOO DI RAGGIUNGERE LA REDDITIVITA’

Cazoo ha iniziato le sue attività quasi due anni e mezzo fa nel Regno Unito. Nel frattempo, la pandemia ha cambiato (in alcuni casi solo temporaneamente) le abitudini di consumi degli utenti ed il mercato delle quattro ruote continua a dover fare i conti con vari problemi, a partire dalla crisi dei chip e dalla carenza di materie prime. L’azienda sottolinea come, in futuro, le perdite potrebbero continuare ad accumularsi a causa di una “adozione più lenta del previsto dei canali online per l’acquisto di auto”. Ad esempio, in Italia sono una minima parte di automobilisti valuta l’acquisto online dell’auto. Da notare, inoltre, che Cazoo ha rilevato anche una domanda inferiore alle attese per i servizi in abbonamento. C’è poi il fattore concorrenza, con diverse aziende che hanno investito nel settore. Da tenere in considerazione una generale debolezza del settore della vendita al dettaglio per il mercato auto ed una crisi economica, legata a fattori esterni, che potrebbero incidere negativamente sulle attività future del rivenditore.

I RICAVI DI CAZOO CONTINUANO A CRESCERE

Nonostante il report inviato alla SEC delinei un quadro decisamente negativo, Cazoo non ha intenzione di rallentare gli investimenti. Nel 2020, infatti, l’azienda ha generato 162,2 milioni di sterline di ricavi. Lo scorso anno, invece, i ricavi sono saliti a 667,8 milioni di sterline. Per quanto riguarda l’anno in corso, invece, i dati del primo trimestre del 2022 anticipano un’ulteriore crescita dei ricavi. Cazoo, infatti, ha chiuso il Q1 2022 con una crescita delle entrate del +159% per un totale di 295 milioni di sterline. Da notare, inoltre, che sono raddoppiati i veicoli venduti superando quota 19 mila unità nel solo primo trimestre dell’anno. Nonostante la crescita delle vendite, l’utile lordo si è dimezzato. Cazoo ha generato solo 2 milioni di sterline di utile lordo nel Q1 del 2022. In calo anche il margine lordo. In questo caso, infatti, il dato è passato dal 3,3% allo 0,5% con un calo di 2,8 punti.

CAZOO PUNTA SULL’ESPANSIONE PER RAGGIUNGERE LA REDDITIVITA’ FUTURA

Cazoo punta ad espandersi nel prossimo futuro, anche con la consapevolezza che non tutti gli obiettivi potrebbero essere raggiunti, come sottolineato nel report inviato alla SEC. Tra i target aziendali per i prossimi mesi c’è la volontà di rendere ancora più noto il brand (Cazoo ha avviato negli ultimi anni diverse sponsorizzazioni in ambito sportivo per raggiungere quest’obiettivo). Per la crescita sarà necessario, evidenzia l’azienda, aumentare il numero di visitatori del sito e, quindi, il numero di clienti, migliorando l’offerta e sviluppando business complementari in grado di garantire un incremento della redditività. Gli investimenti dell’azienda si concentreranno anche sull’espansione in altri mercati. Attualmente, oltre al mercato “di casa” del Regno Unito, Cazoo è attiva anche in Francia e Germania. Entro l’estate del 2022, però, prenderanno il via le attività anche in Italia ed in Spagna. Le linee guida per il futuro sono definite. Nonostante le previsioni sulla redditività, Cazoo ha confermato tutti gli investimenti annunciati. Nei prossimi mesi, l’espansione in nuovi mercati potrebbe sostenere la crescita. La risposta dei nuovi mercati sarà fondamentale per valutare il futuro del business di Cazoo.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Green NCAP, il tool per misurare l’efficienza auto: come funziona

Test e-Fuel e Biodiesel: quanto diminuiscono le emissioni auto?

Eccesso di velocità: in Austria confisca del veicolo per chi corre