Auto usate in Germania: attenti al trucco della reimmatricolazione

Auto usate in Germania: attenti al trucco della reimmatricolazione

Comprare l’auto usata in Germania non è sempre il modo migliore per risparmiare: ecco come proteggersi dalle finte auto tedesche reimmatricolate

5 Aprile 2023 - 15:00

Comprare un’auto usata importata dalla Germania è ritenuto un buon modo per trovare l’affare tanto atteso, spendendo meno per un allestimento migliore. Ma è sempre così? Da un’indagine di carVertical, società specializzata nel ricostruire la cronologia delle auto usate, è emerso che alcune auto usate, vengono solo reimmatricolate in Germania prima della rivendita. Un trucco che non ha nulla di illegale, a differenza delle auto schilometrate, ma da cui bisogna comunque proteggersi. Nei prossimi paragrafi ti spieghiamo perché e come fare.

AUTO USATA DALLA GERMANIA GIA’ IMMATRICOLATA IN ALTRI PAESI

L’importazione di auto usate dalla Germania è così diffusa che secondo i dati dell’Autorità federale tedesca per i trasporti, ogni anno circa 2 milioni di auto usate tedesche vengono reimmatricolate in altri Paesi, con punte fino al 50% in alcuni casi. Come è emerso da un’indagine di carVertical però, alcune auto usate in vendita in Germania potrebbero provenire da un altro Paese, dove erano state immatricolate per la prima volta e utilizzate prima del cambio delle targhe. Secondo i report dei controlli richiesti online tramite la piattaforma, i principali Paesi in cui le auto usate sono state immatricolate prima di essere importate in Germania sono:

  • Italia (16,6%);
  • Francia (12,7%);
  • Stati Uniti (10,6%);
  • Belgio (9,1%);
  • Romania (5,1%).

IL TRUCCO DELLA DOPPIA IMMATRICOLAZIONE DI AUTO USATE IN GERMANIA

“Il 4,3% delle auto in Germania ha avuto una storia all’estero. Abbiamo notato che le persone vendono modelli costosi in Germania, ma i nostri registri indicano che molti di essi non sono mai stati utilizzati nel Paese. Questo crea l’illusione di acquistare un’auto tedesca ben tenuta, mentre in realtà è importata dall’Italia, dalla Francia o dalla Romania”, spiega Matas Buzelis, responsabile delle comunicazioni ed esperto del settore automobilistico di carVertical. I motivi più frequenti per cui i venditori cercano di nascondere il passato di un veicolo con la doppia immatricolazione sono:

IL MITO DELLE AUTO USATE MIGLIORI DALLA GERMANIA: I RISCHI E COME EVITARLI

Secondo Buzelis, alcuni venditori che non riescono a vendere le auto in Paesi come la Repubblica Ceca e la Romania cercano di farlo introducendoli in Germania per aumentare le probabilità. “Una credenza popolare vuole che in Germania gli automobilisti acquistino auto più nuove, meglio equipaggiate e più costose, seguendo rigorosamente le raccomandazioni dei produttori per la manutenzione. In realtà, questi luoghi comuni possono indurre le persone ad acquistare senza consultare un rapporto storico o un meccanico qualificato”. Per tutelarti, puoi controllare la storia di un’auto usata direttamente online e funziona, perché l’abbiamo già provato per voi. Basta inserire il numero di telaio (anche noto come “VIN”) o la targa dell’auto usata per capire se sarà un buon acquisto o un pessimo affare. Clicca il banner qui sotto e riceverai informazioni dettagliate su:

  • storico chilometri percorsi dell’auto usata;
  • esistenza di denunce di furto auto in Italia e all’estero;
  • incidenti rilevanti in cui è stata coinvolta l’auto, i danni subiti e rimborsati al proprietario;
  • utilizzo dell’auto come taxi o auto a noleggio;

Questo servizio online ti permette di conoscere praticamente tutto ciò che un venditore poco trasparente non ti direbbe mai dell’auto usata che vorresti comprare.

Se non vedi il banner, clicca qui per controllare lo storico dell’auto usata.

Sicurauto Whatsapp Channel
Resta sempre aggiornato su tutte le novità automotive e aftermarket

Iscriviti gratis al nostro canale whatsapp cliccando qui o inquadrando il QR Code

Commenta con la tua opinione

X