Auto tedesche meglio delle italiane? Un’indagine dice che è il contrario

Il mito delle auto straniere meglio di quelle italiane è smentito da un’indagine europea: quelle tedesche hanno l’1% di difetti in più

12 luglio 2019 - 19:08

Quando si parla di affidabilità delle auto è facile avere opinioni diverse. Capita spesso di aver avuto esperienze sfortunate alla guida di una certa auto conservando un brutto ricordo di un determinato brand. Ecco che una ricerca ci aiuta a capire come, contrariamente a quanto in molti pensano, le auto italiane non siano peggiori delle tedesche. Numeri alla mano le auto italiane presentano 48 danni ogni 100.000 veicoli mentre, tra le tedesche, sono 53 cioè l’11% in più. Se si allarga il quadro con una comparativa tra Italia, Giappone, Francia e Germania, le auto tedesche sono le meno affidabili. Le auto giapponesi si piazzano prime per affidabilità seguite dalle francesi, chiude il podio l’Italia. Le vetture francesi e giapponesi sono entrambe meglio delle altre due concorrenti. Se si estende il confronto ai brand Toyota è al vertice, ultima Fiat mentre Alfa Romeo chiude sesta. Interessante il fatto che le parti più difettose (75%) siano prodotte in Germania. Diamo uno sguardo dettagliato allo studio.

ITALIA BATTE GERMANIA

In Italia è diffusa l’idea che le automobili tedesche siano superiori in termini di performance e durabilità. Anche chi cerca un usato garantito punta spesso su quello tedesco, più che per motivi di prezzo o kilometraggio, ma solo perché si pensa che sia più affidabile. Ecco allora che una ricerca di ECU Testing smonta questi miti e mette nero su bianco numeri interessanti. Lo studio poggia sui dati raccolti in 6 mesi di lavoro, dal 16 gennaio 2019 al 16 giugno 2019, su tutte le parti aggiustate provenienti da 4 paesi produttori: Francia, Italia, Germania e Giappone. I dati includono il numero di guasti, la casa produttrice, il paese di origine della parte difettosa. Per ottenere la media del paese la base di riferimento è quella delle 100.000 vetture. Le auto italiane presentano 48 difetti ogni 100.000 veicoli, mentre le tedesche sono a quota 53.

NAZIONALITA’ A CONFRONTO

Le auto italiane sono dell’11% più affidabili di quelle provenienti dalla Germania. Tra le 4 nazioni esaminate, le auto tedesche sono le meno affidabili. Primo posto le giapponesi con 17 danni su 100.000 unità, secondo per le francesi con 25 danni. La ricerca ha poi esaminato l’origine delle parti più difettose. I risultati anche qui smentiscono le aspettative e si dimostrano coerenti con i dati precedenti. Il 75% delle parti meccaniche o elettriche malfunzionanti vengono dalla Germania. In questo caso cambia la morfologia del podio. Al primo posto per affidabilità le componenti francesi con il 2%. Bene anche Irlanda e Usa con percentuali al 4% seguite dall’Italia. Se si guarda ai malfunzionamenti delle parti provenienti dall’Italia la loro percentuale è ferma al 6%. Questo significa che le parti “made in Italy” battono anche quelle giapponesi che sono a quota 8% e umiliano quelle tedesche che sono le più inaffidabili.

PARTI E MARCHI

L’ultima parte dello studio è dedicato al dettaglio dei marchi. Per ottenere i numeri è stato considerato un campione di 100.000 unità. Anche in questo caso le vetture teutoniche disattendono le attese. Alfa Romeo batte tutte le marche tedesche come Volkswagen, Opel, Audi, BMW e Mercedes-Benz. Le Alfa Romeo infatti hanno presentato 29 danni contro un più preoccupante 64 delle Mercedes. Bicchiere comunque mezzo pieno. I migliori brand sono, nell’ordine, Toyota, Renault e Honda che staccano di gran lunga gli altri. Non eccelle invece la Fiat, che si piazza all’ultimo posto della classifica sull’affidabilità suddivisa per marchi. Eppure è curioso che le Fiat registrino soltanto due guasti in più rispetto alle Mercedes-Benz che chiudono in penultima posizione. Insomma quelli presentati in questo studio saranno solo numeri e percentuali ma forse valgono più di una semplice opinione.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Parco circolante in Europa 2019: la mappa per tipo, alimentazione ed età

Monopattini elettrici biciclette

Monopattini elettrici come biciclette: via libera alla circolazione su strada?

Bruxelles adotta il limite in città a 30 km/h dal 2021