Auto in panne: come attendere il soccorso stradale nel modo corretto

Un guasto all'auto durante un viaggio è un'evenienza da tenere in conto, cosa fare aspettando il soccorso stradale per l'auto in panne

3 giugno 2020 - 14:20

Con l’inizio della bella stagione aumentano le gite fuori porta e i weekend degli italiani presso le località balneari o nelle città d’arte. In maniera analoga aumenta la possibilità di patire un guasto al proprio veicolo e ritrovarsi con l’auto in panne. Spesso è necessario ricorrere al soccorso stradale e all’intervento di un carro attrezzi, vediamo quali sono i comportamenti corretti per non creare intralcio alla circolazione e, soprattutto, come mettere in sicurezza se stessi e i propri passeggeri.

Ultimo aggiornamento del 3 giugno 2020 ore 14:00

AUTO IN PANNE: COME RENDERSI VISIBILI

Quando si rimane in panne con l’auto, senza poterla spostare fino alla piazzola d’emergenza, è fondamentale avvisare gli automobilisti che sopraggiungono. Il gesto più semplice è quello di attivare le quattro frecce, successivamente va posto il triangolo, che ricordiamo essere obbligatorio nella dotazione di bordo. Prima di scendere dall’auto per piazzare il segnale è importante, oltre che obbligatorio, indossare il giubbetto riflettente. Una pratica da evitare assolutamente è quella di scendere dall’auto per spingerla. E’ una delle condizioni più pericolose nelle quali ci si possa mettere dopo un guasto. E’ bene ricordare che fermarsi in corsia di emergenza è lecito, in caso sia assente o lontana la prima piazzola di sosta d’emergenza, per malore del conducente, guasto all’auto o colpo di sonno improvviso. Quest’ultimo ritenuto assimilabile al malessere fisiologico con sentenza della Cassazione 19170/2012. Tuttavia la sosta non può protarsi oltre il tempo necessario a superare l’emergenza stessa e comunque non oltre le 3 ore, tempo oltre il quale il mezzo potrà essere rimosso coattivamente.

AUTO IN PANNE: COME USARE IL TRIANGOLO DI EMERGENZA

Viaggiando su statali e autostrade si assiste spesso alla scena di un’auto in panne non segnalata e segnalata in modo errato con il triangolo. È capitato di vedere il triangolo a un metro dal paraurti posteriore o addirittura all’interno della vettura esposto dietro il lunotto. La funzione del triangolo è quella di avvisare le auto che sopraggiungono di un potenziale pericolo. Come recita il regolamento dell’art. 162 del Codice della Strada, deve essere posto ad almeno 50 metri dal veicolo fermo ed essere visibile ad almeno 100 metri di distanza. Bisogna poi ricordarsi di rimuoverlo quando l’auto può ripartire o viene prelevata dai mezzi del soccorso stradale.  Durante la sosta e la fermata di notte, in caso di visibilità limitata, devono sempre essere tenute accese le luci di posizione.

ATTENDERE I SOCCORSI PER L’AUTO IN PANNE

Una volta segnalata la presenza dell’auto in panne e chiamato il carro attrezzi è opportuno mettere al riparo i propri passeggeri. Se non è possibile raggiungere un’area di servizio o un autogrill è sempre consigliato far scendere in sicurezza gli occupanti dal veicolo. E’ preferibile farli attendere in una posizione riparata, meglio se lontani dalla sede stradale. Non sono frequenti gli incidenti che vedono coinvolte automobili ferme per guasti e altri mezzi che non le hanno avvistate o che, perdendo il controllo, le tamponano violentemente. Quindi meglio attendere il carro attrezzi in una situazione di totale sicurezza, ricordando sempre di controllare che al di là del guard rail non ci sia uno strapiombo prima di scavalcarlo in cerca di un maggiore riparo dalle auto in transito.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Guida distratta: il 14% delle multe in una settimana solo in autostrada

Gomme quattro stagioni: Dunlop debutta con le Sport All Season

24 Ore Le Mans 2020: Toyota e Peugeot protagoniste in gara