Auto GPL, i modelli da comprare con gli incentivi auto 2022

Con gli incentivi auto 2022 è possibile acquistare diverse auto a GPL, con la rottamazione di un usato, ottenendo uno sconto di 2.000 euro

15 aprile 2022 - 16:58

Le vendite di auto a GPL in Italia sono in ripresa negli ultimi mesi e con l’arrivo dei nuovi incentivi auto 2022 potrebbe esserci una spinta ulteriore al settore. Alcuni modelli di auto con sistema bifuel benzina / GPL, infatti, presentano emissioni sufficientemente ridotte per poter rientrare nella terza fascia degli incentivi auto, quella che considera i modelli con emissioni di CO2 comprese tra 61 e 135 g/km. Per questa fascia, la normativa sugli incentivi prevede la possibilità di acquisto con l’ecobonus solo in caso di rottamazione (di un modello fino ad Euro 4). Si tratta, in ogni caso, di un’opportunità per molti automobilisti in cerca di una vettura con cui percorrere molti chilometri mantenendo ridotti i costi di gestione. Le auto a GPL da acquistare con gli incentivi 2022 non mancano di certo.

LE VENDITE DI AUTO A GPL IN ITALIA SONO IN CRESCITA

Anche se il numero di produttori che propone modelli di auto con alimentazione a GPL si sta riducendo, le vendite di questo tipo di modelli sono in crescita. I dati del primo trimestre del 2022 relativi al mercato italiano confermano, infatti, un incremento netto delle vendite di auto a GPL, passate da circa 26 mila unità registrate nel primo trimestre del 2021 e oltre 30 mila unità. La quota di mercato di queste vetture è cresciuta di oltre 3 punti, arrivando fino all’8,9% e toccando un massimo di 9,3% nel corso del mese di marzo. Con la partenza dei nuovi incentivi auto, per gli automobilisti italiani c’è ora la possibilità di acquistare a prezzo ridotto una nuova auto a GPL. Nei prossimi mesi, quindi, grazie anche alla spinta degli incentivi, le vendite di questo segmento del mercato italiano potrebbero crescere ulteriormente.

GLI INCENTIVI AUTO PER LE VETTURE A GPL

Per tutte le auto termiche che rientrano nella fascia di emissioni tra 61 e 135 g/km è stato stanziato un fondo da 170 milioni di euro per il 2022. Sono previsti, inoltre, incentivi all’acquisto anche per il 2023 ed il 2024 con fondi, rispettivamente, per 150 e 120 milioni di euro. In questa fascia di emissioni rientrano anche diversi modelli GPL oltre a modelli benzina, diesel, ibridi (anche mild hybrid) e a metano. In questo caso, però, l’acquisto a prezzo scontato è possibile solo con rottamazione. Non è prevista la possibilità di accedere agli incentivi senza rottamazione, a differenza di quanto avviene con le altre due fasce di emissioni (0-20 e 21-60 g/km). Il bonus erogato è di 2.000 euro. C’è da considerare anche un tetto massimo di spesa che, come per le elettriche, è fissato in 35.000 euro + IVA, IPT e messa su strada. Complessivamente, il limite al prezzo d’acquisto per le auto termiche da meno di 135 g/km di emissioni è di circa 42.700 euro. Diversi modelli a GPL rispettano sia il tetto sulle emissioni che quello per il prezzo massimo.

I MODELLI DI AUTO A GPL DA ACQUISTARE CON GLI INCENTIVI 2022

Le opzioni da tenere in considerazione per l’acquisto di una nuova auto a GPL sfruttando gli incentivi prossimi alla partenza sono diversi. Ecco i modelli GPL da comprare con gli incentivi da tenere in considerazione:

– Dacia Duster, Dacia Jogger, Dacia Sandero Stepway e Streetway

– Evo 3 e Evo 5

– Fiat 500 e Fiat Panda

– Hyundai Bayon, i10 e i20

– Kia Ceed, Picanto, Rio, Stonic, XCeed

– Lancia Ypsilon

– Mitsubishi SpaceStar

– Nissan Micra

– Renault Captur e Renault Clio

Si tratta di modelli economici e compatti, in linea con quelle che sono le caratteristiche principali delle auto a GPL, soluzioni che promettono un risparmio sui costi di gestione, soprattutto per chi percorre tanti chilometri. L’aumento del prezzo del carburante, inoltre, non va ad alterare, più di tanto, gli equilibri di mercato.

IL PREZZO DEL GPL: GLI AUMENTI NON RIDUCONO LA CONVENIENZA

L’aumento del prezzo dei carburanti ha coinvolto anche il GPL che, dopo aver raggiunto valori particolarmente contenuti nel corso dell’estate del 2022, sta facendo registrare da quasi due anni continui rialzi. Gli ultimi dati sul prezzo del GPL confermano una quotazione da record con una spesa media superiore agli 85 centesimi al litro. Si tratta del dato più alto registrato dal 2013. Rispetto ad appena due anni fa, la spesa per il rifornimento è cresciuta, in media, di oltre il 40%. Si tratta, in ogni caso, di una crescita simile a quella fatta registrare da benzina e diesel. L’aumento del prezzo del GPL, quindi, non rappresenta un freno alla scelta di auto con questo tipo di alimentazione. Gli automobilisti che puntano sulle endotermiche, infatti, devono fare i conti con un incremento generalizzato dei costi del rifornimento. Per il GPL restano, quindi, i vantaggi legati ai bassi costi di esercizio delle vetture, in rapporto ai tempi attuali. Chi non può, o non vuole, passare all’elettrico o all’ibrido potrà sfruttare gli incentivi statali per l’acquisto a prezzo scontato di modelli GPL a basso impatto ambientale a condizione di avere un usato da rottamare.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

colonnine ricarica ue

Colonnine di ricarica con POS: la proposta del Parlamento UE

Blocco traffico Roma 4 dicembre 2022: orari e deroghe

Ricarica CCS vs NACS: la presa Tesla è “rischiosa” per i Costruttori