Aste auto: gli errori da evitare alla ricerca dell’affare

Le aste di auto possono rivelarsi miniere di affari, ma anche un campo minato: ecco come evitare gli errori più frequenti con le auto all’asta

1 ottobre 2021 - 14:00

Chi non ha mai pensato di partecipare alle aste di auto? E’ uno dei modi più facili per guadagnare dalla compravendita di auto all’asta. Come in ogni attività d’impresa, anche “scommettere” sull’aggiudicazione delle aste auto può garantire un ritorno economico proporzionato al rischio che ci si assume. In questo articolo vogliamo parlare proprio degli errori da evitare con le aste di auto.

Aggiornamento del 1° ottobre 2021: miglioramento leggibilità e ottimizzazione SEO dei contenuti

COMPRARE AUTO ALL’ASTA PUÒ ESSERE RISCHIOSO

Esistono delle regole chiare per partecipare all’asta giudiziaria, come per tutti gli altri beni da cui un creditore vuole recuperare un debito pendente. Spesso infatti proprio il proprietario dell’auto è anche il debitore, che tra gli altri soggetti all’articolo 1471 del Codice Civile, non può partecipare all’asta. Proprio i debiti sono uno dei rischi più grossi da mettere in conto di cui non sempre si è abbastanza informati (ne parliamo ai paragrafi successivi). Alle aste possono partecipare sia privati, sia rivenditori, quindi partecipare alle aste di auto può essere l’occasione per comprare un’auto da tenere per sé. Così come le aste possono essere sia telematiche, sia in presenza, sia con offerta “mista”. Le regole di cui parleremo qui sotto e gli errori da evitare con le aste valgono in generale.

I COSTI TOTALI DELLE ASTE DI AUTO

Lasciarsi travolgere dall’entusiasmo di partecipare a un’asta auto online espone molto più facilmente al rischio di sottovalutare i costi e gli errori. Primo tra tutti sono i costi fissi delle aste auto, che bisogna versare anche in anticipo (o tramite carta di credito). In genere all’offerta massima di aggiudicazione dell’asta bisogna aggiungere altri costi, alcuni variabili, in base al valore dell’auto all’asta o al regolamento della piattaforma:

– Deposito cauzionale;

– IVA;

– Oneri di assistenza;

Prima di fare offerte a un’asta di auto è fondamentale conoscere tutte le spese fisse da aggiungere al valore di chiusura. È l’errore che si rischia di commettere per inesperienza invogliati a partecipare dall’estrema convenienza del veicolo all’asta. Una volta aggiudicata l’asta, è possibile che la piattaforma applichi commissioni che assieme all’imposta sul valore aggiunto (a meno di dichiararsi esenti all’applicazione dell’IVA), può portare, ad esempio, il valore di un veicolo da 700 euro a oltre 1000 euro. E fin qui siamo solo al prezzo di acquisto da pagare alla chiusura dell’asta. Ma potrebbero esserci altri costi di cui parliamo sotto.

IL VALORE DI UN’AUTO USATA ALL’ASTA

A meno di essere dei veri conoscitori del mercato delle auto usate, il rischio di sottovalutare (o sopravvalutare) il reale valore di un’auto all’asta è molto frequente. Saper riconoscere esclusivamente a vista lo stato di usura di un’auto usata all’asta è l’unico strumento di valutazione a disposizione, sia dalle foto online, sia prendendo un appuntamento con il custode dell’auto. E’ fuori discussione poter provare l’auto usata o accedere all’abitacolo, al vano motore o al bagagliaio: si guarda ma non si tocca. Da qui è facile capire come possa essere rischioso portarsi a casa un’auto comprata all’asta con problemi molto più costosi di quanto è stata pagata.

IPOTECHE E PIGNORAMENTI SULLE AUTO ALL’ASTA

Non basta solo pagare l’auto all’asta per portarsela a casa: tutti gli oneri di immatricolazione e trasporto sono ovviamente a carico di chi se l’aggiudica. Prima di fare qualsiasi offerta è fondamentale chiedere lo stato del veicolo per accertarsi che non ci siano gravami ulteriori. Trattandosi spesso di aste di auto provenienti da fallimenti o recupero di crediti, è facile che ve ne siano. Con l’auto all’asta si corre il rischio di diventare debitori anche dei gravami, esattamente come per l’acquisto incauto di un’auto usata da un privato. Eventuali oneri aggiuntivi sono comunque riportati anche nella scheda del lotto, per cui è fondamentale leggere con estrema attenzione tutti i dettagli e in caso di dubbi chiedere informazioni chiare.

ASTE AUTO ONLINE E REGOLAMENTI DA LEGGERE

Comprare auto all’asta senza conoscere le regole e i regolamenti della piattaforma che ospita la vendita è l’errore che a cascata porta a quelli precedentemente citati. La fondamentale nelle aste di auto è conoscere bene diritti e doveri, ma soprattutto le regole da rispettare e i termini della vendita e del pagamento.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Gomme invernali 215/55 R17: la classifica di Auto Bild

Incidente apertura sportello: quando è colpa della moto?

Natale 2022 a Roma

Natale 2022 a Roma: nuovi orari Ztl e mezzi pubblici