Assicuratori auto: accordo su rinnovo contratto, +205 euro in busta paga

Trovato l'accordo per il rinnovo del contratto nazionale che riguarda i 47.000 lavoratori dipendenti del settore assicurativo. Previsto un robusto aumento in busta paga e non solo

16 novembre 2022 - 13:49

Buone notizie per i 47.000 lavoratori dipendenti delle compagnie di assicurazione (assicuratori auto e di tutti gli altri rami). ANIA e sindacati di categoria hanno infatti raggiunto un’ipotesi di accordo sul rinnovo del Contratto Collettivo Nazionale del Lavoro del settore assicurativo che era scaduto nel 2019. La bozza dell’accordo prevede un robusto ritocco della busta paga e un’elargizione ‘una tantum’ in denaro e welfare. Ma ci sono anche altre novità.

RINNOVO CONTRATTO NAZIONALE ASSICURATORI: LE PRINCIPALI NOVITÀ

La trattativa ANIA-sindacati, nello specifico Fisac Cgil, First Cisl, Uilca, Fna e Snfia, andava avanti da circa un anno e sembra essersi conclusa con reciproca soddisfazione, superando le tensioni tipiche di ogni negoziato. Merito soprattutto del fronte sindacale che si è mostrato sempre compatto durante la fase di contrattazione, e ha raggiunto gli obiettivi nonostante l’attuale situazione socio-economica caratterizzata da un alto livello di incertezza. Le principali novità del nuovo CCLN sono le seguenti:

– aumento di 205 euro lordi in busta paga, a regime tra il 2023 e il 2024. Importo ritenuto coerente con il livello dell’inflazione e con il lungo periodo di vacanza contrattuale (la richiesta iniziale dei sindacati era di 210 euro);

– erogazione ‘una tantum’ di 2.000 euro per arretrati 2020, 2021 e 2022, di cui 1.400 euro saranno corrisposti in denaro e 600 in welfare. 1.000 euro saranno elargiti già a dicembre 2022 (importo ‘una tantum’ per dipendenti di 4° livello, 7ª classe, da riparametrare per inquadramento, livello e per classe di anzianità secondo le tabelle stipendiali);

– costituzione dell’Osservatorio nazionale sulla digitalizzazione e l’innovazione tecnologica, strumento di contrattazione che consentirà di anticipare e gestire le evoluzioni tecnologiche e le loro ricadute;

– rivisitazione del Fondo di solidarietà per renderlo uno strumento più in linea con le attuali esigenze di riorganizzazione delle compagnie;

– in ambito contrattuale le parti hanno inoltre condiviso un rafforzamento in una logica inclusiva e con attenzione verso i soggetti deboli. Rafforzate anche le politiche di genere, di diversity, sulla disabilità e sui congedi parentali.

ASSICURATORI AUTO E ALTRI RAMI: RINNOVO CCNL 2023, SINDACATI SODDISFATTI

Come anticipato poc’anzi, le sigle sindacali che hanno partecipato alla trattativa per il rinnovo del Contratto Collettivo Nazionale del Lavoro del settore assicurativo si sono dette soddisfatte dell’ipotesi di accordo con ANIA, che adesso sarà messo al vaglio delle lavoratrici e dei lavoratori riuniti in assemblea in tutte le aziende per l’approvazione definitiva. Ecco alcune reazioni:

Emanuele Bartolucci, segretario nazionale UILCA: “Il rinnovo del CCNL è importante dal punto di vista economico e anche perché introduce una grande novità da un punto di vista normativo: la costituzione dell’Osservatorio nazionale sulla digitalizzazione e l’innovazione tecnologica, strumento di contrattazione che consentirà di anticipare e gestire le evoluzioni tecnologiche e le ricadute derivanti. Il rinnovo respinge tutti i tentativi compiuti dall’ANIA di destrutturare e impoverire il contratto, soprattutto in ambito di area contrattuale, comporto di malattia e inquadramenti”. Dal sito di Uilca si può scaricare e leggere la bozza del nuovo contratto nazionale degli assicuratori dipendenti con tutte le tabelle stipendiali.

Claudio Pellegriti, segretario nazionale FIRST-CISL: “Il rinnovo del contratto rappresenta un soddisfacente punto di equilibrio e l’aumento previsto si pone ai livelli più alti di riconoscimento economico tra i contratti nazionali recentemente rinnovati. In questo modo viene garantito un aumento significativo delle retribuzioni che permette di affrontare questo difficile periodo con rinnovata serenità”.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

colonnine ricarica ue

Colonnine di ricarica con POS: la proposta del Parlamento UE

Blocco traffico Roma 4 dicembre 2022: orari e deroghe

Ricarica CCS vs NACS: la presa Tesla è “rischiosa” per i Costruttori