Anziani al volante: l’80% che rinuncia si sente isolato

Gli anziani al volante o a piedi rappresentano un rischio per la sicurezza stradale e loro stessi, ma in molte città non c’è ancora una soluzione

10 dicembre 2020 - 15:00

Gli anziani al volante conservano quell’indipendenza fondamentale in molti contesti sociali e geografici. Quando per motivi di età o protezione familiare sono costretti a smettere di guidare rischiano l’emarginazione. Lo afferma un’indagine USA sulla sicurezza di guida e gli anziani al volante, quando non possono fare a meno di utilizzare l’auto.

ANZIANI AL VOLANTE: 1 SU 3 NON POTREBBE GUIDARE

Secondo il sondaggio USA del National Aging and Disability Transportation Center, il 33% degli americani sopra i 60 anni si identifica con una disabilità che potrebbe rendere difficile guidare un’auto. Nonostante questo comunque l’82% afferma di mettersi al volante. Una conseguenza del fatto che il 68% degli anziani afferma che sarebbe difficile trovare opzioni di trasporto alternative senza l’auto. Una condizione evidentemente molto più amplificata in tutti i Paesi che hanno basato l’evoluzione urbanistica attorno all’uso dell’auto personale. Tra le persone intervistate che hanno appeso le chiavi dell’auto al chiodo, il 79% afferma di sentirsi isolato. Tra le motivazioni più frequenti, la difficoltà di poter raggiungere beni e servizi essenziali.

ANZIANI AL VOLANTE E INCIDENTI STRADALI

Tuttavia, le autorità affermano che gli incidenti in auto con anziani alla guida sono aumentati tra il 2009 e il 2018 del +36% per gli uomini e del +17% per le donne. Ma c’è un aspetto ancora più preoccupante, gli anziani che non sono alla guida diventano pedoni e potenziali vittime a piedi. Nello stesso arco di tempo infatti, le persone a piedi con un’età media superiore a 70 anni sono morte il 53% in più. Secondo le statistiche sugli incidenti con anziani al volante negli USA, è maggiore il rischio che si verifichi un incidente multiplo anziché con singolo veicolo.

QUANTE CITTA’ SONO A MISURA DI ANZIANI CHE NON GUIDANO?  

Durante la settimana per la sicurezza degli anziani l’NHTSA ha portato alluce un fenomeno per cui i legislatori non sembrano ancora avere una soluzione. Più del 50% degli anziani intervistati ha affermato che utilizzerebbe il trasporto pubblico se fosse disponibile a un prezzo accessibile. Il 61% degli anziani d’accordo a lasciare l’auto vive in piccole città. Un problema meno evidente nei Paesi meno “autocentrici” è “lasciare che un anziano con deficit motori o di salute rimanga in contatto con la sua comunità tramite la sua auto: questo può facilmente ucciderlo” afferma USAStreetsBlog, ma lo stesso vale costringendoli a fare affidamento su un’infrastruttura pedonale che di solito non è ben progettata pensando alle esigenze di un anziano che non guida più.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Divieto di fermata

Divieto di fermata: cartello, multa e rimozione

Costo Multe in Germania: dal 2021 aumentano fino al doppio

Motorizzazione Brescia: contatti, indirizzo e come raggiungerla